Seguici sui social

Commissione europea

Forte calo della produzione di cereali nel 2022

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Nel 2022 sono state prodotte circa 270.9 milioni di tonnellate di cereali raccolte attraverso l' EU. Si tratta di 26.7 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2021, l'equivalente di una diminuzione del 9%. 

La Francia ha raccolto 59.9 milioni di tonnellate di cereali nel 2022; era il più grande produttore di cereali nell'UE, contribuendo per il 22% alla produzione totale dell'UE. La Germania ha raccolto 43.5 milioni di tonnellate di cereali (16% del totale UE), la Polonia 35.0 milioni di tonnellate (13%), la Spagna 19.3 milioni di tonnellate (7%) e la Romania 18.9 milioni di tonnellate (anche il 7% del totale UE).

Produzione dei principali cereali nell'UE, milioni di tonnellate, 2012-2022

Set di dati di origine: apro_cpsh1

Il calo complessivo della produzione di cereali raccolta nell’UE nel 2022 è stato determinato dagli sviluppi nella Romania colpita dalla siccità (-32%: un calo di 8.9 milioni di tonnellate), Francia (-10%: un calo di 7.0 milioni di tonnellate), Spagna ( -24%: un calo di 6.2 milioni di tonnellate) e Ungheria (-35%: un calo di 4.9 milioni di tonnellate). Sono stati pochissimi i paesi in cui il raccolto complessivo di cereali è aumentato, ma tra questi figurano, tra gli altri, la Germania (+3%, con un aumento di 1.1 milioni di tonnellate), la Finlandia (+39%, un rimbalzo di 1.0 milioni di tonnellate dopo uno scarso raccolto nel 2021). ) e Polonia (+3%, con un aumento di 1.0 milioni di tonnellate).

Diminuzione della produzione di frumento e farro, mais e segale nel 2022

Nel 126.7 l’UE ha raccolto 2022 milioni di tonnellate di grano tenero e farro, 3.2 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2021, con un calo del 2%. La produzione raccolta di mais da granella e di pannocchie di mais è crollata a 53.0 milioni di tonnellate nel 2022, 20.0 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2021 e equivalente a un calo del 27%. Questo forte calo riflette principalmente gli effetti negativi della diffusa siccità all’interno dell’UE. La produzione di orzo raccolta nell’UE nel 2022 è rimasta pressoché invariata a 52.0 milioni di tonnellate, così come la produzione di avena a 7.5 milioni di tonnellate. Al contrario, la produzione di segale è diminuita dell’8% a 7.8 milioni di tonnellate nel 2022.

La siccità diffusa e lo stress da caldo hanno avuto un impatto negativo sui livelli complessivi di produzione di cereali

pubblicità

La produzione agricola è altamente sensibile alle condizioni meteorologiche, sia durante la stagione di crescita che al momento del raccolto. In molte regioni d'Europa, le temperature massime giornaliere durante l'estate del 2022 sono state le più calde o le seconde più calde registrate dal 1991. Lo stress da caldo, causato da queste temperature elevate, e la siccità hanno contribuito alla minore produzione raccolta di alcuni cereali, soprattutto il mais, in diverse regioni dell’UE. 

Temperature massime giornaliere, giugno-agosto 2022, classificate rispetto agli anni storici dal 1991

Queste informazioni provengono da dati recentemente pubblicati sulla produzione agricola nel 2022 da terreni arabili. Riflette solo alcune delle informazioni disponibili in modo più dettagliato Statistica spiegata articolo sulle colture. L'articolo riguarda le statistiche sulla produzione raccolta e sui prezzi agricoli di cereali, patate, barbabietola da zucchero, semi oleosi, frutta, ortaggi, uva da vino e olive da olio.  

Maggiori informazioni

Note metodologiche

  • La mappa delle temperature massime giornaliere dal 1991 è stata prodotta sulla base dei dati del Monitoring Agricultural Resource (MARS) sviluppato dal Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione Europea.

 In caso di domande, visitare il contatti .

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending