Seguici sui social

Giustizia e affari interni

È ora che l'aborto spontaneo della giustizia in corso alle Seychelles giunga al termine

SHARE:

Pubblicato il

on

L'Assemblea nazionale delle Seychelles il 6 maggio ha presentato il suo ottavo pezzo di legislazione quest'anno. Secondo la proposta di legge, che sarà votata questa settimana, "L'obiettivo di questo disegno di legge è quello di chiarire i poteri della Commissione anticorruzione... nonché i reati di riciclaggio di denaro commessi prima dell'entrata in vigore della normativa antiriciclaggio e antiriciclaggio". Legge sulla lotta al finanziamento del terrorismo”. Sebbene sembri un atto legislativo importante, come per la maggior parte delle cose, il contesto opportunamente evitato è ancora più importante – scrive Jessica Reed.

Lo stesso giorno in cui è stata proposta questa legislazione, il governo delle Seychelles ha compiuto un passo significativo rilascio alcuni di quelli detenuti in relazione al più grande caso di corruzione che il paese abbia mai conosciuto. Il Custodie deriva da USD 50 milioni donati dagli Emirati Arabi Uniti alle Seychelles nel 2002, e per i quali ora 9 persone sono state arrestate e trattenute per quasi sei mesi accusate di furto di somme non contabilizzate. Tutto questo senza che venissero mosse loro accuse concrete in 7 mesi di detenzione e agevolate da una cauzione fissata inescusabile alto o più volte negato.

Tuttavia, assistere al rilascio di alcuni sospetti su cauzione, oltre a portare avanti questa nuova legislazione, ci aiuta a capire le vere intenzioni del governo. È evidente che la legge del 2020 contro il riciclaggio di denaro e la lotta al finanziamento del terrorismo non è sufficiente per perseguire l'imputato. Secondo Agenzia di stampa delle Seychelles, “Le modifiche proposte all'AMLFT consentiranno all'ACCS di indagare e perseguire i reati di riciclaggio commessi prima dell'emanazione dell'atto”. La modifica della legge mira quindi a creare le condizioni che consentano l'azione penale dopo che il presunto reato è già stato commesso.

Conosciuto come ex post facto legislazione, sebbene tali leggi possano essere trasferite attraverso il Parlamento, in particolare nei paesi che seguono il sistema di governo di Westminster, questo non viene quasi mai attuato sulla base del principio legale di base di nulla crimen sine lege o “nessun crimine senza legge”. In effetti, in quasi tutti i paesi democratici che si attengono ai principi dello stato di diritto, gli accusati non possono e non devono essere perseguiti o puniti penalmente, tranne che per un atto che è stato criminalizzato dalla legge prima che commettessero l’atto in questione.

Semmai, in casi come questi paesi di solito opterebbe per l'applicazione del principio di lex mitior. Il meccanismo internazionale dei residui delle Nazioni Unite per il tribunale penale list una serie di tali casi sul suo sito web, il principale essendo che se è stata modificata la legge relativa ai reati commessi dall'imputato, si dovrebbe applicare la legge meno severa. Questo non è evidentemente il principio che viene applicato nel caso in esame, dove il governo e la magistratura delle Seychelles cercano invece di modificare una legge che non esisteva al momento dell'arresto degli imputati, né quando è stato commesso il presunto reato.

Invece, è giunto il momento che il governo delle Seychelles guidato da Wavel Ramkalawan si assuma la responsabilità e si scusi per il grave errore giudiziario che è stato in corso nel corso degli ultimi sei mesi. Proprio la scorsa settimana, il mondo ha guardato con soggezione un generale colombiano e altri nove ufficiali militari ammesso pubblicamente a compiere crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Parlando direttamente alle famiglie, hanno accettato la responsabilità di ciò che avevano fatto e stanno attualmente cercando un modo per fare ammenda con le loro azioni e consentire al Paese di andare avanti.

Sebbene nel caso dell'omicidio delle Seychelles non sia stato commesso, e i casi siano molto diversi, il governo ha effettivamente distrutto la reputazione, i mezzi di sussistenza e le famiglie di 9 cittadini del paese, alcuni dei quali erano già stati scagionati in una precedente inchiesta del governo. Non si tratta di azioni che devono restare impunite e, contrariamente al modo in cui viene ora gestita la causa, spetterà a un tribunale veramente imparziale determinare i danni dovuti alle vittime delle azioni del governo. Il governo ha invece cercato modi per raddoppiare le sue azioni approvando la legge discussa all'Assemblea nazionale e continuando a trattenere alcuni degli accusati per terrorismo e possesso di armi altrettanto discutibili oneri.

pubblicità

Lo studio legale internazionale Kobre e Kim, in rappresentanza di alcuni degli accusati, ha ben riassunto ciò affermando: “Dopo quasi sei mesi l'ACCS ha ammesso di non avere l'autorità legale per perseguire molti di questi reati e ha accettato di pagare la cauzione per tutti i sospettati nel loro storico procedimento giudiziario. Nonostante l'ammissione dell'ACCS di non avere l'autorità legale per imputare la maggior parte del caso, il tribunale di prima istanza ha rifiutato di respingere le accuse in modo che il governo potesse approvare nuove leggi a favore dell'ACCS. Questo atto di intervento giudiziario evidenzia le preoccupazioni che abbiamo sollevato riguardo all’assenza di separazione dei poteri tra magistratura e governo. Nel frattempo, questo processo farsa politicamente motivato continua a mancare di prove credibili di illeciti da parte degli imputati e contiene una completa assenza di giusto processo. Le azioni dell’ACCS sono profondamente preoccupanti e ci chiediamo se siano conformi agli standard di base previsti in un Paese che pretende di rispettare lo stato di diritto”.

La comunità internazionale ha finora taciuto su questo tema, nonostante le leggi e le convenzioni internazionali chiaramente violate, comprese le europeo Convenzione sui diritti dell'uomo e l'articolo 15 del Internazionale Patto sui diritti civili e politici, che è stato ratificato dalle Seychelles nel 1992. Nonostante le buone intenzioni di tale legislazione, cosa valgono se i principi su cui sono fondate non vengono rispettati quando vengono violati.

Solo ritenendo pubblicamente responsabili i responsabili avrà luogo un cambiamento effettivo. Come si è visto con il recente rilascio da parte del governo di un certo numero di sospetti su cauzione, il caso stesso, anche per gli standard stabiliti dal sistema giudiziario delle Seychelles, è sul ghiaccio. È compito delle organizzazioni per i diritti umani, dei legislatori internazionali del Regno Unito e dell'UE che seguono da vicino gli sviluppi e di coloro che sono appassionati del mantenimento della giustizia di prendere una posizione ferma contro l'aborto spontaneo attualmente in corso alle Seychelles.    

Jessica Reed è una redattrice politica freelance e giornalista part-time con una laurea in Politica e Relazioni Internazionali. Un’ardente attivista di Dublino che crede nella libertà, femminista incrollabile e vive secondo la convinzione della “Legge al servizio dei bisogni umani”

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending