Seguici sui social

Armenia

L'Armenia torna al tavolo dei negoziati dopo aver rifiutato i colloqui con l'Azerbaigian a dicembre

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Presidente dell'Azerbaigian e il Primo Ministro dell'Armenia hanno avuto colloqui a Bruxelles facilitati dal Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel. Questo sviluppo positivo ha visto progressi sulle questioni relative ai confini e ai trasporti dopo che i precedenti colloqui con il presidente Michel si sono bloccati quando l'Armenia si è rifiutata di partecipare a un incontro lo scorso dicembre, scrive il redattore politico Nick Powell.

Gli sforzi di Charles Michel per aiutare l'Azerbaigian e l'Armenia ad accettare una pace duratura sono stati sospesi alla fine dello scorso anno, quando il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha rifiutato di partecipare a un ulteriore incontro a Bruxelles con il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev. Ma la pazienza dell'Unione Europea -e dell'Azerbaigian- è stata premiata con un incontro che si è svolto il 14 marzo.

Sembra che a Bruxelles sia stato fatto qualche passo avanti nella disputa tra i due Paesi. Si tratta principalmente della regione del Karabakh, che si trova all'interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell'Azerbaigian, ma che ha portato devastazione in un'area molto più vasta durante due grandi guerre, causando diffusa miseria umana e sconvolgimento economico. Dopo l'incontro, il Ministero della Difesa dell'Azerbaigian ha riferito che le sue postazioni militari nella regione di Kalbajar erano state colpite dai colpi di mortaio delle forze armate armene.

Tuttavia, i leader hanno confermato che si incontreranno di nuovo il mese prossimo, insieme al presidente francese Macron e al cancelliere tedesco Scholz, durante il vertice della Comunità politica europea a Chisinau, in Moldavia. Le due parti non hanno offerto una lettura dettagliata dei loro colloqui Bruxelles ma il presidente Michel ha fornito alcuni commenti.

"I nostri scambi sono stati franchi, aperti e orientati ai risultati", ha affermato. “Dopo i recenti colloqui positivi negli Stati Uniti sul trattato di pace, dovrebbe essere mantenuto lo slancio per compiere passi decisivi verso la firma di un accordo di pace globale tra Armenia e Azerbaigian”.

"Sulle questioni di confine, abbiamo esaminato i progressi e i prossimi passi per quanto riguarda la delimitazione del confine", ha aggiunto. Charles Michel ha anche riferito di buoni progressi sullo sblocco dei collegamenti di trasporto ed economici “in particolare sulla riapertura dei collegamenti ferroviari da e per Nakhchivan”.

In un'intervista con EU Reporter il mese scorso, Elchin Amirbayov, che è assistente del primo vicepresidente dell'Azerbaigian, ha espresso la sua aspettativa che il presidente Michel riprenderà presto il suo ruolo di facilitatore dei colloqui di pace. Amirbayov ha visto la ricostruzione della ferrovia attraverso l'Armenia che collega l'Azerbaigian con la sua exclave di Nakhchivan come un'importante misura di rafforzamento della fiducia.

pubblicità

Potrebbe far parte del corridoio di mezzo tra l'Asia e l'Europa, ha affermato, consentendo all'Armenia di beneficiare di questa rotta commerciale sempre più importante una volta che una pace sostenibile riaprirà i suoi confini sia con l'Azerbaigian che con la Turchia. Ha detto che il suo paese stava offrendo all'Armenia una strategia "win-win", non la pace del vincitore.

"Con esso, l'Armenia ne beneficerà ancora di più perché sarà aperta agli investimenti, ad esempio, dai paesi che la circondano", ha spiegato Amirbayov. “Sarebbe considerato un luogo relativamente stabile che in realtà non sta rischiando alcun nuovo confronto con i suoi vicini”.

Il Ministero degli Affari Esteri dell'Azerbaigian ha successivamente confermato che i colloqui di Bruxelles avevano incluso la delimitazione dei confini e il ripristino delle comunicazioni. Ha sottolineato l'estrema importanza dell'accettazione da parte dell'Armenia dell'integrità territoriale dell'Azerbaigian riconosciuta a livello internazionale.

Ha affermato che l'incontro ha anche fornito l'opportunità di discutere questioni umanitarie, inclusa in particolare l'importanza di chiarire il destino delle persone scomparse e di accelerare il processo di bonifica dei campi minati. L'Azerbaigian è rimasto pronto a continuare il dialogo e l'interazione con i partner internazionali per raggiungere relazioni normali con l'Armenia.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending