Seguici sui social

Commissione europea

La Commissione invia una comunicazione degli addebiti a sei società e ad un'associazione di categoria in un caso di cartello relativo alle batterie di avviamento per autoveicoli

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

La Commissione europea ha informato i produttori di batterie di avviamento per autoveicoli Banner, Clarios (ex JC Autobatterie), Exide, FET (e il suo predecessore Elettra) e Rombat, nonché l'associazione di categoria Eurobat e il suo fornitore di servizi Kellen, della sua opinione preliminare secondo cui hanno violato le norme UE norme antitrust colludendo per aumentare i prezzi delle batterie di avviamento per autoveicoli vendute ai produttori di automobili nello Spazio economico europeo ("SEE").

La Commissione teme che tra il 2004 e il 2017 i cinque produttori di batterie di avviamento abbiano creato, pubblicato e accettato di utilizzare nuovi indici nelle negoziazioni sui prezzi con i produttori di automobili (il cosiddetto "sistema Eurobat Premium"). Lo scopo di questa presunta condotta era quello di fissare un elemento importante del prezzo finale della batteria. La Commissione teme inoltre che Eurobat e il suo fornitore di servizi Kellen fossero consapevoli della presunta condotta e abbiano contribuito attivamente ad essa assistendo i produttori di batterie nella creazione e nella gestione del sistema di premi Eurobat.

Se la posizione preliminare della Commissione fosse confermata, questo comportamento costituirebbe una violazione Articolo 101 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea ("TFUE") e Articolo 53 dell'accordo SEE, che vieta i cartelli e altre pratiche commerciali restrittive. L'invio di una comunicazione degli addebiti non pregiudica l'esito di un'indagine.

Il commissario Didier Reynders, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “Per essere efficace, la concorrenza richiede che gli operatori economici agiscano e determinino i loro prezzi indipendentemente gli uni dagli altri. Siamo preoccupati che i fornitori di batterie abbiano limitato la concorrenza sui prezzi, danneggiando così i loro clienti, in questo caso i produttori di automobili e, in ultima analisi, i consumatori europei. I destinatari della comunicazione degli addebiti hanno ora la possibilità di rispondere alle nostre preoccupazioni."

Un comunicato stampa è disponibile online.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending