Seguici sui social

Diritti umani

Un nuovo studio classifica i paesi più LGBTQI+ friendly in cui lavorare

SHARE:

Pubblicato il

on

  • Norvegia e Paesi Bassi in cima alla lista: questi paesi eccellono in termini di inclusività, sicurezza e protezione dalla discriminazione LGBTQI+.
  • L’UE apre la strada: i paesi europei dominano la top 10.
  • Il Canada ha il punteggio di sicurezza più alto per le persone LGBTQI+

Tutti dovrebbero sentirsi sicuri, inclusi e apprezzati nel proprio posto di lavoro e, nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni, questa è ancora una lotta per molti dipendenti LGBTQI+.

La ricerca mostra che i lavoratori LGBTQI+ sperimentano una maggiore insoddisfazione lavorativa, una minore sicurezza psicologica e una minore sicurezza psicologica livelli più elevati di conflitto sul posto di lavoro rispetto alle loro controparti eterosessuali. Con questo in mente, specialisti dello spazio di lavoro flessibile Uffici istantanei voleva scoprire i paesi che stavano andando nella giusta direzione, classificando 24 paesi in base a criteri quali sicurezza, accettazione sociale e protezione dalla discriminazione sul lavoro, sono riusciti a classificare i paesi più inclusivi LGBTQI+ in cui lavorare e vivere. 

I 10 paesi più inclusivi per le persone LGBTQI+

RANGOPAESE ACCETTAZIONE SOCIALE DELLA LGBTQI+PUNTEGGIO DI SICUREZZA PER LGBTQI+PUNTEGGIO DI SICUREZZA PER LGBTQI+
1Norvegia9.383581*
1Olanda9.463731
3Canada9.023831
4Spagna8.773561
5Svezia9.183771
6Belgio7.953431
7Germania7.733091
8Francia7.733381
8Australia8.033041
10UK8.343421

Norvegia e Paesi Bassi condividono il primo posto per il trattamento inclusivo dei dipendenti LGBTQI+, pur essendo entrambi tra i primi 5 paesi più sicuri per la comunità LGBTQI+. 

Il punteggio di accettazione sociale più alto è andato ai Paesi Bassi. Il paese è stato notoriamente il primo al mondo a legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la tanto amata celebrazione dell'Amsterdam Pride attira ogni anno diverse centinaia di migliaia di visitatori da tutto il mondo. 

Il Canada ha ottenuto il punteggio di sicurezza più alto per le persone LGBTQI+. L'Indice di pericolo LGBTQI+ di Asher & Lyric nel 2023 ha classificato il Canada al primo posto in base al riconoscimento legale delle relazioni LGBTQI+, alla protezione costituzionale delle persone LGBTQI+ e alla criminalizzazione della violenza contro di loro.

pubblicità

Le statistiche lo mostrano anche i paesi con punteggi elevati hanno ancora molta strada da fare, soprattutto quando si tratta di riconoscimento e accettazione delle persone trans e non binarie, per questo Instant Offices ha fornito 6 suggerimenti che aiuteranno le aziende a creare una cultura di accettazione LGBTQI+.

6 modi per creare una cultura di accettazione LGBTQI+ nella tua azienda

  1. Comunicare i propri obiettivi di diversità, uguaglianza e inclusione (DEI) a tutti i dipendenti e fornire formazione DEI a tutti i dipendenti. Ciò include spiegare cosa significa essere un alleato LGBTQI+. Maggiori informazioni sul DEI sul posto di lavoro.
  2. Utilizzare un linguaggio inclusivo e incoraggiare tutti i dipendenti a fare lo stesso.
  3. Rivedi regolarmente le tue pratiche DEI e identifica le aree che necessitano di miglioramento.
  4. Seguire pratiche di reclutamento inclusive.
  5. Creare un gruppo di risorse dei dipendenti (ERG) per i dipendenti LGBTQI+.
  6. Incoraggiare la celebrazione del Pride sul posto di lavoro.

CLICCA QUI per visualizzare l'intero post del blog

Metodologia

Utilizzando un elenco di paesi con il PIL più elevato, abbiamo raccolto dati sull’indice di uguaglianza, sulla protezione dalla discriminazione sul lavoro, sull’accettazione sociale e sulla sicurezza delle persone LGBTQI+. Abbiamo quindi classificato ciascun paese dal più alto al più basso e ottenuto il totale per ciascun paese per stilare la nostra lista finale.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending