Seguici sui social

Le migliori località

Sudan: L'appello per la pace e la riconciliazione del generale Dagalo

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Vicepresidente del Sovrano Consiglio del Sudan e capo delle Forze di Azione Rapida, il Luogotenente Generale Mohamed Hamdan Dagalo, ha rivolto un accorato appello all'intero Paese, colpito da una guerra civile decennale, per la pace, la democrazia, contro la discriminazione e minacce interne e interne. Un vero appello alla riconciliazione nazionale.

Il conflitto tribale nel Sudan meridionale ha provocato 105 morti e 291 feriti la scorsa settimana, secondo il nuovo bilancio fornito dal Ministero della Salute del Nilo Azzurro. Il vicepresidente Dagalo ha dichiarato che il suo governo è pronto a “andare in guerra” a causa dell'instabilità interna del Paese che “minaccia la sua stessa esistenza”.

Ecco la sua chiamata alla Nazione:

“Innanzitutto, vorrei esprimere la mia più profonda tristezza per ogni anima morta ingiustamente nello Stato del Nilo Azzurro, nel Darfur, nel Sudan orientale, a Khartoum e in tutto il Paese. Mi rivolgo a voi qui oggi mentre il Sudan affronta una pericolosa crisi che mette in pericolo la nostra unità, sicurezza, protezione e tessuto sociale e costringe tutti noi a fermarci e guardarci dentro – onestamente e sinceramente e a mettere in discussione la nostra responsabilità nazionale e morale. 

La diffusione del conflitto tribale in Sudan è un insensato spargimento di sangue e l'innalzarsi di voci di odio e razzismo porterà inevitabilmente il nostro Paese al collasso. Non farò mai parte di questo disastro e non starò in silenzio. Dobbiamo ritenere responsabili tutti coloro che minacciano il nostro paese e il nostro popolo. Sto seguendo da vicino e sono pienamente consapevole delle minacce interne ed esterne che il nostro Paese deve affrontare. Invito tutti gli onorevoli patrioti delle forze politiche, rivoluzionarie e sociali a unirsi e lavorare insieme per affrontare le minacce e raggiungere soluzioni politiche urgenti. 

È tempo di concentrarsi e aprire gli occhi sull'incredibile disgrazia che è caduta sulla nostra nazione. Caro popolo sudanese. Avrete visto le decisioni prese dal Presidente del Consiglio di Sovranità di Transizione: il 4 luglio il Comandante in Capo delle Forze Armate, il tenente generale Abdel Fattah Al-Burhan, attraverso il quale ci siamo impegnati a non aggrapparci a un autorità che potrebbe portare a ulteriori spargimenti di sangue e incidere sulla stabilità del nostro Paese. 

Abbiamo così deciso, insieme, di dare l'opportunità alle forze politiche rivoluzionarie e nazionali di negoziare e raggiungere un accordo senza l'ingerenza della componente militare, secondo il nostro ruolo sancito sia dalla Costituzione che dalla legge.

pubblicità

Invito pertanto tutte le forze politiche rivoluzionarie e nazionali ad affrettarsi urgentemente a trovare soluzioni per stabilire un governo a guida civile e finalizzare le sue istituzioni.

Caro popolo sudanese, farò del mio meglio per continuare ad aiutare il nostro Paese a superare tutte le sfide, tendere una mano forte per tirarlo fuori dall'orlo e ripristinare l'ordine e la sicurezza. 

Mio onorevole popolo sudanese, ho trascorso le ultime settimane in Darfur e tornerò di nuovo per continuare la mia missione, attuare e completare l'accordo di pace. Sono rimasto scioccato dalla distruzione di massa lasciata da anni di guerra ed emarginazione, dal livello di conflitto e conflitto ancora in corso tra le persone in questa regione, dalla diffusione della povertà, dai servizi forniti alla popolazione e dall'assenza di uno stato di diritto . 

Ho compiuto uno sforzo concertato, che finora ha mostrato risultati promettenti, per porre fine ai conflitti e promuovere lo stato di diritto. Insieme ai nostri partner, continuerò a fare il lavoro che hanno iniziato, finché ogni centimetro del nostro Paese gode di sicurezza e stabilità, quindi sconfiggiamo il razzismo e l'odio una volta per tutte. Data la grande diversità della nostra gente qui in Sudan, dobbiamo porre fine a tutte le forme di discriminazione. 

Tutti gli esseri umani sono uguali. Non c'è differenza tra l'una o l'altra, una tribù o l'altra, una razza o un'altra. Dio ci ha creati dall'argilla e noi torneremo a Dio, che ci ricompenserà. Dio ricompenserà coloro che fanno il bene e punirà coloro che hanno sbagliato con i loro peccati. 

In conclusione, ribadisco il mio pieno impegno a salvaguardare gli obiettivi della gloriosa rivoluzione di dicembre e a proteggere il periodo di transizione che conduca ad una vera trasformazione democratica e ad elezioni libere ed eque, riformare il settore militare e della sicurezza e attuare l’accordo. pace di Juba, compresa la fornitura di accordi di sicurezza che creino un esercito professionale unito che rifletta la pluralità e la diversità del Sudan, che preservi la sua sicurezza e sovranità e respinga ogni forma di aggressione. 

Rinnovo anche l'appello ai nostri fratelli armati affinché si uniscano a noi nel nostro movimento per la pace. Lunga vita al Sudan, libero e indipendente, e possa Dio proteggere il nostro Paese e il nostro popolo. ” ha concluso il Vice Presidente del Sudan, Generale Dagalo.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending