Seguici sui social

Salute e benessere

Navigare nell'epidemia di salute mentale: sfide e soluzioni per un mondo connesso

SHARE:

Pubblicato il

on

Oggi ci troviamo di fronte alla minaccia allarmante dei disturbi della salute mentale e a un crescente divario sociale in tutto il mondo. Incredibilmente, una persona su otto sul pianeta è affetta da qualche forma di problema di salute mentale e, tragicamente, ogni 40 secondi qualcuno si toglie la vita, scrive Gurudev Sri Sri Ravi Shankar (nella foto).

Un numero crescente di individui prova la sensazione di essere perso, solo o invisibile. Le persone stanno diventando più disconnesse l'una dall'altra, così come dal proprio io interiore. Ciò porta a un aumento dello stress sul sistema nervoso di un individuo, che alla fine può portare a una spirale discendente di malcontento, depressione e persino idee suicide. Una visione così negativa della vita serve solo a contribuire a un'ulteriore polarizzazione e violenza della società.

Mentre il mondo oscilla tra estremi di aggressività e depressione, il crescente impatto di questo endemico sta causando diffusi sconvolgimenti socio-economici. Le sfide si sono solo intensificate all'indomani della pandemia globale. Pertanto, è fondamentale dare priorità alla salute mentale e adottare misure proattive per affrontarla.

I metodi convenzionali utilizzati per affrontare i problemi di salute mentale in tutto il mondo si stanno rivelando inadeguati. Ciò richiede un cambiamento fondamentale nel nostro approccio collaborativo. I problemi di salute mentale colpiscono persone di ogni nazionalità, estrazione sociale, religione e genere. Pertanto, la soluzione deve essere inclusiva e universale e prontamente disponibile senza gravare in modo significativo sulle risorse del governo.

Dobbiamo lavorare per ridurre lo stigma sociale e culturale che ostacola il progresso nel raggiungimento di una solida salute mentale. Ciò richiede un approccio collaborativo che coinvolga i governi, gli operatori sanitari, le organizzazioni della comunità e gli individui. Dobbiamo sensibilizzare collettivamente, educare le persone e incoraggiare una comunicazione aperta per creare un ambiente sicuro e inclusivo per cercare aiuto. In definitiva, è responsabilità di tutti combattere i tabù e la discriminazione nella salute mentale.

Immaginiamo una società senza stress e senza violenza. E il raggiungimento di una tale società inizia con la coltivazione di individui sani e resilienti che siano anche liberi dallo stress.

A livello individuale, coltivare la pace interiore e mantenere alti livelli di energia può essere utile per eliminare lo stress. Quando la mente è calma e chiara, le persone sono meglio attrezzate per prendere decisioni informate con una comprensione dell'interconnessione della vita. La chiave per accedere a questa calma interiore risiede nel nostro stesso respiro. Il nostro respiro ha il potere di regolare emozioni e pensieri, ridurre l'ansia ed eliminare lo stress e la tensione. Dobbiamo educare e responsabilizzare le persone ad adottare un approccio olistico per mantenere la loro igiene mentale. Gli individui che trasformano il proprio benessere mentale attraverso tali pratiche non solo eccellono nella loro vita personale, ma diventano anche potenti agenti di cambiamento sociale.

pubblicità

"Salute mentale in un mondo frammentato" - il tema del prossimo Think Tank, organizzato dal World Forum for Ethics in Business, è una piattaforma per affrontare le gravi sfide che la comunità internazionale deve affrontare. Questa crisi interconnessa richiede un approccio a tutto campo per migliorare la salute mentale e la costruzione della pace.

Il costo dell'inazione o di un'azione inadeguata è troppo alto per essere ignorato. L'impatto dei problemi di salute mentale non riguarda solo gli individui e le loro famiglie, ma ha anche implicazioni più ampie per la società e l'economia. Lavoriamo insieme per creare un mondo più connesso e compassionevole, in cui le persone siano resilienti, si sentano supportate e possano coesistere con un senso di scopo e appartenenza.

Gurudev Sri Sri Ravi Shankar, è fondatore di The Art of Living Foundation (1981) e International Association for Human Values ​​(1997), attivo in 180 paesi. Considerato da Forbes il quinto indiano più influente, ha fondato il World Forum for Ethics in Business che si riunisce regolarmente attraverso conferenze al Parlamento europeo e in tutto il mondo.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending