Seguici sui social

Parlamento europeo

Gli eurodeputati e la Coalizione per il controllo della pesca dell'UE chiedono ai ministri della pesca di digitalizzare il settore della pesca

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Sinistra: Membri del Parlamento europeo, Grace O'Sullivan (Verdi/Alleanza libera europea) e Clara Aguilera (S&D) A destra: Rob Pettit (Pelagic Data System), Jason Bryan (Arcipelago), MEP Grace O'Sullivan, MEP Ska Keller, Sylvie Giraud (CLS), MEP Francisco Guerreiro.

In vista di una riunione negoziale chiave prevista per il 21 giugno, i principali eurodeputati e la Coalizione per il controllo della pesca dell'UE chiedono agli Stati membri di essere ambiziosi nel richiedere l'installazione di sistemi di localizzazione delle navi per tutti i pescherecci dell'UE, nonché telecamere sulle navi ad alto rischio di catturare specie protette o pesci indesiderati. Nell'ambito di questi negoziati, la Commissione europea, il Consiglio dell'UE e il Parlamento dell'UE mireranno a concordare i requisiti per tali strumenti elettronici e di monitoraggio delle catture. 

I sistemi di localizzazione delle navi e gli strumenti di monitoraggio elettronico consentono alle autorità e alle parti interessate di raccogliere dati sul luogo di pesca delle navi, nonché sulle specie catturate e sulle loro dimensioni. Queste informazioni possono fornire chiari vantaggi ai pescatori identificando preziose risorse di pesca e creando condizioni di parità, migliorando al contempo la gestione e il controllo della pesca in mare, contribuendo così alla protezione dell'oceano.

“Al Parlamento europeo lavoriamo ormai da anni per allineare la legislazione alla realtà della pesca dove la transizione digitale è già in corso. Siamo qui oggi per mostrare come l'installazione della tecnologia di monitoraggio elettronico può aiutare le autorità, le parti interessate e gli stessi pescatori a raccogliere dati vitali per la gestione sostenibile delle attività di pesca e portare un futuro più luminoso per il nostro oceano", ha affermato Grace O'Sullivan, MEP del Partito dei Verdi irlandese e relatore ombra sulla revisione delle norme di controllo della pesca. 

"L'uso di sistemi di localizzazione delle navi ha chiaramente dimostrato i vantaggi sia per i pescatori che per l'oceano. Un sistema di localizzazione delle navi è un mezzo conveniente per coinvolgere i pescatori come attori sociali ed economici chiave nella gestione delle risorse marine, migliorare la gestione aziendale e aiutare i pescatori a localizzare preziose zone di pesca. I ministri dovrebbero pertanto richiedere questi dispositivi di localizzazione per tutte le navi dell'UE e non creare esenzioni che porteranno alla mancanza di condizioni di parità e metteranno a rischio le comunità costiere e le risorse da cui dipendono", ha affermato Vanya Vulperhorst , direttore della campagna, Pesca illegale e trasparenza presso Oceana in Europa. 

Per sottolineare l'importanza di questi strumenti, la EU Fisheries Control Coalition ha creato un viaggio artistico e interattivo davanti al Parlamento europeo, illustrando sia le condizioni attuali per i pescatori che l'oceano, dove l'uso degli strumenti di monitoraggio elettronico è limitato, e quale un futuro migliore sarebbe quello in cui l'utilizzo di tali strumenti ha contribuito a prosperare ecosistemi marini e attività di pesca sostenibili. All'evento hanno partecipato il membro del Parlamento europeo Grace O'Sullivan, il negoziatore capo sulle future regole di controllo della pesca, Clara Aguilera, e il presidente della commissione per la pesca, Pierre Karleskind; così come le aziende che hanno presentato sistemi di localizzazione semplici ed economici utilizzati sui pescherecci su piccola scala. I partecipanti hanno avuto l'opportunità di capire come funzionano questi dispositivi e ascoltare gli esperti su come il loro utilizzo consenta operazioni di pesca più efficienti oltre a garantire la salute dell'oceano. 

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending