Seguici sui social

Parità dei sessi

Giornata internazionale della donna: un invito per le società a fare meglio 

SHARE:

Pubblicato il

on

In una cerimonia in occasione della Giornata internazionale della donna, la vincitrice del Premio Nobel per la pace Shirin Ebadi e l'astronauta Samantha Cristoforetti si sono rivolte agli eurodeputati a Strasburgo, Sessione plenaria, FEMM.

I relatori dei gruppi politici hanno reso omaggio alle donne eroine che sono fonte d'ispirazione per le giovani ragazze: alle madri lavoratrici che si prendono cura delle loro famiglie, a quelle colpite dalla violenza di genere, alle donne rifugiate in fuga dalla guerra, alle studentesse in pericolo e alle donne che aiutano altre donne a combattere per il loro diritto ad un aborto sicuro. Parlando del caso dell'attivista Justyna Wydrzynska, condannata ieri a otto mesi di servizio civile in Polonia per aver aiutato una donna ad accedere all'aborto, alcuni eurodeputati hanno chiesto che il diritto all'aborto venga aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'UE. Hanno ribadito che le donne al di fuori dell'Europa che hanno bisogno della nostra solidarietà non devono essere dimenticate.

Il presidente Metsola ha affermato che la Giornata internazionale della donna non è solo un momento per riconoscere i risultati delle donne e delle ragazze in tutto il mondo. Dovrebbe anche essere un invito all'azione per rafforzare l'uguaglianza di genere in tutte le sfere della nostra società. Considerandolo un invito per le società a fare meglio, il presidente Metsola ha affermato: "È giunto il momento per l'Unione europea di dare l'esempio: stabilire standard per la criminalizzazione della violenza contro le donne, migliorare l'accesso alla giustizia e ratificare la Convenzione di Istanbul prima della fine di questo mandato”. È disponibile il discorso integrale del Presidente qui.

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha elogiato tutte le coraggiose donne iraniane che lottano per la loro "libertà di mostrare i capelli o coprirli, di studiare, lavorare, amare senza chiedere il permesso a nessuno" e per ispirare le donne di tutto il mondo. Ha sottolineato l'enorme mole di lavoro ancora necessaria per proteggere le donne e ha promesso di realizzare la prima legge dell'UE sulla lotta alla violenza contro le donne. Ha ringraziato tutti i modelli di ruolo, che mostrano ai ragazzi e alle ragazze che possono essere ciò che vogliono essere e ha concluso affermando: "è tempo per un mondo di uguaglianza e giuste possibilità, non solo per le ragazze ma per tutti noi".

Nel suo intervento, il Comandante Cristoforetti ha sottolineato che lo spazio è un elemento essenziale della vita quotidiana, utilizzato per servizi essenziali come il monitoraggio ambientale, la risposta ai disastri e le transazioni finanziarie. Ha notato di essere stata la prima donna comandante europea della Stazione spaziale internazionale "ma certamente non l'ultima", sottolineando che l'anno scorso l'Agenzia spaziale europea ha selezionato una nuova classe di astronauti di carriera e di riserva di cui oltre la metà sono donne. La capacità di inviare esseri umani nello spazio crea fiducia nella nostra capacità di affrontare sfide difficili. "Se possiamo inviare esseri umani nello spazio, non c'è niente che non possiamo fare, giusto?" lei disse. “Cerchiamo di avere questa ambizione in Europa. Sono volato nello spazio due volte - in veicoli russi e statunitensi - sogno un giorno di vedere gli astronauti volare nello spazio in uno europeo".

La dott.ssa Shirin Ebadi ha rivolto un appello agli eurodeputati a non voltare le spalle alle proteste in Iran, scatenate dall'omicidio della giovane Mahsa Amini, in cui più di 550 persone avrebbero perso la vita e più di 20 sarebbero state arrestate. Ebadi ha descritto la terribile situazione di giornalisti, avvocati, scrittori, artisti, attivisti stranieri e giovani studentesse imprigionati, e l'assenza di un sistema giudiziario funzionante e indipendente. Ha ribadito le richieste dei manifestanti per un cambio di regime all'insegna dello slogan “Donna, vita, libertà”. Invitando le democrazie a non rimanere indifferenti alle violazioni dei diritti umani nel paese, le ha esortate a nominare i Corpo di guardia rivoluzionario islamico un gruppo terroristico. Ha rassicurato gli europei che se la democrazia sarà stabilita in Iran, non solo il numero di rifugiati in fuga sarà ridotto, ma gli iraniani saranno in grado di ricostruire il loro paese, portando pace e calma nella regione.

Clicchi qui per vedere le dichiarazioni di Roberta Metsola, Presidente del PE e Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione.

pubblicità

Per rivedere le reazioni dei gruppi politici, clicca qui.

Sono disponibili di nuovo le dichiarazioni del comandante Samantha Cristoforetti e della dottoressa Shirin Ebadi qui.

sfondo

Il Premio Nobel per la Pace è stato assegnato a Shirin Ebadi nel 2003 per il suo lavoro a favore della democrazia e dei diritti umani, incentrato in particolare sui diritti delle donne e dei bambini.

Samantha Cristoforetti è un'astronauta dell'Agenzia spaziale europea e la prima donna comandante in capo della spedizione 68 della stazione spaziale internazionale.

Maggiori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending