Seguici sui social

Alleanza europea per la medicina personalizzata

Destinazione dell'UE in vista: fare la cosa giusta per portare assistenza sanitaria personalizzata ai pazienti – Evento CAN.HEAL, Roma, 26-27 aprile 2023

SHARE:

Pubblicato il

on

La registrazione è ancora aperta (anche se virtualmente) per la nostra prossima conferenza CAN.HEAL Stakeholder che si terrà mercoledì 26 aprile e giovedì 27 aprile. Da questa settimana tutti i posti sono occupati e purtroppo non possiamo più accettare iscrizioni per essere presenti di persona.  

Tuttavia, per i colleghi che desiderano seguire l'evento degli Stakeholder online, si prega di inviare un'e-mail alla mia collega, Marta Kozaric: [email protected].

Si prega di fare clic qui per visualizzare l'ordine del giorno e cliccare qui per il sito Web CAN.HEAL

Per adattarsi perfettamente ai tempi tutt'altro che perfetti in cui ci troviamo, la conferenza è intitolata ""Ridurre le disparità nell'Unione europea". L'evento è organizzato dalla European Cancer Patient Coalition e dall'EAPM.

Un ruolo chiave della conferenza CAN.HEAL è quello di riunire esperti per concordare le politiche per consenso e portare le nostre conclusioni ai responsabili politici. E questa volta ci addentriamo ancora di più nel regno delle competenze, data l'enorme crisi che tutti stiamo affrontando.

Allora, quali sono gli argomenti sul tavolo?

Le esigenze per affrontare il cancro sono evidenti e l'iniziativa dell'UE del piano di lotta contro il cancro può certamente contribuire a trovare soluzioni, con il suo finanziamento di oltre 4 miliardi di euro e percorsi per finanziamenti aggiuntivi tramite programmi dell'UE sulla ricerca e sui finanziamenti regionali e per la ripresa. 

pubblicità

Non si tratta del volume e della gravità dei bisogni. Il cancro è la seconda causa di mortalità nei paesi dell'UE dopo le malattie cardiovascolari. Ogni anno, a circa 2.6 milioni di persone viene diagnosticata la malattia e ne uccidono altri 1.2 milioni. 

L'onere economico complessivo del cancro in Europa è stimato a più di 100 miliardi di euro all'anno. Oltre a esercitare pressioni sugli individui, sui sistemi sanitari e sociali nazionali e sui bilanci statali, questa malattia colpisce anche la produttività e la crescita economica.

Nuove conoscenze scientifiche e nuove tecniche e metodologie stanno aprendo orizzonti per grandi miglioramenti nella diagnosi e nella cura.

Tuttavia, l'adozione è disomogenea, le esigenze di ricerca e il potenziale superano le risorse attualmente disponibili, pratiche manifestamente vantaggiose - come lo screening a livello di popolazione per il cancro del polmone - non sono ancora generalizzate e la qualità della vita dei pazienti e dei sopravvissuti sta solo iniziando a migliorare ricevere l'attenzione che merita. 

L'UE può aiutare gli Stati membri che necessitano di politiche basate su prove per garantire che tutti i cittadini dell'UE abbiano pari accesso a prevenzione del cancro, screening, diagnostica, cure e assistenza postoperatoria di alta qualità. Tuttavia, il cancro non è solo una malattia e diverse forme di cancro presentano sfide diverse che dovrebbero essere prese in considerazione in qualsiasi discussione politica. 

Oltre alle azioni generali che possono aiutare nella lotta generale contro il cancro, vi sono esigenze particolari all'interno di specifici tipi di cancro. 

Questa conferenza delle parti interessate esaminerà alcune di queste specifiche nell'interesse di pianificare una via da seguire. 

Parte di questo esercizio implica anche la presa in considerazione della natura specifica dell'Europa e dei suoi paesi costitutivi, dove le complessità della pianificazione di una via da seguire sono raddoppiate dalle ampie differenze negli approcci nazionali e regionali al cancro, nell'epidemiologia locale e nelle ampie disparità in materia di salute sistemi, da cui dipendono molti miglioramenti, comprese in particolare le considerazioni sul lato dell'offerta di risorse e competenze per test, cure, rimborsi o infrastrutture, e le considerazioni sul lato della domanda di incidenza, adozione e consapevolezza. 

Questo enigma è la logica di questa conferenza delle parti interessate che esamina le possibilità di mobilitazione di sforzi comuni per identificare le lacune e promuovere miglioramenti in tutto il campo del cancro, con particolare attenzione all'accesso e alla diagnostica per tutti, nonché alla genomica della salute pubblica.

È giunto il momento di sviluppare la cooperazione attraverso il piano di lotta contro il cancro dell'UE, Orizzonte Europa e altri strumenti politici dell'UE, in sinergia con gli Stati membri, le regioni e le città e con le fondazioni, la società civile e l'industria. 

Ciò potrebbe garantire il massimo vantaggio dalle risorse disponibili, in termini di finanziamenti dell'UE da Orizzonte Europa per le azioni di ricerca e sviluppo, diffusione attraverso altri strumenti del QFP, sostegno finanziario nazionale/regionale e riduzione dei rischi degli investimenti privati.

Nonostante tutte le differenze tra i tumori e le risorse nazionali e regionali e gli approcci alla cura del cancro, c'è un obiettivo comune nel perseguire un accesso più ampio ed equo alle migliori cure disponibili per tutti i cittadini europei. Tuttavia, la grande sfida ancora presente per i malati di cancro è l'equità di accesso allo screening e alle innovazioni terapeutiche

 Inoltre, gran parte dei meccanismi per raggiungere questo obiettivo richiedono un'azione nazionale tanto quanto, o più, dell'UE. Archetipicamente, anche se l'autorizzazione all'immissione in commercio in Europa è un processo centralizzato attraverso l'Agenzia europea per i medicinali, il processo di rimborso delle terapie innovative avviene ancora a livello nazionale. 

Il compito dell'Europa in gran parte di questo è promuovere la collaborazione, dimostrare le migliori pratiche, incoraggiare miglioramenti e sfruttare l'apprendimento dalla recente pandemia

Quanto sopra è solo un esempio degli enormi argomenti, tra i tanti in discussione nel corso della giornata. Quindi assicurati di unirti a noi il 26-27 aprile.

Ancora una volta, per partecipare virtualmente, si prega di contattare la mia collega, Marta Kozaric: [email protected], per partecipare virtualmente e cliccare qui per visualizzare l'ordine del giorno.

L'evento è organizzato dalla European Cancer Patient Coalition e dall'EAPM.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending