Seguici sui social

Coronavirus

La Brexit Gran Bretagna ha appena approvato un vaccino europeo, afferma il ministro della salute tedesco

Pubblicato

on

Celebrare la rapida approvazione della Gran Bretagna del vaccino contro il coronavirus di BioNtech e Pfizer come beneficio della Brexit è fuori luogo poiché il vaccino era esso stesso un prodotto dell'Unione europea che la Gran Bretagna ha lasciato, il ministro della Salute tedesco Jens Spahn (nella foto) ha detto, scrive Thomas Escritt.

Spahn ha detto ai giornalisti che, sebbene la Gran Bretagna fosse stata la prima ad approvare il vaccino, era ottimista sul fatto che l'Agenzia europea per i medicinali sarebbe presto seguita. La differenza di fuso orario era dovuta al fatto che la Gran Bretagna e gli Stati Uniti avevano condotto un processo di approvazione di emergenza, mentre l'UE stava usando un processo regolare.

“Ma alcune osservazioni sulla Brexit ai miei amici britannici: Biontech è uno sviluppo europeo, dall'UE. Il fatto che questo prodotto dell'UE sia così buono che la Gran Bretagna lo abbia approvato così rapidamente dimostra che in questa crisi la cooperazione europea e internazionale è la migliore ", ha detto.

Alcuni hanno suggerito che la Gran Bretagna, avendo la propria approvazione per i medicinali, significava che avrebbe potuto muoversi più agilmente dell'agenzia a livello di blocco dell'UE.

Coronavirus

Coronavirus: dichiarazione della Commissione sulla consultazione degli Stati membri sulla proposta di prolungare e adeguare ulteriormente il quadro temporaneo per gli aiuti di Stato

Pubblicato

on

La Commissione europea ha inviato agli Stati membri per consultazione una bozza di proposta per prorogare fino al 31 dicembre 2021 e adeguare ulteriormente il campo di applicazione del quadro temporaneo di aiuti di Stato, inizialmente adottato il 19 marzo 2020 per sostenere l'economia nel contesto dell'epidemia di coronavirus. In considerazione della persistenza e dell'evoluzione dell'epidemia di coronavirus, la Commissione sta valutando la necessità di prolungare ulteriormente il quadro temporaneo e di continuare ad adeguarne la portata alle esigenze in evoluzione delle imprese, pur mantenendo le garanzie per preservare una concorrenza effettiva.

Il progetto di proposta tiene conto del feedback iniziale ricevuto dagli Stati membri a un sondaggio avviato dalla Commissione nel dicembre 2020 per raccogliere le proprie opinioni sull'attuazione del quadro temporaneo per gli aiuti di Stato.

Su questa base, la Commissione ha inviato agli Stati membri per consultazione un progetto di proposta, comprendente: (i) la proroga delle disposizioni esistenti del quadro temporaneo fino al 31 dicembre 2021; (ii) aumentare i massimali per importi limitati di aiuti concessi nell'ambito del quadro di riferimento temporaneo e per misure che contribuiscono ai costi fissi delle società che non sono coperte dai loro ricavi, tenendo conto della continua incertezza economica e delle esigenze delle imprese colpite dal crisi; e (iii) consentire agli Stati membri di convertire anche in una fase successiva gli strumenti rimborsabili concessi (compresi i prestiti) fino a € 800,000 per azienda (€ 120,000 per azienda attiva nel settore della pesca e acquacoltura e € 100,000 per azienda attiva nel produzione primaria di prodotti agricoli) in sovvenzioni dirette.

Gli Stati membri hanno ora la possibilità di commentare il progetto di proposta della Commissione. Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: "Poiché la seconda ondata dell'epidemia di coronavirus continua a influenzare profondamente le nostre vite, le aziende di tutta Europa hanno bisogno di ulteriore sostegno per superare la crisi. Ecco perché proponiamo di prorogare il quadro temporaneo per gli aiuti di Stato fino al 31 dicembre 2021 e di aumentare gli importi degli aiuti a disposizione delle imprese nell'ambito di determinate misure per garantire che rimanga disponibile un sostegno efficace. Decideremo la via da seguire tenendo conto delle opinioni di tutti gli Stati membri e della necessità di preservare una concorrenza effettiva nel mercato unico ".

La dichiarazione completa è disponibile on-line.

Continua a leggere

Coronavirus

Vaccini COVID-19: l'UE deve rispondere con unità e solidarietà 

Pubblicato

on

I deputati hanno espresso ampio sostegno all'approccio comune dell'UE alla lotta contro la pandemia e hanno chiesto la completa trasparenza per quanto riguarda i contratti e la diffusione dei vaccini COVID-19.

Nella discussione plenaria di martedì (19 gennaio), i deputati hanno scambiato opinioni con Ana Paula Zacarias, Segretario di Stato portoghese per gli affari europei, e Stella Kyriakides, Commissario UE per la salute e la sicurezza alimentare.

La grande maggioranza degli eurodeputati ha mostrato il proprio sostegno all'approccio dell'UE unito, che ha garantito lo sviluppo rapido dei vaccini e garantito l'accesso ai vaccini per tutti i cittadini europei. Allo stesso tempo, hanno deplorato il "nazionalismo della salute", compresi i presunti contratti paralleli firmati dagli Stati membri o i tentativi di battersi a vicenda. Per sostenere la storia di successo europea, l'UE deve rispondere con unità e solidarietà, con tutti i livelli di governo che lavorano insieme, affermano i deputati.

I membri hanno chiesto che i termini dei contratti tra l'UE e le aziende farmaceutiche che coinvolgono denaro pubblico siano completamente trasparenti. I recenti sforzi della Commissione, per consentire ai deputati al Parlamento europeo di consultare un contratto incompleto, sono stati ritenuti insufficienti. I deputati hanno ribadito che solo la completa trasparenza potrebbe aiutare a combattere la disinformazione e creare fiducia nelle campagne di vaccinazione in tutta Europa.

I relatori hanno anche riconosciuto la dimensione globale della pandemia COVID-19, che richiede soluzioni globali. L'UE ha la responsabilità di usare la sua posizione di forza per sostenere i suoi vicini e partner più vulnerabili. La pandemia può essere superata solo quando tutte le persone avranno uguale accesso ai vaccini, non solo nei paesi ricchi, hanno aggiunto i deputati.

Il dibattito ha toccato anche altre questioni, come la necessità di dati nazionali comparabili e il riconoscimento reciproco delle vaccinazioni, la necessità di evitare ritardi e aumentare la velocità della vaccinazione, nonché la natura non costruttiva di incolpare l'UE o l'industria farmaceutica per qualsiasi fallimenti.

Guarda il video registrazione del dibattito qui. Fare clic sui nomi seguenti per le singole dichiarazioni.

Ana Paula Zacarias, Presidenza portoghese

Stella Kyriakides, Commissario UE per la salute e la sicurezza alimentare

Esther de Lange, PPE, NL

Iratxe García Pérez, S&D, ES

Dacian Cioloş, Renew Europe, RO

Joëlle Mélin, ID, FR

Philippe Lamberts, Verdi / ALE, BE

Joanna Kopcińska, ECR, PL

Marc Botenga, La sinistra, BE

Contesto

Il 19 gennaio la Commissione ha pubblicato un'ulteriore comunicazione sulla strategia COVID-19 dell'UE. I leader dell'UE discuteranno dello stato di avanzamento della pandemia durante la riunione del Consiglio europeo del 21 gennaio.

sfondo

Il 22 settembre 2020, il Parlamento ha tenuto a Ascolto pubblico su "Come garantire l'accesso ai vaccini COVID-19 per i cittadini dell'UE: sperimentazioni cliniche, sfide di produzione e distribuzione". Durante la sessione plenaria di dicembre 2020, il Parlamento si è espresso sostegno per la rapida autorizzazione di vaccini sicuri e il 12 gennaio 2021, i deputati ha accusato una mancanza di trasparenza per alimentare l'incertezza e la disinformazione riguardo alla vaccinazione COVID-19 in Europa.

Maggiori informazioni 

Continua a leggere

Cina

Panel indipendente di revisione sulla pandemia critica dei ritardi di Cina e OMS

Pubblicato

on

Un gruppo di esperti indipendenti ha affermato lunedì (18 gennaio) che i funzionari cinesi avrebbero potuto applicare più energicamente le misure di salute pubblica a gennaio per frenare l'epidemia iniziale di COVID-19 e ha criticato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per non aver dichiarato un'emergenza internazionale fino al 30 gennaio. , scrive .

Gli esperti che hanno esaminato la gestione globale della pandemia, guidati dall'ex primo ministro neozelandese Helen Clark e dall'ex presidente liberiano Ellen Johnson Sirleaf, hanno chiesto riforme all'agenzia delle Nazioni Unite con sede a Ginevra.Il loro rapporto provvisorio è stato pubblicato poche ore dopo la massima emergenza dell'OMS L'esperto Mike Ryan, ha detto che le morti globali per COVID-19 dovrebbero raggiungere le 100,000 persone a settimana "molto presto".

"Ciò che è chiaro al gruppo di esperti scientifici è che le misure di salute pubblica avrebbero potuto essere applicate con maggiore forza dalle autorità sanitarie locali e nazionali in Cina a gennaio", afferma il rapporto, riferendosi allo scoppio iniziale della nuova malattia nella città centrale di Wuhan, nella provincia di Hubei.

Quando sono emerse prove di trasmissione da uomo a uomo, "in troppi paesi, questo segnale è stato ignorato", ha aggiunto.

Nello specifico, ha messo in dubbio il motivo per cui il Comitato di emergenza dell'OMS non si è riunito fino alla terza settimana di gennaio e non ha dichiarato un'emergenza internazionale fino alla sua seconda riunione il 30 gennaio.

“Sebbene il termine pandemia non sia né utilizzato né definito nel Regolamento sanitario internazionale (2005), il suo utilizzo serve a focalizzare l'attenzione sulla gravità di un evento sanitario. Non è stato fino all'11 marzo che l'OMS ha usato il termine ", afferma il rapporto.

"Il sistema di allarme pandemico globale non è adatto allo scopo", ha detto. "L'Organizzazione mondiale della sanità è stata sottodimensionata per svolgere il lavoro".

Sotto il presidente Donald Trump, gli Stati Uniti hanno accusato l'OMS di essere "Cina-centrica", cosa che l'agenzia nega. I paesi europei guidati da Francia e Germania hanno spinto per affrontare le carenze dell'OMS in materia di finanziamenti, governance e poteri legali.

Il gruppo ha chiesto un "ripristino globale" e ha affermato che avrebbe formulato raccomandazioni in un rapporto finale ai ministri della salute dei 194 stati membri dell'OMS a maggio.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending