Seguici sui social

Politica

La coalizione chiede alla Commissione di reprimere le cause abusive

SHARE:

Pubblicato il

on

La Coalizione contro gli SLAPP in Europa (CASE) ha presentato una petizione di oltre 200,000 firme chiedendo un'azione contro le cause legali abusive intentate con lo scopo di chiudere il giornalismo critico, la difesa e la denuncia di irregolarità - note anche come "azioni legali strategiche contro la partecipazione pubblica" (SLAPP) . 

CASE è stata fondata per contrastare il numero crescente di cause vessatorie e abusive. Il vicepresidente della Commissione europea Věra Jourová, che presenterà un'iniziativa anti-SLAPP, prevista per marzo 2022, ha ringraziato il gruppo per aver sensibilizzato l'opinione pubblica sulla questione. Tuttavia, ha anche sottolineato che l'iniziativa non è stata ben accolta dai ministri della giustizia.

Jourová lo ha descritto come un problema di "David e Golia" in cui singoli giornalisti o attivisti freelance venivano coinvolti in lunghe e costose cause legali volte a mettere a tacere le critiche. 

La situazione è complessa e la Commissione intende presentare una proposta che combini misure legislative e non legislative. Il ruolo della Commissione è più ovvio dove ci sono questioni transfrontaliere, ma nell'esaminare la questione i ministeri della giustizia in tutta Europa dovranno esaminare la propria situazione. 

Jourová ha affermato che, in qualità di Commissario responsabile della giustizia, è stata una pillola particolarmente amara da ingoiare quando i sistemi giudiziari sono stati utilizzati per abbattere coloro che difendono i diritti umani, in effetti per impedire l'esecuzione della giustizia.

Shopping nel forum

Il caso di Okke Ornstein, un giornalista olandese che è stato preso di mira per il suo lavoro di denuncia della corruzione a Panama, mostra come qualcuno possa essere perseguito attraverso diverse giurisdizioni. 

pubblicità

Ornstein è stato incarcerato per diffamazione criminale dopo aver scritto del truffatore condannato Monte Friesner nel 2016. Al suo ritorno nei Paesi Bassi dopo il suo rilascio, ha poi affrontato molteplici cause per diffamazione civile intentate dai soci di Friesner.

Ornstein ha indicato la situazione nel caso della giornalista maltese assassinata Daphne Caruana Galizia che è stata vittima di diverse cause SLAPP, i suoi figli stanno ancora combattendo contro di loro. 

Tempo, denaro ed energia

Veronika Feicht dell'Istituto per l'ambiente di Monaco ha parlato di come il suo collega Karl Bär, citato in giudizio dal ministro dell'agricoltura della provincia autonoma di Bolzano e da più di 1370 agricoltori, ha fatto luce sull'elevato uso di pesticidi nell'industria delle mele nel nord Italia. Questo tipo di procedimento legale pone un pesante onere per le piccole organizzazioni e gli individui. 

Kamil Maczuga, co-autore di Atlante dell'odio (AoH) la ricerca insieme a Jakub Gawron, Paulina Pająk e Paweł Preneta, è stata citata in giudizio per diffamazione da diversi comuni dopo averli inclusi nella mappa interattiva di monitoraggio delle dichiarazioni anti-LGBT fatte dalle autorità polacche locali. 

"In Polonia, le cause strategiche sono uno strumento comune utilizzato per minacciare, mettere a tacere e umiliare attivisti e giornalisti", ha affermato Maczuga. “Atlas of Hate è stato citato in giudizio da sette governi locali per aver condannato la loro discriminazione nei confronti delle persone LGBT e la battaglia non è giusta, avvocati ben pagati e autorità pubbliche stanno prendendo di mira un piccolo gruppo di attivisti che lavorano su base volontaria. Abbiamo bisogno di una legge anti-SLAPP dell'UE. Gli SLAPP corrodono i valori democratici come la libertà di parola e lo stato di diritto".

libertà di stampa

"L'uso crescente di azioni legali per bavaglio da parte di potenti uomini d'affari e politici per mettere a tacere giornalisti e proteggersi dal controllo pubblico è una minaccia alla libertà di stampa, al diritto del pubblico di essere informato e oltre alla democrazia", ​​ha affermato Julie Majerczak, Reporter senza frontiere. “Questo controllo è la linfa vitale di sane società democratiche. La realtà è che per ogni giornalista minacciato di violenza in Europa, altri cento vengono messi a tacere discretamente da lettere di minaccia inviate dagli studi legali. Questa situazione deve finire. Chiediamo alla Commissione europea di proporre una forte direttiva dell'UE che scoraggi gli SLAPP".

Modello di legge anti-SLAPP

Data la minaccia ai diritti fondamentali rappresentata dagli SLAPP, CASE ritiene necessaria una forte legge anti-SLAPP dell'UE per proteggere i valori democratici, come la libertà di espressione e il diritto di protestare in tutta l'UE. Una direttiva UE anti-SLAPP, come dettagliato nel Modello di Direttiva UE redatto dalla coalizione CASE, fornirebbe un livello elevato e uniforme di protezione contro gli SLAPP in tutti i paesi dell'UE e fungerebbe da modello in tutto il continente.

Condividi questo articolo:

Trending