Seguici sui social

Cancro

Annuncio: CAN.HEAL – ottenere vittorie più rapide contro il cancro in modo più ampio, per i pazienti e la società 

SHARE:

Pubblicato il

on

È in corso un nuovo tentativo europeo di ottenere più trazione dagli enormi sforzi internazionali dedicati alla lotta contro il cancro.

Gli enormi progressi nella diagnosi e nel trattamento portati dai rapidi progressi della scienza e della tecnologia hanno portato miglioramenti significativi, sostenuti da importanti investimenti nella ricerca e dalle numerose iniziative, progetti e azioni che sono stati istituiti in tutto il mondo.

Ma il risultato è ancora sub-ottimale e il cancro continua a devastare la società in Europa e oltre.  

CAN.HEAL, un programma finanziato dall'UE, sta guidando un impegno radicale a collaborare tra discipline e territori non solo per promuovere l'innovazione, ma per portarla rapidamente in un uso efficace nei sistemi sanitari.

La cura del cancro può ora essere adattata alle esigenze specifiche dei singoli pazienti, ma questo approccio deve essere introdotto nei sistemi sanitari in modo che i pazienti - e le finanze sanitarie - ottengano i benefici che ne derivano.

L'adozione di interventi medici innovativi può fornire un trattamento migliore e prevenire reazioni avverse indesiderate, promuovendo allo stesso tempo un sistema sanitario più efficiente ed economico che si concentri sulla prevenzione oltre che sul trattamento.

La novità di CAN.HEAL è che sta creando connessioni inedite tra il mondo della scienza clinica e il mondo della sanità pubblica. Mira a fornire un ponte tra due fiori all'occhiello del piano europeo di lotta contro il cancro - "Accesso e diagnostica per tutti" e "Genomica della sanità pubblica" - in modo che gli sviluppi all'avanguardia nella prevenzione, nella diagnosi e nel trattamento del cancro diventino disponibili più rapidamente e in modo più ampio .

pubblicità

Il momento è giusto, poiché l'assistenza sanitaria europea sta attraversando un cambiamento irripetibile, con progressi scientifici accompagnati da una profonda revisione del contesto politico. Si aprono opportunità per nuove idee e nuovi approcci man mano che il quadro normativo viene rivalutato, con le discussioni che procedono sulla nuova legislazione farmaceutica, la condivisione dei dati sanitari e la battaglia contro la resistenza antimicrobica.

Ciò che è diventato sempre più chiaro è che esiste un divario di attuazione tra ciò che si potrebbe fare e ciò che si sta realizzando e, poiché la Commissione europea ha insistito nelle sue revisioni delle politiche, sono necessarie nuove forme di cooperazione. La fase successiva consiste nel colmare le lacune di attuazione esistenti a livello nazionale, in termini di impegno e disponibilità nazionale a finanziare l'innovazione e il suo utilizzo.

Nel perseguimento della necessaria comprensione più stretta, CAN.HEAL ha riunito più di 100 parti interessate alla sua prima conferenza di lavoro, mercoledì 26 e giovedì 27 aprile, presso l'Istituto Superiore di Sanità italiano a Roma. 

Oltre a scienziati e medici, i partecipanti includevano responsabili delle decisioni in materia di salute pubblica, rappresentanti della Commissione, membri del Parlamento europeo, organizzazioni di pazienti e organizzazioni ombrello europee che rappresentano gruppi di interesse e associazioni attivamente impegnate nel settore. 

As Marc Van den Bulkke, , il coordinatore del progetto, ha dichiarato all'incontro: "Miriamo a massimizzare le competenze attraverso il coordinamento. C'è un urgente bisogno di cooperazione e scambio, in modo che possano convergere canali di lavoro distinti".

"Non c'è carenza di progetti impegnati a far progredire la lotta contro il cancro", ha detto Marco Marsella, Capo unità, eHealth, benessere e invecchiamento presso la DG Connect della Commissione europea. "Ma la questione chiave è come farli lavorare insieme. Non dobbiamo guardare all'innovazione fine a se stessa, ma concentrarci su come usare quell'innovazione per rendere i sistemi sanitari migliori e più efficienti".

Nella stima di Dott.ssa Carmen Laplaza Santos, Capo unità, Innovazioni sanitarie ed ecosistemi presso la DG RTD della Commissione europea, "L'Europa dispone di grandi punti di forza che può sfruttare nella sua cultura cooperativa, nel suo ecosistema sanitario, nel grado di coinvolgimento dei pazienti e nella sua solida base scientifica. Ci sono tutti gli ingredienti per l'adozione di approcci innovativi alla lotta contro il cancro."

Ruggero De Maria, Presidente di Alleanza Contro il Cancro, ha osservato che la conferenza ha ospitato rappresentanti di 17 paesi e ha un'enorme portata attraverso i suoi 45 partner, tra cui ospedali, università, organizzazioni di ricerca, istituti di sanità pubblica, servizi pubblici, organizzazioni di pazienti e ministeri governativi.

Stefania Boccia, Docente di Igiene e Sanità Pubblica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma, ha evidenziato l'importanza – ancora sottovalutata – dell'integrazione della prevenzione nella lotta contro il cancro. "Ciò richiede il coinvolgimento di tutti gli attori: scienziati, responsabili politici, operatori sanitari, società scientifiche e investitori", ha affermato.

Nel Francesco di Lorenzo, presidente della coalizione europea dei malati di cancro, il riconoscimento del ruolo dei pazienti e il loro coinvolgimento è stato fondamentale per il processo. "Dobbiamo vedere come possiamo diventare più inclusivi nel modo in cui andiamo avanti, sia nella ricerca sul cancro che nella politica", ha affermato.

Denis Organ, EDirettore esecutivo dell'APM, e il presidente di uno dei gruppi di lavoro CAN.HEAL, hanno sottolineato la necessità di coinvolgere nel processo anche gli Stati membri in modo che si impegnino a sostenerli. "Ogni partner deve prepararsi a contribuire a un futuro migliore", ha affermato.

Mattia Schuppe, Project Team Leader per il cancro presso la DG Santé della Commissione Europea, ha affermato che la missione "può essere raggiunta se tutte le parti interessate lavorano insieme".

Van den Bulkke ha concluso l'incontro di due giorni con la dichiarazione fiduciosa che "Siamo ora in un luogo in cui insieme possiamo iniziare a creare nuove soluzioni".


Ridurre le disparità nell'Unione europea: una conferenza delle parti interessate ad alto livello
mercoledì 26 aprile, giovedì 27 aprile

Il progetto è finanziato dal Programma EU4Health 2021-2027 della Commissione Europea con Grant N° 101080009

Per maggiori informazioni, si prega di contattare:


Els Van Valckenborgh (responsabile del progetto): [email protected]

Denis Horgan (WP LEAD): indirizzo e-mail [email protected]

Per vedere il sito Web CAN.HEAL, fare clic qui: https://canheal.eu

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending