Seguici sui social

Salute

L'UE ha esortato ad adottare una "regolamentazione ragionevole" per aiutare a contrastare il commercio di sigarette illecite

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Un nuovo rapporto rivela che solo il 14% degli europei è a conoscenza del fatto che il mercato illecito delle sigarette costa agli Stati membri dell'UE oltre 10 miliardi di euro all'anno in mancati introiti.

Allo stesso tempo afferma che oltre il 65% degli intervistati identifica il tabacco illecito come un problema a livello dell'UE e due terzi sostengono un approccio politico diverso.

Questi sono alcuni dei risultati di una nuova indagine – commissionata da Philip Morris International – e condotta dalla società di ricerca Povaddo in 13 paesi europei. I risultati sono stati resi noti giovedì durante un evento mediatico a Bruxelles.

Due terzi degli oltre 13mila adulti europei intervistati nell'UE ritengono che il loro paese abbia un problema con il tabacco illecito e i prodotti contenenti nicotina.

I risultati rivelano anche che mentre i cittadini in Europa riconoscono l'uso e il commercio illecito di prodotti del tabacco come un'importante minaccia nazionale ed europea per la loro sicurezza, incolumità e salute pubblica, non sono consapevoli della reale dimensione del commercio illecito e di quanto costa in mancate entrate statali.

La politica per smettere di fumare è influenzata dall'illecito, secondo il 67% degli intervistati, che ritiene che il crescente mercato illecito stia dissuadendo molti fumatori dallo smettere o dall'adottare nuovi prodotti alla nicotina più costosi.

Per avvantaggiare tutti i cittadini in Europa e consentire un rapido cambiamento positivo, sono necessari pensiero pragmatico e buon senso, è stato affermato. I risultati dell'indagine evidenziano la richiesta del pubblico di un approccio "ragionevole" alla tassazione, basato sul rischio e sull'evidenza, per:

pubblicità
  • Svolgono un ruolo nell'incoraggiare i cittadini a fare scelte di vita migliori (66%).
  • Incentivare le industrie a sviluppare prodotti innovativi migliori per i consumatori, ridurre il loro impatto ambientale e contribuire positivamente alla sostenibilità (73%).
  • Incoraggiare i fumatori adulti interessati a passare ad alternative scientificamente comprovate e senza fumo, tassando questi prodotti a un livello inferiore rispetto alle sigarette, ma comunque sufficientemente elevato da scoraggiarne l'uso da parte di giovani o non fumatori (69%).

Inoltre, sei su dieci (60%) concordano sul fatto che l'approvazione da parte del governo di prodotti del tabacco innovativi avrà un impatto positivo sui fumatori - in media meno abbienti e meno informati - e che in molti paesi dell'UE rappresentano una percentuale rilevante di fumatori. Meritano l'uguaglianza con altri europei più privilegiati che hanno smesso di fumare o hanno optato per nuovi prodotti.

Intervenendo all'evento, GrégoireVerdeaux, Senior Vice President, External Affairs presso PMI, ha dichiarato: "Sappiamo che esiste il potenziale per fare meglio per i fumatori adulti, poiché diversi Stati membri hanno adottato approcci politici simili, tra gli altri, nei settori dell'energia, delle automobili, e alcol. Le politiche pragmatiche hanno il potere di migliorare la vita delle persone, incentivando le aziende a innovare per il meglio e fornendo un accesso equo ai progressi tecnologici, soprattutto in un momento di instabilità economica".

William Stewart, presidente/fondatore di Povaddo Research, ha affermato che si spera che i risultati incoraggino le autorità dell'UE e nazionali a prendersi un momento per valutare i risultati delle attuali politiche e prendere in considerazione altri approcci.

Ciò, ha suggerito, può avvenire attraverso "una regolamentazione e una tassazione ragionevoli, creando al tempo stesso un ambiente che promuova le innovazioni".

Stewart afferma che uno degli obiettivi del sondaggio era quello di "valutare la consapevolezza e le percezioni degli europei sul consumo illecito di tabacco, sui fumatori adulti e sulle politiche che possono aiutarli a smettere di fumare o a passare ad alternative migliori".

Il sondaggio, ha osservato, mirava anche a concentrarsi sul fatto che i fumatori adulti stiano ricevendo il giusto sostegno, "dati gli attuali tempi di inflazione e incertezza economica in Europa".

Gli intervistati hanno affermato che lo sviluppo di tecnologie antifumo dovrebbe consentire progressi e svolgere un ruolo importante nella salute pubblica integrando le misure esistenti.

 Sei intervistati su dieci (61%) ritengono che oltre a incoraggiare la completa cessazione dei comportamenti a rischio, l'UE dovrebbe anche dare la priorità a politiche e strategie volte a migliorare la vita di coloro che continuano a fumare sigarette, a bere in modo irresponsabile o a fare uso di droghe . 

Sette su dieci (69%) vedono l'innovazione, le scoperte tecnologiche e la scienza svolgere un ruolo nella riduzione dei tassi di fumo.

Quasi tre quarti (72%) concordano sul fatto che l'UE dovrebbe dedicare tempo e risorse all'eliminazione del fumo incoraggiando tutti i fumatori a smettere completamente o, per coloro che non lo fanno, a passare a un'alternativa senza fumo scientificamente provata.

L'evento mediatico ha sentito che è "incoraggiante" che un numero crescente di paesi stia adottando una regolamentazione differenziata in base al rischio che può svolgere un "ruolo decisivo nel guidare i consumatori ad adottare alternative migliori se non si arrendono, e le aziende a investire nell'innovazione".

Vale la pena notare che le sigarette sono tra le merci più trafficate illegalmente al mondo e rientrano in tre categorie principali: contrabbando, contraffazioni e bianche illecite.

Povaddo ha condotto il sondaggio online tra il 10 e il 15 novembre tra 13,630 adulti maggiorenni della popolazione generale di età pari o superiore a 18 anni in 13 Stati membri dell'UE: Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Italia, Lituania, Polonia, Portogallo, Romania , Slovacchia e Spagna. In ogni paese sono state condotte circa 1,000 interviste online (divise approssimativamente equamente tra adulti che fanno e non usano prodotti contenenti nicotina).

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending