Seguici sui social

Austria

Full fiber per un'Europa digitale e sostenibile

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Vienna è una città con un'altissima qualità della vita, caratteristica molto apprezzata dai tanti visitatori che giungono nella capitale austriaca. E per tre giorni, ospiterà l'FTTH 2022, un'importante conferenza del settore con la missione di promuovere la connettività onnipresente basata su fibra completa in tutta Europa. La conferenza e la mostra di tre giorni si svolgono presso l'imponente Messe Wien Exhibition & Congress Center di Vienna, in Austria.

Messe Wien Exhibition & Congress Center, Vienna, Austria.

Liberato dalle restrizioni del Covid, quest'anno il settore accoglie con favore l'opportunità di incontrarsi di nuovo fisicamente.

Rivolta a oltre 3,500 partecipanti provenienti da 1,000 aziende e oltre 100 paesi, la conferenza FTTH è il più grande luogo di incontro al mondo per gli stakeholder della banda larga., tutti cogliendo l'opportunità di partecipare al principale hub mondiale di conferenze e reti in fibra con la possibilità di incontrare centinaia di delegati, espositori e partner e presentare le ultime soluzioni tecnologiche di prodotti e servizi FTTH e le tendenze del settore.

Tra le aziende presenti spicca la multinazionale cinese di apparecchiature e sistemi per telecomunicazioni ZTE.

La loro impressionante offerta include il prototipo della prima unità di rete ottica (ONU) nel settore a supportare sia la rete ottica passiva con capacità di 50 Gigabit (50G PON) che le tecnologie Wi-Fi 7.

Peng Aiguang, Presidente dell'Europa e delle Americhe per ZTE, ha dichiarato a EU Reporter "ZTE è passata dall'essere una sfidante a un leader di mercato aumentando la spesa anno dopo anno in ricerca e sviluppo".

"Siamo lieti che ZTE sia considerato un partner affidabile e un fornitore di apparecchiature per le reti di telecomunicazioni in tutta Europa e nel resto del mondo"

pubblicità
Peng Aiguang, Presidente dell'Europa e delle Americhe per ZTE

“Il nostro obiettivo è costruire una reputazione basata sui valori fondamentali di ZTE. La partecipazione delle parti interessate europee e il successo dell'evento di oggi dimostrano che il lavoro che stiamo facendo sta dando i suoi frutti”.

"A differenza delle società rivali, ZTE ha costruito un "modello europeo" di operazioni, con oltre 3000 dipendenti europei e affidando agli europei i più alti livelli di autorità di gestione".

Christian Woschitz è stato in precedenza manager per la regione austriaca di ZTE che comprendeva 5 paesi dell'Europa orientale. La sua recente nomina a Presidente dell'Europa centro-orientale lo vede ora gestire 19 paesi che sono frammentati in 3 diverse regioni.

Gli abbiamo chiesto quali obiettivi primari aveva fissato nella sua agenda per lo sviluppo del business nell'Europa centro-orientale?

Christian Woschitz, Presidente dell'Europa centro-orientale per ZTE

“Il nostro obiettivo per il prossimo periodo è rafforzare le nostre partnership esistenti nel settore delle infrastrutture e dei dispositivi di consumo. A causa della pandemia, la domanda globale di digitalizzazione della società e delle imprese è aumentata rapidamente. Come base per questo, sarà molto importante che gli operatori garantiscano la connettività a banda larga e una capacità sufficiente per i loro consumatori o clienti commerciali. ZTE con la sua tecnologia all'avanguardia, in particolare nel campo del 5G e delle reti in fibra ottica, sarà un partner affidabile per fornire l'infrastruttura richiesta.

Come ZTE vediamo un grande potenziale nella regione CEE, in particolare il mercato frammentato con molti piccoli paesi e lingue diverse che necessitano di un partner tecnologico flessibile e affidabile come noi.

ZTE è un'azienda in rapida crescita nella regione CEE e ci concentriamo fortemente per creare partnership più affidabili e a lungo termine con i clienti di livello 1. La prospettiva della tecnologia della forma è ancora il più grande potenziale per lo sviluppo del business che vedo nel campo del 5G, FTTH, dispositivi multimediali e di consumo come CPE, router, AP/mesh e smartphone".

Christian Woschitz (centro) parla con Thomas Arnolder, CEO di A1 Telekom Austria Group (A destra)

Nonostante la sua recente nomina, continua ad essere CEO di ZTE Austria. L'attività austriaca di ZTE è considerata centrale in Europa?

"Per ZTE il mercato austriaco ha una storia molto lunga e di successo, nell'anno 2009 Hutchison Drei Austria ha premiato ZTE per la modernizzazione della rete radio e centrale a livello nazionale. Questo è stato il primo progetto completo chiavi in ​​mano in Europa di dimensioni considerevoli. Da questo punto di vista, potremmo dire che le nostre radici in Europa sono profondamente legate al mercato austriaco.

Dall'anno scorso Vienna è diventata l'hub per la regione CEE e ho posizionato tutto il personale della mia piattaforma regionale in Austria. Gli insegnamenti del mercato austriaco diventeranno un modello di best practice per la regione CEE, quindi se consideriamo che la nostra quota di mercato delle telecomunicazioni in Austria è in realtà di circa 1/3, ci dà un obiettivo molto ambizioso per la regione.

Nelle telecomunicazioni, l'Austria è uno dei paesi più competitivi in ​​Europa. Da quando ZTE è entrata nel mercato nel 2010 modernizzando nel più breve tempo la rete completa di Hutchison Drei Austria, è iniziata la corsa per la migliore copertura, qualità ed esperienza utente. Oltre al fatto che il governo austriaco ha assicurato una base molto solida per gli investimenti con il telecom act 2020, la forte concorrenza continua con il 5G. Attualmente, gli operatori di telecomunicazioni austriaci investono annualmente 700 milioni di euro per il lancio del 5G. Questo massiccio investimento ha assicurato che circa l'80% della popolazione può già usufruire dei servizi 5G.

Pertanto, nella regione CEE, l'Austria è attualmente il paese più avanzato in termini di copertura della popolazione 5G. Tuttavia, possiamo anche assistere a un rapido programma di implementazione del 5G in Repubblica Ceca, Ungheria, Bulgaria e Croazia. Ma ci sono anche diversi paesi come la Serbia e la Romania in cui la licenza 5G non è stata messa all'asta finora.

Quello che possiamo vedere è che l'attuale motivazione principale per il 5G è ancora quella di fornire una capacità di banda larga sufficiente al consumatore finale. Questo spiega perché in Austria è molto più veloce che ad esempio in Romania. L'Austria ha 200 abbonati in fibra attiva, la Romania ne ha 6.5 ​​milioni.

Allora come vede l'evoluzione della fibra in Europa?

"I servizi in fibra possono apportare un valore e un vantaggio significativi all'UE nella trasformazione digitale. Ciò deve essere in grado di soddisfare le esigenze di una strategia globale dell'UE digitale, mentre iniziamo la migrazione dai servizi legacy a banda larga basati su rame a una nuova infrastruttura di servizi a banda larga basata su fibra ad alta velocità.

ZTE ha collaborato continuamente con gli operatori dell'UE come soluzione PON leader e fornitore di video E2E. Ad esempio, abbiamo realizzato in Austria, Spagna, Italia, Turchia, Romania, Rep. Ceca e Grecia, per costruire l'evoluzione della rete in fibra.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending