Seguici sui social

Parità dei sessi

16 giorni di attivismo contro la violenza di genere

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Le Nazioni Unite hanno elogiato gli attuali sforzi per aiutare a combattere la violenza di genere.

I "16 giorni di attivismo contro la violenza di genere" sono una campagna internazionale annuale iniziata il 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, e che durerà fino al 10 dicembre, Giornata dei diritti umani.

È stato avviato dagli attivisti dell'inaugurale Women's Global Leadership Institute nel 1991 e continua ad essere coordinato ogni anno dal Center for Women's Global Leadership. Viene utilizzato come strategia organizzativa da individui e organizzazioni di tutto il mondo per chiedere la prevenzione e l'eliminazione della violenza contro le donne e le ragazze.

Sotto la guida del suo segretario generale, António Guterres, le Nazioni Unite hanno chiesto azioni globali per aumentare la consapevolezza, stimolare gli sforzi di advocacy e condividere conoscenze e innovazioni.

Durante la sua prima fase, più di 5 milioni di persone hanno firmato una petizione globale per fare della fine della violenza contro le donne una priorità mondiale. Tra il 2009 e il 2013 la campagna ha inoltre portato a oltre 5 milioni di azioni in collaborazione con oltre 900 organizzazioni della società civile a livello globale.

Entro la fine del 2013 l'Unione Europea e 63 nazioni avevano aderito all'iniziativa, annunciando misure specifiche per affrontare e prevenire la violenza contro le donne e le ragazze. 

Questi andavano dall'approvazione o dal miglioramento di leggi, alla ratifica di convenzioni internazionali, al lancio di campagne di sensibilizzazione pubblica, alla fornitura di case sicure o servizi di hotline gratuiti e assistenza legale gratuita ai sopravvissuti.

pubblicità

Una società che ha aperto la strada alla campagna è Artel Electronics LLC (Artel), il più grande produttore di elettrodomestici ed elettronica dell'Asia centrale, che ha collaborato con il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) in una campagna di informazione pubblica contro la violenza di genere.

La campagna è in linea con i 16 giorni di attivismo delle Nazioni Unite che utilizzano il colore arancione per simboleggiare un futuro più luminoso. Il marchio verde di Artel è diventato arancione per diversi giorni nel materiale pubblicitario in tutta la capitale uzbeka Tashkent e personaggi pubblici hanno rilasciato dichiarazioni per aumentare la consapevolezza.

L'azienda si unisce a un movimento internazionale che si concluderà questa settimana.

Dal 1991, è stato utilizzato da individui e organizzazioni per chiedere la prevenzione e l'eliminazione della violenza contro le donne e le ragazze.

Questo è il secondo anno in cui l'azienda è "diventata arancione" e anche il suo direttore delle risorse umane, Lazizbek Mamatov, ha preso parte a una tavola rotonda sull'uguaglianza di genere sul posto di lavoro ospitata dall'FPA delle Nazioni Unite presso la Westminster International University di Tashkent.

Yu Yu, rappresentante nazionale del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, ha dichiarato a questo sito: “Siamo lieti di collaborare con un'azienda come Artel su una questione così importante. La portata pubblica del settore privato è fondamentale per garantire che il nostro messaggio contro la violenza domestica possa essere ascoltato in tutti i segmenti della società. Siamo grati all'azienda per aver assunto la leadership su questa importante questione in Uzbekistan. Insieme possiamo fare il cambiamento”.

Il CEO di Artel Shohruh Ruzikulov ha dichiarato: “È un privilegio lavorare ancora una volta con le Nazioni Unite per aumentare la consapevolezza sul problema della violenza di genere. In Uzbekistan, questa conversazione è in una fase relativamente giovane. Siamo orgogliosi di opporci alla violenza domestica e di continuare il nostro lavoro in tutti i settori per contribuire a una società migliore”.

Il vero tasso di violenza domestica in Uzbekistan non è noto. Tuttavia, il governo, insieme ai partner diplomatici e alle organizzazioni umanitarie, sta dando priorità alla questione. Negli ultimi anni l'Amministrazione presidenziale ha emanato decreti mirati alla prevenzione della violenza domestica, il governo ha adottato leggi che garantiscono pari diritti alle donne e sono stati finanziati campagne di informazione e centri di riabilitazione.

Il sostegno a questa campagna è solo una delle iniziative dell'azienda a sostegno dell'emancipazione femminile. Internamente, ha introdotto meccanismi di segnalazione e sta implementando una clinica legale interna per migliorare l'alfabetizzazione legale dei dipendenti. Nell'ultimo anno, la percentuale di donne sui 10,000 dipendenti dell'azienda è aumentata del 5%, raggiungendo il 35%. Si ritiene che la media globale per l'industria manifatturiera sia intorno al 30%.

Nel 2021, l'azienda è diventata un partecipante a pieno titolo dell'UN Global Compact (UNGC), la più grande comunità imprenditoriale del mondo focalizzata sullo sviluppo sostenibile. In tal modo, l'azienda si è impegnata a promuovere dieci principi riguardanti i diritti umani, i diritti del lavoro e la protezione dell'ambiente. 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending