Seguici sui social

Reporter UE

L'estate e la vita è... non sempre così facile

SHARE:

Pubblicato

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il Parlamento è ufficialmente in vacanza, la Commissione ha tenuto la sua ultima riunione del collegio prima della pausa estiva e il Consiglio ha le sue ultime riunioni ministeriali la prossima settimana. Questo significa che possiamo tranquillamente fare le valigie e secchielli e dirigerci verso la spiaggia?

Beh, sì, ma Reporter UE non andremo in vacanza, perché succede sempre qualcosa e qualcosa di solito richiede una reazione dell'UE, o addirittura un'azione. È anche una buona idea stare all'erta durante l'estate, nel caso in cui la Commissione voglia pubblicare tranquillamente qualcosa che preferirebbe sfuggire al radar. 

Occasionalmente, la Commissione può sorprendere i corrispondenti sonnolenti di Bruxelles, che vogliono solo godersi un Ricard su una terrazza, con qualcosa di piuttosto grande, come nell'agosto 2016 quando Vestager annunciò che Apple avrebbe dovuto restituire miliardi di aiuti di Stato illegali al governo irlandese per la tassa selettiva vantaggi di cui ha beneficiato. 

pubblicità

Quindi rimanete sintonizzati su Reporter UE, ma la newsletter si godrà una pausa di agosto.

I ministri delle finanze non appenderanno gli stivali al chiodo fino a martedì, lunedì ci sarà un incontro informale dei ministri dell'economia e delle finanze (ECOFIN) per discutere le nuove proposte antiriciclaggio che la Commissione ha presentato la scorsa settimana, con l'opportunità per i ministri di esprimere le loro opinioni. È anche probabile che daranno il via ad altri quattro piani nazionali di ripresa e resilienza.

Le recenti sentenze della corte dell'UE sul sistema giudiziario polacco e la crescente ansia per il disprezzo dell'Ungheria per i valori dell'UE e lo stato di diritto - manifestato più recentemente nella sua legge LGBTQ, continueranno a risuonare nei mesi estivi.

pubblicità

Una data chiave è il 16 agosto, la data che la Commissione ha dato alla Polonia per conformarsi alle sentenze del tribunale. In caso contrario, e fonti polacche suggeriscono di no, ciò significa l'applicazione di una consistente multa giornaliera. Quasi certamente significherà che il Parlamento e molti paesi dell'UE insisteranno sull'applicazione della “condizionalità dello stato di diritto” bloccando i generosi finanziamenti dell'UE ricevuti da entrambi i paesi. 

Mercoledì sera, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen presiederà la riunione del comitato consultivo sul COVID-19. L'ascesa della variante Delta in tutta Europa potrebbe provocare il caos, sebbene l'UE stia facendo un ottimo lavoro per raggiungere il suo obiettivo del 70% di tutti gli adulti dell'UE completamente vaccinati entro settembre. 

Quindi godetevi le vostre vacanze, state al sicuro e non vediamo l'ora che arrivi settembre!

EU

Presidenza portoghese del Consiglio: cosa si aspettano i deputati

Pubblicato

on

Il Portogallo ha assunto la presidenza di turno del Consiglio il 1 ° gennaio 2021, in un contesto di crisi sanitaria ed economica. Ma quali sono le aspettative dei deputati portoghesi?

Poiché gli europei continuano ad affrontare gli effetti socioeconomici senza precedenti del Pandemia di COVID-19, Il Portogallo assume la presidenza semestrale del Consiglio dell'UE determinato a dare priorità alla ripresa.

Il primo ministro portoghese António Costa ha svelato il programma della sua presidenza durante un remoto conferenza stampa con il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, tenutasi il 2 dicembre 2020.

Considerati gli attuali tempi difficili, il Portogallo si impegna a promuovere un'Europa resiliente, sociale, verde, digitale e globale. Lo slogan della nuova presidenza è "È ora di fornire: una ripresa equa, verde e digitale".

pubblicità

Dovrà inoltre continuare a lavorare su alcune delle priorità della precedente Presidenza tedesca: il futuro delle relazioni UE-Regno Unito, progresso azione per il clima, Bilancio a lungo termine dell'UE della scuola e il Piano di recupero COVID.

Agli eurodeputati portoghesi è stato chiesto quali fossero le loro aspettative e le loro opinioni sulle priorità avanzate dalla nuova Presidenza.

Secondo Paulo Rangel (PPE), le tre priorità che domineranno l'agenda della presidenza sono il "lancio del fondo di recupero, la strategia di vaccinazione e le future relazioni UE-Regno Unito - con o senza accordo". Sottolinea l'importanza del pilastro sociale, che “dovrebbe puntare maggiormente sulla salute”, e del vertice Ue-India. La Conferenza sul futuro dell'Europa e la nuova strategia per Schengen insieme al Patto di migrazione dell'UE "meritano maggiore attenzione" da parte della presidenza, ha aggiunto.

pubblicità




Il Portogallo sta "combinando le agende sociali e climatiche con la transizione digitale come motori della resilienza e della ripresa dell'Unione europea", ha affermato Carlos Zorrinho (S&D). Lisbona "è anche impegnata a riposizionare l'UE come potenza multilaterale, in particolare attraverso i vertici con l'Africa e l'India", ha affermato. Riferendosi a "una maggiore incertezza" guidata dalla pandemia e dalla Brexit, Zorrinho vede la presidenza portoghese come "un'opportunità unica per l'UE di riscoprire se stessa ei suoi principi fondanti".

Francisco Guerreiro (Verdi / ALE) ha affermato che la Presidenza portoghese coincide con "la più grande crisi globale mai vista - quella relativa alla dilagante distruzione della biodiversità". A suo avviso, una delle maggiori sfide è il completamento dei negoziati per il futuro della politica agricola comune (PAC), che detiene una quota importante del bilancio dell'UE. "Non abbiamo aspettative che ci saranno cambiamenti strutturali alla PAC in grado di realizzare il Green Deal europeo e rispettare la strategia 'Farm to Fork' o [per quanto riguarda] la conservazione della biodiversità", ha detto.

Marisa Matias (Verdi / ALE) ha affermato che "l'Europa sociale, la transizione verde e la transizione digitale sono le giuste priorità e in linea con le sfide" attualmente affrontate dall'UE. Tuttavia, ha aggiunto che "l'Europa sta vivendo momenti di profonda divisione" e sta lottando per fornire soluzioni alle sfide strutturali. "Ci sono sempre meno opportunità per dare un senso al progetto europeo e nessuna può essere persa", ha detto Matias, aggiungendo che spera che "la presidenza portoghese non si perda dietro le sue intenzioni".

Il Portogallo inizia la sua quarta presidenza dell'UE. Il 1 ° gennaio ha festeggiato i 35 anni dalla sua adesione all'UE insieme alla Spagna.

Continua a leggere

EU

Buon Natale a tutti!

Pubblicato

on

Reporter UE vorrei solo cogliere l'occasione per augurare a tutti i nostri lettori, vecchi e nuovi, il meglio per un Natale sereno e sicuro, con calorosi auguri per un felice e prospero 2021 - speriamo tutti che sarà un anno migliore del 2020. Noi tornerà nel nuovo anno, con i migliori auguri fino ad allora.

Continua a leggere

Bancario

La cooperazione hi-tech tra #China e #EU ha un enorme potenziale

Pubblicato

on

China's Belt and Road Initiative (BRI), a volte indicata come New Silk Road, è uno dei progetti infrastrutturali più ambiziosi mai concepiti. Lanciata nel 2013 dal presidente Xi Jinping, la vasta collezione di iniziative di sviluppo e investimento si estenderebbe dall'Asia orientale all'Europa, ampliando in modo significativo l'influenza economica e politica della Cina - scrive Colin Stevens.

BRI cerca di rilanciare le antiche rotte commerciali della Via della Seta per collegare la Cina con altri paesi in Asia, Africa ed Europa attraverso la costruzione di una rete commerciale e infrastrutturale.

La visione include la creazione di una vasta rete di ferrovie, oleodotti energetici, autostrade e valichi di frontiera ottimizzati, entrambi verso ovest - attraverso le ex repubbliche sovietiche montuose - e verso sud, verso il Pakistan, l'India e il resto del sud-est asiatico.

I colossali investimenti infrastrutturali della Cina promettono di inaugurare una nuova era di commercio e crescita per le economie in Asia e oltre.

La crescente influenza cinese in Europa è stata una fonte crescente di ansia a Bruxelles negli ultimi anni.

Quindi, quali sono le implicazioni della crescente influenza della Cina come attore globale per l'UE e i suoi vicini? Abbiamo chiesto a una serie di esperti le loro opinioni.

Sir Graham Watson, ex deputato europeo senior del Regno Unito, è tra quelli che sostengono l'iniziativa entusiasmante e allo stesso tempo avvertono che l'UE deve essere strettamente coinvolta.

Sir Graham, ex deputato liberale, ha dichiarato: “L'UE dovrebbe adottare un'iniziativa che migliorerà i collegamenti di trasporto attraverso la massa terrestre eurasiatica e non consentirà alla Cina di possederla interamente. Per realizzare il suo pieno potenziale, questa iniziativa deve essere una strada a doppio senso.

"Piuttosto che permettere alla RPC di acquistare e monopolizzare infrastrutture come il porto del Pireo, dovremmo investire insieme in essa. Solo così possiamo domare le ambizioni espansionistiche della Cina e vincolarle alla cooperazione".

Commenti simili sono stati espressi da Fraser Cameron, direttore del Centro UE-Asia di Bruxelles, il quale ha affermato che la Cina ha "imparato alcune lezioni importanti dai primi due tre anni della BRI, in particolare sulla sostenibilità finanziaria e ambientale".

Aggiunge: "Ciò significa che l'UE, con la propria strategia di connettività, potrebbe ora prendere in considerazione la collaborazione con la Cina, così come il Giappone e altri partner asiatici, per sviluppare progetti infrastrutturali a vantaggio di entrambi i continenti".

Paul Rubig, fino a poco tempo fa un veterano parlamentare europeo del PPE dall'Austria, ha dichiarato a questo sito che "l'intero mondo, compresa l'UE, deve far parte" della BRI.

Ha aggiunto: "Il sistema collega le persone attraverso le infrastrutture, l'istruzione e la ricerca e offre grandi vantaggi ai cittadini europei

"L'UE dovrebbe investire nella BRI perché sarà una vittoria per entrambe le parti, l'UE e la Cina", ha affermato Rubig, che è strettamente coinvolto con le PMI in Europa

Commenti simili sono stati trasmessi dall'enorme esperienza di Dick Roche, un ex ministro europeo in Irlanda, che ha affermato: “BRI e il coinvolgimento dell'UE in questo senso ha perfettamente senso. Aiuterà a ristabilire i nostri legami storici con la Cina. Sì, ci sono alcune differenze tra le due parti, ma la BRI è nell'interesse reciproco dell'UE e della Cina. L'Europa può svolgere un ruolo attivo nell'iniziativa mantenendo il dialogo con la Cina.

"Questo è il modo migliore per andare avanti e non seguendo l'approccio statunitense alla BRI. La posizione degli Stati Uniti è un passo indietro e non porterà a nulla".

Roche, ora consulente con sede a Dublino, ha aggiunto: "Se guardi a ciò che sta accadendo in Cina ora rispetto a 50 anni fa, i progressi che si stanno facendo, compresi i benefici portati da BRI, sono incredibili".

Gli investimenti BRI hanno iniziato a rallentare alla fine del 2018. Tuttavia, alla fine del 2019, i contratti BRI hanno nuovamente registrato un forte aumento.

Gli Stati Uniti hanno espresso opposizione, ma diversi paesi hanno cercato di bilanciare le loro preoccupazioni sulle ambizioni della Cina con i potenziali benefici della BRI. Diversi paesi dell'Europa centrale e orientale hanno accettato il finanziamento della BRI e Stati dell'Europa occidentale come l'Italia, il Lussemburgo e il Portogallo hanno firmato accordi provvisori per cooperare su progetti BRI. I loro leader strutturano la cooperazione per invitare gli investimenti cinesi e potenzialmente migliorare la qualità delle offerte di costruzione competitive di aziende europee e statunitensi.

Mosca è diventata uno dei partner più entusiasti del BRI.

Un'ulteriore riflessione viene da Virginie Battu-Henriksson, portavoce dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, che ha affermato: “Il punto di partenza dell'approccio dell'UE a qualsiasi iniziativa di connettività è se è compatibile con il nostro approccio, i nostri valori e i nostri interessi. Ciò significa che la connettività deve rispettare i principi di sostenibilità e condizioni di parità.

“Quando si tratta della Belt and Road Initiative cinese, l'Unione europea e la Cina dovrebbero condividere l'interesse a garantire che tutti gli investimenti in progetti di connettività soddisfino questi obiettivi. L'Unione europea continuerà a impegnarsi con la Cina a livello bilaterale e in sedi multilaterali per trovare punti in comune ove possibile e spingere le nostre ambizioni ancora più in alto quando si tratta di questioni relative al cambiamento climatico. Se la Cina soddisfa il suo obiettivo dichiarato di rendere la BRI una piattaforma aperta che sia trasparente e basata sulle regole del mercato e sulle norme internazionali, completerebbe ciò per cui l'UE sta lavorando: connettività sostenibile con vantaggi per tutti i soggetti coinvolti ".

Altrove, una fonte senior della direzione degli affari esteri dell'UE ha osservato che la Belt and Road Initiative "è un'opportunità per l'Europa e il mondo, ma non solo per la Cina."

La fonte ha affermato: “L'unità e la coerenza dell'UE sono fondamentali: nella cooperazione con la Cina, tutti gli Stati membri, individualmente e all'interno dei quadri di cooperazione subregionale, hanno la responsabilità di garantire la coerenza con il diritto, le regole e le politiche dell'UE. Questi principi si applicano anche in termini di impegno con la Belt and Road Initiative cinese.

"A livello dell'UE, la cooperazione con la Cina sulla sua iniziativa Belt and Road si svolge sulla base del raggiungimento da parte della Cina del suo obiettivo dichiarato di rendere la BRI una piattaforma aperta e aderire al suo impegno nel promuovere la trasparenza e condizioni di parità basate sulle regole del mercato norme internazionali e integra le politiche e i progetti dell'UE, al fine di offrire connettività e vantaggi sostenibili per tutte le parti interessate e in tutti i paesi lungo le rotte pianificate. "

Al vertice UE-Cina dello scorso anno a Bruxelles, i leader delle due parti hanno discusso quello che hanno definito il potenziale "enorme" per collegare ulteriormente Europa e Asia in modo sostenibile e sulla base dei principi di mercato e hanno esaminato i modi per creare sinergie tra l'approccio dell'UE alla connettività.

Noah Barkin, giornalista con sede a Berlino e ricercatore presso il Mercator Institute for China Studies, ha osservato che quando Wang Yi, il massimo diplomatico cinese, ha visitato Bruxelles a dicembre, ha inviato un messaggio chiave in Europa.

"Siamo partner, non rivali", ha detto al pubblico del think tank dell'European Policy Center, invitando l'UE e Pechino a elaborare un "progetto ambizioso" per la cooperazione.

Tale cooperazione sta avvenendo proprio ora, grazie a BRI.

La "Strategia cinese" di Business Europe, recentemente pubblicata, sottolinea che l'UE è il partner commerciale più importante della Cina, mentre la Cina è il secondo partner commerciale più importante dell'UE. I flussi commerciali bilaterali totali di merci sono aumentati a 604.7 miliardi di EUR nel 2018, mentre gli scambi totali di servizi sono ammontati a quasi 80 miliardi di EUR nel 2017.

E, dice Business Europe, "qui c'è ancora un grande potenziale economico inutilizzato per entrambe le parti".

La strategia rileva che l'UE è il partner commerciale più importante della Cina, mentre la Cina è il secondo partner commerciale più importante dell'UE. I flussi commerciali bilaterali totali di merci sono aumentati a 604.7 miliardi di EUR nel 2018, mentre gli scambi totali di servizi sono ammontati a quasi 80 miliardi di EUR nel 2017. Esiste ancora un potenziale economico inutilizzato per entrambe le parti.

Le economie cinese ed europea hanno beneficiato enormemente dell'adesione della Cina all'OMC nel 2001.

Dice: "Le economie cinese ed europea hanno beneficiato enormemente dell'adesione della Cina all'OMC nel 2001. L'UE dovrebbe continuare a coinvolgere la Cina".

Molte nuove opportunità sono già emerse a seguito di nuove infrastrutture che sono state completate lungo il percorso Belt Road.

Ad esempio, l'Italia e la Cina hanno lavorato per rafforzare le loro relazioni e la cooperazione sull'economia digitale attraverso una via della seta e un turismo "digitali".

Una via della seta digitale è vista come una parte significativa di BRI. La Cina, con il maggior numero di utenti Internet e utenti di telefonia mobile nel mondo, si colloca sul più grande mercato e-commerce del mondo ed è ampiamente riconosciuta come uno dei principali attori nei big data.

È questo enorme mercato che ha osservato osservatori come Watson, Rubig e Roche che l'UE dovrebbe ora tentare di attingere, anche tramite BRI.

L'Istituto europeo di studi asiatici cita la ristrutturazione del collegamento ferroviario Budapest-Belgrado come un caso di studio "eccezionale" per comprendere meglio il BRI.

Il progetto fa parte della 17 + 1 Cooperation and the Belt and Road Initiative (BRI). È stato annunciato nel 2013, ma è stato bloccato dalla parte ungherese fino al 2019 a causa del regolamento di gara dell'UE. Secondo il rapporto EIAS, il progetto è progredito in modo diverso dalla parte ungherese rispetto alla parte serba in quanto membro non UE, a causa dell'intervento dell'UE.

“Una via della seta digitale è una parte significativa di BRI. La Cina, con il maggior numero di utenti di Internet e di telefonia mobile nel mondo, si colloca sul più grande mercato di e-commerce del mondo ed è ampiamente riconosciuta come uno dei principali attori nei big data.

Ma, chiaramente, c'è ancora molto da fare per realizzare il suo pieno potenziale.

La Camera di commercio dell'Unione europea in Cina (Camera europea), ha redatto un proprio studio, The Road Less Travel: Iniziativa europea nella Belt and Road Initiative (BRI) della Cina. Sulla base di un sondaggio tra membri e ampie interviste, il rapporto evidenzia il ruolo "periferico" attualmente svolto dalle imprese europee nella BRI.

Tuttavia, la cooperazione hi-tech tra Cina e UE ha enormi potenzialità, e dialoghi e fiducia reciproca sono le chiavi per stringere legami digitali più stretti tra le due parti, ha affermato Luigi Gambardella, presidente dell'associazione cinese delle imprese dell'UE.

Cina. a titolo esemplificativo, lo scorso settembre è stato lanciato con successo il satellite gemello Beidou-3, contribuendo alla via della seta digitale avviata dalla Cina nel 2015, che implica aiutare altri paesi a costruire infrastrutture digitali e sviluppare la sicurezza di Internet.

Commentando la via della seta digitale, Gambardella ha affermato di avere il potenziale per essere un attore "intelligente" nell'iniziativa Belt and Road, rendendo l'iniziativa BRI più efficiente e rispettosa dell'ambiente. I collegamenti digitali collegheranno anche la Cina, il più grande mercato di e-commerce al mondo, ad altri paesi coinvolti nell'iniziativa.

Andrew Chatzky, del Council on Foreign Relations, afferma: "L'ambizione complessiva della Cina per la BRI è sbalorditiva. Ad oggi, più di sessanta paesi, che rappresentano i due terzi della popolazione mondiale, hanno aderito a progetti o hanno manifestato interesse per così facendo."

"Gli analisti stimano che il più grande finora sia il corridoio economico Cina-Pakistan da 68 miliardi di dollari, una raccolta di progetti che collegano la Cina al porto pakistano di Gwadar sul Mar Arabico. In totale, la Cina ha già speso circa 200 miliardi di dollari per tali sforzi. Morgan Stanley ha previsto che le spese complessive della Cina durante la vita della BRI potrebbero raggiungere $ 1.2-1.3 trilioni entro il 2027, anche se le stime sugli investimenti totali variano ", ha affermato.

La Via della Seta originale nacque durante l'espansione verso ovest della dinastia Han cinese (206 a.C.-220 d.C.), che forgiò reti commerciali in quelli che oggi sono i paesi dell'Asia centrale. Tali rotte si estendevano per oltre quattromila miglia in Europa.

Oggi, la BRI promette, ancora una volta, di mettere la Cina e l'Asia centrale - e forse l'UE - all'epicentro di una nuova ondata di globalizzazione.

 

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità
pubblicità

Trending