Trump chiama #Qatar Emir per spiegare le azioni destabilizzanti

| Giugno 12, 2019

Venerdì scorso, la Casa Bianca ha annunciato che l'emiro del Qatar, Tamim bin Hamad Al Thani, visiterà gli Stati Uniti il ​​prossimo mese. Mentre Doha indubbiamente parlerà della visita, probabilmente si rivelerà un incontro scomodo per il monarca del Golfo, con fonti regionali che ammettono privatamente che l'Emiro può aspettarsi un distacco dal Comandante in Capo degli Stati Uniti stufo delle azioni del paese dopo la riunione di Leader arabi alla Mecca e continua intransigenza regionale.

Le azioni del Qatar sono viste dall'amministrazione statunitense come contraddittorie tentativi americani di regnare in un Iran sempre più ostile e aggressivo. In seguito all'incontro alla Mecca, il Qatar ha fatto pochi sforzi per unirsi agli altri Stati del Golfo nel trovare un consenso sul loro approccio all'Iran. La più grande frustrazione è stata con la decisione del Qatar di non impegnarsi seriamente con l'incontro stesso, scegliendo invece di trasmettere le loro rimostranze attraverso i media in seguito. Per molti rappresentava la loro mancanza di volontà a lavorare in collaborazione con i loro vicini.

I recenti attacchi al porto Fujiairah degli Emirati Arabi Uniti e uno sciopero dei droni sugli oleodotti Saudi Aramco hanno aumentato le tensioni regionali. Alle Nazioni Unite la scorsa settimana, la Norvegia, gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita, le tre nazioni le cui navi sono state colpite dall'incidente di Fujairah, presentata prove che suggeriscono fortemente che un attore di stato era dietro agli incidenti, e molti vedevano la mano distruttiva di Teheran come responsabile.

Nel caso dell'attacco Aramco, il collegamento con l'Iran era più chiaro, con il loro rappresentante yemenita, i ribelli Houthi, che reclamavano allegramente la responsabilità. Sia gli attori regionali che quelli internazionali hanno espresso diffuse preoccupazioni sugli sforzi di destabilizzazione dell'Iran, innescati dal loro sospetto coinvolgimento in questi ultimi attacchi. Il Qatar, tuttavia, è un'eccezione degna di nota, apparentemente poco turbata dall'impatto distruttivo che l'ayatollah e i suoi aggressori dell'IRGC continuano a cercare.

Doha ha fatto di tutto negli ultimi anni per accalorarsi con l'Iran. Ciò avviene nonostante la chiara minaccia posta ai loro vicini, gli sforzi per fomentare disordini in nazioni altrimenti stabili e la sua aperta ostilità all'approccio più tollerante e aperto adottato dagli altri Stati del Golfo. A tale riguardo, il Qatar si distingue dal resto del GCC non solo non riuscendo a contrastare l'ostilità iraniana, ma in alcuni casi, tacitamente, incoraggiandolo.

I collegamenti documentati di Doha con gli estremisti e le organizzazioni terroristiche, che godono anche di relazioni strette con l'Iran, sono forse il miglior esempio di questo. In 2015, ad esempio, in Qatar finito sborsare più di $ 1bn in fondi di riscatto a organizzazioni terroristiche, con una parte considerevole finita nelle mani di noti proxy iraniani, come Kata'ib Hezbollah, che si ritiene abbia orchestrato centinaia di attacchi ai soldati americani negli ultimi anni. Inoltre, Al-Jazeera Arabic, il portavoce del regime del Qatar, ha regolarmente ospitato voci estremiste a sostegno della belligeranza iraniana.

Non è sorprendente che il presidente Trump e la pazienza americana si siano esaurite. Mentre Washington è stata in grado di fare affidamento sui suoi altri alleati del Golfo per sostenere la pressione su Teheran a fare marcia indietro, sarà irritato dal fatto che il Qatar non abbia sostenuto questi sforzi. Sembra che la rabbia venga ora canalizzata direttamente all'Emiro, in cui molti sperano lo vedano a riconsiderare il continuo sostegno di Doha a ulteriori disordini in Medio Oriente.

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Politica, Emirati Arabi Uniti