Seguici sui social

Tecnologia

Innovatori di nuova generazione: incontra i finalisti del Premio Young Inventors per l'European Inventor Award 2024

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Premio Young Inventors celebra i giovani innovatori di età pari o inferiore a 30 anni che stanno raggiungendo gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite attraverso le loro soluzioni creative. I tre stimolanti finalisti contribuiscono alla sostenibilità ambientale, all'accessibilità sanitaria e ai progressi tecnologici per gli ausili alla mobilità. Il vincitore sarà annunciato durante la cerimonia dell'European Inventor Award il 9 luglio.

L'Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha annunciato i tre finalisti del Young Inventors Prize all'European Inventor Award 2024. Il premio celebra i giovani innovatori di età pari o inferiore a 30 anni che, con le loro invenzioni scientifiche e tecnologiche, mirano ad affrontare le questioni globali cruciali delineate negli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG delle Nazioni Unite). I tre finalisti sono stati scelti per il loro approccio visionario alla sostenibilità ambientale, all'assistenza sanitaria e all'accessibilità. Il Premio mette in mostra la loro passione, creatività e impegno nella costruzione di un futuro migliore.

Celebrato per la prima volta nel 2022, il Premio Giovani Inventori incoraggia l'abilità inventiva delle generazioni più giovani di inventori in diversi settori tecnologici e regioni geografiche. A differenza dei candidati delle categorie tradizionali dell'European Inventor Award, il Young Inventors Prize non richiede che i candidati abbiano un brevetto europeo concesso. Il Premio prevede un incentivo finanziario per sostenere i progetti in corso dei vincitori.

I vincitori dell'edizione 2024

La classifica dei tre finalisti dell'edizione 2024 del Premio Young Inventors sarà determinata da una giuria indipendente composta sia dagli ex finalisti dell'European Inventor Award che del Young Inventors Prize. I risultati saranno annunciati durante una cerimonia ibrida il 9 luglio 2024 a Malta, che riconoscerà anche i finalisti nelle categorie "Industria", "Ricerca", "PMI" e "Paesi non EPO" dell'European Inventor Award. Nel corso della cerimonia verrà consegnato anche il Premio alla Carriera, ancora da annunciare. L'evento sarà trasmesso online qui.

Giovani menti innovative che affrontano le sfide globali

pubblicità

L’ucraina Valentyn Frechka, a soli 23 anni, sta già facendo passi da gigante nell’innovazione ambientale sviluppando un metodo per convertire le foglie cadute in carta riciclabile. Questo processo ingegnoso non solo offre una soluzione alla deforestazione, ma affronta anche le emissioni di carbonio tipicamente associate alla decomposizione delle foglie. L'invenzione di Frechka ha il potenziale per rivoluzionare l'industria della carta e degli imballaggi fornendo una fonte alternativa di materie prime, supportando così gli obiettivi di sviluppo sostenibile 9 (industria, innovazione e infrastrutture) e 12 (consumo e produzione responsabili) delle Nazioni Unite.

Rochelle Niemeijer, una scienziata olandese di 29 anni, ha sviluppato un kit di test portatile che utilizza l'intelligenza artificiale per identificare rapidamente le infezioni batteriche, fondamentale nella lotta contro la resistenza agli antibiotici. Questo strumento innovativo è progettato per rendere accessibile una diagnostica accurata anche in aree remote e povere di risorse, migliorando l'efficacia dei trattamenti medici e allineandosi all'Obiettivo di sviluppo sostenibile 3 delle Nazioni Unite (Buona salute e benessere). Il lavoro di Niemeijer non solo fa progredire l'assistenza sanitaria, ma garantisce anche che i trattamenti antibiotici vengano utilizzati in modo responsabile ed efficace.

Khaoula Ben Ahmed, Ghofrane Ayari, Souleima Ben Temime e Sirine Ayari, un gruppo di inventrici tunisine di 27-28 anni, hanno creato un avanzato sistema di controllo della sedia a rotelle che utilizza segnali cerebrali, comandi vocali, movimento degli occhi e riconoscimento dei movimenti facciali per guidare la sedia a rotelle. Questo dispositivo migliora significativamente la mobilità e l’indipendenza delle persone con gravi disabilità fisiche, migliorandone esponenzialmente la qualità della vita. Il loro lavoro contribuisce direttamente all'Obiettivo di sviluppo sostenibile 10 delle Nazioni Unite (Ridurre le disuguaglianze) migliorando la qualità della vita delle persone disabili e integrando la tecnologia innovativa nelle soluzioni di mobilità personale.

L’Ufficio europeo dei brevetti ha istituito nel 2021 il Premio per giovani inventori per ispirare la prossima generazione di inventori. Rivolto a innovatori di età pari o inferiore a 30 anni provenienti da tutto il mondo, il premio riconosce le iniziative che utilizzano la tecnologia per contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il vincitore riceverà 20 000 euro, il secondo e il terzo classificato riceveranno rispettivamente 10 000 euro e 5 000 euro. Una giuria indipendente composta da ex finalisti dell'European Inventor Award e del Young Inventors Prize seleziona i finalisti e il vincitore. L’EPO conferirà il premio alla cerimonia ibrida dell’European Inventor Award 2024 il 9 luglio. A differenza delle categorie tradizionali del Premio, i finalisti del Premio Giovani Inventori non hanno bisogno di un brevetto europeo concesso per essere presi in considerazione per il premio.

L'European Inventor Award è uno dei premi per l'innovazione più prestigiosi d'Europa. Lanciato dall'EPO nel 2006, il premio premia individui e team che hanno trovato soluzioni ad alcune delle più grandi sfide del nostro tempo. La giuria dell'European Inventor Award è composta da inventori che sono tutti ex finalisti. Per giudicare le proposte, la giuria indipendente si avvale della propria vasta esperienza tecnica, commerciale e di proprietà intellettuale. Nel 2024 la giuria sarà presieduta da Wolfgang M. Heckl. A tutti gli inventori deve essere concesso un brevetto europeo per la loro invenzione.

Con 6,300 dipendenti, il European Patent Office (EPO) è una delle più grandi istituzioni di servizio pubblico in Europa. Con sede a Monaco di Baviera e uffici a Berlino, Bruxelles, L'Aia e Vienna, l'EPO è stata fondata con l'obiettivo di rafforzare la cooperazione sui brevetti in Europa. Attraverso la procedura centralizzata di concessione dei brevetti dell'UEB, gli inventori sono in grado di ottenere una protezione brevettuale di alta qualità in un massimo di 45 paesi, coprendo un mercato di circa 700 milioni di persone. L'UEB è anche la principale autorità mondiale nell'informazione sui brevetti e nella ricerca di brevetti.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending