Seguici sui social

Giornalismo

Lo stress e la tensione subiti dai giornalisti sono sotto i riflettori

SHARE:

Pubblicato il

on

La salute mentale e il burnout nella professione di giornalista e media, spesso spietata, sono finiti sotto i riflettori.

La questione è stata evidenziata dalla recente scomparsa del noto giornalista americano Blake Hounshell, morto a soli 44 anni dopo una lunga battaglia contro la depressione.

La questione è stata discussa anche da un gruppo di giornalisti di alto rango in un evento marginale al World Economic Summit della scorsa settimana.

Mentre i capi di governo, gli imprenditori, i leader della società civile e gli attivisti si sono riuniti a Davos, in Svizzera, tutti gli occhi sono rimasti puntati sul palco principale. Gli eventi collaterali attirano meno attenzione anche se potrebbero valerne la pena. Un panel su "La salute mentale in tempi di crisi globale" (19 gennaio) è un buon esempio.

Kathleen Kingsbury, opinion editor di Il New York Times, ha aperto l'evento. Ha iniziato dicendo al pubblico che l'argomento è personale: "I giornalisti non sono estranei a stress, ansia e traumi".

Kingsbury ha guidato un team di progetti speciali al di stima dove è stata responsabile di un'ambiziosa e potente serie in quattro parti di saggi sulla salute mentale in America, "Non sei solo tu". La serie ha sostenuto che l'attuale crisi della salute mentale non riguarda solo la nostra infelicità come individui, ma anche il mondo in cui viviamo. ricordava la recente perdita di Hounshell, un collega della redazione.

Jillian Melchior, membro del comitato editoriale di The Wall Street Journal, ha moderato la tavola rotonda tra due esperti molto diversi: Managing Partner presso Gallup Pa Sinyan, e Alysha Tagert, un professionista della salute mentale e terapista del trauma che ha servito come direttore esecutivo della Torture Abolition and Survivors Support Coalition International e attualmente lavora con UNICEF e USAID su Salute mentale e supporto psicosociale. 

pubblicità

Durante la discussione, Pa Sinyan ha citato statistiche sanitarie allarmanti, a dimostrazione del fatto che il mondo professionale non sta ancora facendo abbastanza per affrontare lo stress. Secondo il rapporto Global Emotions 2021 di Gallup, le emozioni negative - l'insieme di stress, tristezza, rabbia, preoccupazione e dolore fisico che le persone provano ogni giorno - sono salite alle stelle, raggiungendo un nuovo record nella storia del monitoraggio di Gallup. Non sorprende che l'infelicità e il senso di solitudine siano ai massimi storici e il suicidio tra bambini e giovani adulti batte record con una crescita del 54% negli ultimi 15 anni. Sebbene nessuna età o gruppo sociale sia rimasto inalterato dalla tendenza, COVID, ha suggerito Sinyan, "ha aggiunto un 'divario di burnout' all'elenco delle sfide che le donne in particolare devono superare", e abbiamo bisogno di una buona leadership per "dare priorità all'affrontare questo squilibrio". . 

Alysha Tagert ha sottolineato la necessità che la salute mentale sia accettata come routine e necessaria. "La ricerca di supporto per la salute mentale porta ancora troppo stigma, non solo nel mondo professionale", ha avvertito. "Se vogliamo andare avanti verso una società più produttiva e completa, la salute mentale deve essere al centro della conversazione, non solo qualcosa a cui aderiamo a parole o a cui aderiamo come seminario per dipendenti". Ha sottolineato la necessità di guardare al nostro stato d'animo non come una condizione da diagnosticare e curare ma come un continuum di benessere, un aspetto inestricabile di ogni persona: “Così come la nostra salute fisica è una parte vitale di ciò che siamo , così è la nostra salute mentale.

Per aiutare a controllare lo stress e l'ansia giorno per giorno, Tagert ha lasciato al pubblico alcune indicazioni tangibili.

Ha raccomandato strumenti semplici e facilmente accessibili per calmarsi e calmarsi: "Incoraggio i miei clienti ad assemblare una cassetta degli attrezzi per far fronte, che è un vero e proprio contenitore pieno di oggetti che possono aiutarli a calmarsi in un momento di panico o ansia coinvolgendo il sensi. La cassetta degli attrezzi dovrebbe contenere semplici oggetti di uso quotidiano, come gomme da masticare senza zucchero, una pallina antistress o un fidget spinner che può portare una persona al momento presente toccando, assaggiando, vedendo, ecc. Ad esempio, notando l'odore, la consistenza, il colore o il sapore della gomma da masticare costringe la mente a concentrarsi sull'atto di masticare. 

Coinvolgere i sensi, ha spiegato Tagert, ha il potere di distogliere la mente da ricordi invadenti, pensieri intensi, stress o paura e ha un effetto calmante quasi istantaneo. Un altro importante strumento di guarigione è una connessione all'interno delle famiglie e delle comunità.

"Guariamo nel contesto dell'essere connessi gli uni agli altri e questo aiuta come fattore protettivo per la nostra salute mentale", ha aggiunto Tagert. Ha anche menzionato la capacità dei bambini di giocare come un sintomo clinicamente osservabile di guarigione. 

I relatori hanno concordato sul fatto che il benessere psicologico e il sostegno alla salute mentale, sebbene non esattamente questioni centrali a Davos, richiedano un'attenzione seria e urgente. L'impatto di devastanti eventi mondiali, dalla pandemia una volta ogni secolo, alla guerra in Ucraina e alla profonda incertezza economica globale, non ha fatto altro che esacerbare i già crescenti livelli di stress e ansia.

Concentrarsi su di essi è un dovere sia per gli individui che per le comunità. Come ha affermato Alysha Tagert: "Abbracciare la salute mentale è abbracciare la dignità umana".

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending