Seguici sui social

Kenia

Il Kenya è il prossimo Singapore?

SHARE:

Pubblicato il

on

Di Jean Clarys

L’idea che il Kenya possa diventare la prossima Singapore sembra ambiziosa e provocatoria. Singapore è spesso citata come esempio di rapido successo economico e il Kenya aspira a una trasformazione simile. Questo articolo esamina le principali somiglianze e differenze tra questi due paesi per valutare questa ipotesi.

Quadri politici ed economici: un'analisi comparativa

Dagli anni ’1960 Singapore ha vissuto una spettacolare trasformazione economica. Un tempo piccolo porto di pescatori, Singapore è diventato uno dei centri finanziari più prosperi del mondo. Questo successo si basa su diversi fattori: rigorosa stabilità politica, politiche favorevoli alle imprese e infrastrutture di prim’ordine. Ad esempio, l'aeroporto Changi di Singapore è costantemente classificato tra i migliori al mondo e il porto di Singapore è uno dei più trafficati in termini di tonnellaggio marittimo.

Il governo di Singapore ha creato un ambiente imprenditoriale favorevole, attirando massicci investimenti esteri e stimolando la crescita economica. Il Kenya, d’altra parte, è attualmente a un bivio critico tra M-Pesa e M-Pesa, che hanno rivoluzionato il mobile banking.

Le recenti riforme, in particolare nel quadro della Vision 2030, mirano a trasformare il Kenya in un paese industrializzato a reddito medio. Ambiziosi progetti infrastrutturali, come lo sviluppo della Standard Gauge Railway (SGR) che collega Mombasa e Nairobi, illustrano l'intenzione del Kenya di modernizzare la propria economia.

Governance e sforzi anticorruzione: percorsi divergenti

pubblicità

Il modello di governance di Singapore è spesso descritto come un autoritarismo benevolo, caratterizzato da un’amministrazione efficiente e da incessanti sforzi anti-corruzione. Il Corrupt Practices Investigation Bureau (CPIB), istituito nel 1952, svolge un ruolo cruciale nel mantenere bassi i livelli di corruzione. Questo approccio ha mantenuto la stabilità politica e sociale, creando un ambiente favorevole alla crescita economica. Anche le politiche economiche di Singapore, come le zone economiche speciali e gli incentivi fiscali, hanno svolto un ruolo cruciale nell'attrarre investimenti esteri.

Ad esempio, il progetto Jurong Island ha trasformato un gruppo di piccole isole in un hub chimico di livello mondiale. Dall'altra parte dell'Oceano Indiano, in Kenya, la situazione politica attuale è molto diversa da quella di Singapore. In effetti, il paese si trova ad affrontare sfide di governance e persistenti problemi di corruzione. Il paese si colloca male nell’indice di percezione della corruzione, che evidenzia la necessità di riforme sostanziali.

Tuttavia, le recenti iniziative mostrano la volontà di cambiare. L’istituzione della Commissione Etica e Anticorruzione (EACC) e la nuova legislazione volta a migliorare la trasparenza sono passi nella giusta direzione. La graduale democratizzazione e le riforme amministrative mirano a migliorare l’efficienza del governo e ad attrarre maggiori investimenti esteri. La lotta alla corruzione rimane una sfida importante, ma negli ultimi anni sono stati compiuti progressi significativi e sono stati perseguiti casi di alto profilo.

Infrastrutture e sviluppo urbano: gettare le basi per la crescita

Singapore vanta una rete di trasporti estremamente efficiente e uno sviluppo urbano ben integrato. Il sistema Mass Rapid Transit (MRT) è un ottimo esempio di trasporto pubblico efficace, facilitando lo spostamento efficiente all’interno della città. Infrastrutture di prim’ordine, tra cui un porto di livello mondiale e un aeroporto internazionale, sono pilastri essenziali della sua economia. Il governo di Singapore ha investito molto nelle infrastrutture, riconoscendone l’importanza per lo sviluppo economico e per attrarre imprese internazionali.

Da parte sua, il Kenya ha intrapreso diversi recenti progetti infrastrutturali per modernizzare le proprie reti di trasporto e comunicazione. La Thika Superhighway è un esempio notevole, poiché migliora la connettività tra Nairobi e le regioni circostanti. Iniziative come il progetto ferroviario Mombasa-Nairobi e lo sviluppo di autostrade mirano a migliorare la connettività e stimolare l’economia. Tuttavia, il finanziamento e la gestione di questi progetti pongono sfide significative. I partenariati pubblico-privati, come il progetto del corridoio Lamu Port-South Sudan-Ethiopia Transport (LAPSSET), vengono spesso utilizzati per superare questi ostacoli, offrendo opportunità di sviluppo futuro.

Istruzione e innovazione: costruire un'economia basata sulla conoscenza

Il sistema educativo di Singapore è rinomato per la sua eccellenza, in particolare nei campi della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica (STEM). Istituzioni come la National University of Singapore (NUS) e la Nanyang Technological University (NTU) sono altamente classificate a livello globale. Il governo incoraggia fortemente l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, il che ha consentito a Singapore di diventare un leader globale nella tecnologia e nell’innovazione. Ad esempio, l’Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca (A*STAR) promuove l’innovazione in vari campi.

In una dinamica simile a quella di Singapore, anche se permangono sfide, anche il Kenya ha compiuto progressi significativi nel campo dell’istruzione. Il paese ha visto un aumento dei tassi di alfabetizzazione e delle iscrizioni scolastiche. Iniziative come i poli tecnologici e il sostegno alle start-up dimostrano l’impegno a promuovere l’innovazione. Il paese è diventato un centro tecnologico in Africa, con notevoli sviluppi nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Ad esempio, l’iHub di Nairobi funge da spazio di lavoro collaborativo per gli imprenditori tecnologici. Tuttavia, per raggiungere il livello di Singapore, sono necessari ulteriori investimenti nell’istruzione e nell’innovazione.

In sintesi, sebbene Kenya e Singapore condividano alcune somiglianze in termini di sviluppo economico e aspirazioni di modernizzazione, permangono differenze significative. L’efficace modello di governance di Singapore e gli sforzi anti-corruzione contrastano con le sfide politiche del Kenya. Tuttavia, con continue riforme e investimenti strategici nelle infrastrutture e nell’istruzione, il Kenya ha il potenziale per seguire una traiettoria di sviluppo simile a quella di Singapore. Solo il tempo dirà se il Kenya potrà davvero diventare la prossima Singapore, ma i segnali attuali sono promettenti.

© Jean CLARYS, 2024. Tutti i diritti riservati

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending