Seguici sui social

Coronavirus

Freni pandemici legati all'inizio anticipato della stagione influenzale invernale in Europa

SHARE:

Pubblicato il

on

Le restrizioni pandemiche, che hanno ostacolato il movimento di virus diversi dal COVID-19, potrebbero aver contribuito all'aumento insolitamente precoce delle infezioni respiratorie europee questo inverno, suggeriscono gli scienziati.

Oltre alle normative COVID-19, l'interazione sociale e le restrizioni di movimento hanno limitato la diffusione dei virus più comuni durante i mesi invernali. Questi includono influenza e RSV (virus della sindrome respiratoria).

Ciò ha creato un bacino più ampio di persone suscettibili al virus, anche bambini nati in questo periodo, meno esposti.

L'RSV è una comune malattia simile al raffreddore che può causare sintomi lievi ma può portare a malattie gravi nei neonati e negli anziani.

I funzionari sanitari hanno avvertito quest'inverno di quella che hanno definito una triplice emicrania di RSV, influenza e COVID-19, che aumenterà il carico sui servizi già sovraccarichi.

I dati di sorveglianza dell'RSV per 15 paesi europei dagli anni pre-COVID 2010,2011, 2015-2016 mostrano che la stagione dell'RSV inizia a dicembre e raggiunge il picco intorno a gennaio. Ciò è evidenziato dal ECDC rapporto.

Secondo Agoritsa Baka (esperta dell'ECDC in risposta alle emergenze e preparazione), le tendenze europee suggeriscono che i casi di RSV quest'anno hanno raggiunto il picco a novembre. Ora sono in declino.

pubblicità

In Galles ad esempio, sono stati confermati 111.6 casi di RSV ogni 100,000 bambini sotto i 5 anni nella settimana terminata il 27 novembre,

La stagione 2018-2019 e la stagione 2019-2020 hanno visto casi confermati inferiori a 50. Anche l'eventuale picco, verificatosi poche settimane dopo, è stato di poco inferiore a 50 in entrambi gli anni.

Nel frattempo, i casi di COVID sono in aumento nelle ultime settimane. Secondo le statistiche dell'ECDC, i casi europei sono aumentati del 7% nella settimana terminata il 18 dicembre.

Secondo l'agenzia, l'epidemia di influenza è iniziata nella regione europea a novembre, molto prima rispetto alle quattro stagioni precedenti.

Baka ha affermato che "l'accumulo di persone più suscettibili negli ultimi due anni, insieme all'aumento della mescolanza durante i mesi estivi (a seguito dell'allentamento delle restrizioni), hanno contribuito all'inizio anticipato delle epidemie nell'anno in corso 2022-2023".

Ha affermato di non avere alcuna prova diretta a sostegno della sua affermazione, ma ha citato uno studio dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie che ha collegato il forte calo della circolazione dell'influenza nel 2020-2021 alle restrizioni COVID-19 sia nel nord che nel sud emisferi.

Peter Openshaw è un professore all'Imperial College di Londra e un medico respiratorio. Ha suggerito che c'era stata una diminuzione dell'immunità specifica a questi virus tra la popolazione, nonché una diminuzione della risposta immunologica complessiva.

TERRITORIO SCONOSCIUTO

È difficile confrontare la situazione attuale con quella dello scorso anno, quindi non è chiaro se in questa stagione ci sarà un numero di casi maggiore del normale.

Gli scienziati temono che le festività natalizie possano causare più infezioni respiratorie a causa dell'interazione sociale, in particolare se le persone visitano parenti anziani.

"Non andare a una festa se sei malato. Prima di visitare tua nonna, fai il test." Baka dell'ECDC ha affermato che è prudente indossare una maschera quando si è in mezzo alla folla, soprattutto nei trasporti pubblici.

Ulteriori complicazioni includono infezioni respiratorie virali che potrebbero make pazienti più suscettibili alle infezioni batteriche, anche se gli antibiotici comuni sono scarsi in Europa.

Ciò è dovuto ad un aumento di grave infezione ha causato un batterio chiamato streptococco di gruppo A nei bambini di età inferiore ai dieci anni.

La carenza è stata aggravata dal pressione sui prezzi di lunga data sulla produzione di farmaci generici nel continente. Questo è stato solo peggiorato dalla crisi energetica.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending