Seguici sui social

Coronavirus

La Commissione approva un regime lussemburghese da 120 milioni di euro per sostenere i costi fissi non coperti delle società colpite dall'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato un regime di aiuti di Stato lussemburghese per sostenere i costi fissi scoperti delle aziende colpite dall'epidemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell'ambito degli aiuti di Stato Quadro temporaneo.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, responsabile della politica della concorrenza, ha dichiarato: “Molte aziende in Lussemburgo, come nel resto d'Europa, hanno visto i loro ricavi diminuire in modo significativo a causa delle misure restrittive necessarie per limitare la diffusione del coronavirus. Questo programma consentirà al Lussemburgo di aiutare queste società ad affrontare i costi fissi che non sono coperti dai ricavi durante questo periodo difficile. Continuiamo a lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per trovare soluzioni praticabili per mitigare l'impatto economico dell'epidemia di coronavirus, in linea con le regole dell'UE ”.

La misura di sostegno lussemburghese

A seguito dell'approvazione della Commissione del otto regimi di aiuti di Stato lussemburghesi a sostegno delle aziende che affrontano difficoltà economiche a causa dell'epidemia di coronavirusk, Il Lussemburgo ha notificato alla Commissione un regime per sostenere ulteriormente le società nell'ambito del Quadro temporaneo. Nell'ambito del regime, il Lussemburgo prevede di fornire assistenza economica ad alcune imprese, comprese quelle che operano nei settori dell'ospitalità, dell'alloggio e dell'intrattenimento, al fine di aiutarle a far fronte alle loro carenze di liquidità legate allo scoppio del coronavirus. La misura ha un budget stimato fino a 120 milioni di euro.

Nell'ambito del regime, il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette. La misura consentirà alle autorità lussemburghesi di sostenere le imprese che hanno subito un calo mensile del fatturato tra novembre 2020 e marzo 2021 di almeno il 40% rispetto allo stesso periodo del 2019. L'aiuto le aiuterà a pagare il 70% (90% nel caso di micro e piccole imprese) dei loro costi fissi non coperti dai ricavi, fino ad un massimo di 1 milione di euro per impresa.

La Commissione ha riscontrato che il regime lussemburghese è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, l'aiuto (i) sarà concesso entro il 30 giugno 2021; (ii) coprirà i costi fissi non coperti sostenuti durante un periodo compreso tra il 1 marzo 2020 e il 30 giugno 2021; (iii) sarà concesso alle imprese che subiscono un calo del fatturato durante il periodo ammissibile di almeno il 30% rispetto allo stesso periodo del 2019; (iv) coprirà al massimo il 70% dei costi fissi scoperti (90% nel caso di micro e piccole imprese); (v) non supererà i 3 milioni di EUR per impresa; (vi) sarà concesso solo alle società che al 31 dicembre 2019 non erano considerate in difficoltà, ad eccezione delle micro e piccole imprese ammissibili anche se già in difficoltà. Infine, il Lussemburgo garantirà che le regole per il cumulo degli aiuti forniti nell'ambito del quadro temporaneo siano rispettate in tutte le misure.

La Commissione ha concluso che la misura prevista dal regime è necessaria, appropriata e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura di aiuto ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.

sfondo

La Commissione ha adottato un Quadro temporaneo per consentire agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per sostenere l'economia nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Il quadro temporaneo, come modificato il 3 aprileMay 8Giugno 29 e  13 ottobre 2020, prevede i seguenti tipi di aiuti, che possono essere concessi dagli Stati membri:

(I) Sovvenzioni dirette, iniezioni di azioni, agevolazioni fiscali selettive e pagamenti anticipati fino a € 100,000 per una società attiva nel settore agricolo primario, € 120,000 per una società attiva nel settore della pesca e dell'acquacoltura e € 800,000 per una società attiva in tutti gli altri settori per far fronte alle sue urgenti esigenze di liquidità. Gli Stati membri possono inoltre concedere, fino al valore nominale di 800,000 € per impresa, prestiti a tasso zero o garanzie su prestiti che coprono il 100% del rischio, tranne nel settore agricolo primario e nel settore della pesca e dell'acquacoltura, dove i limiti di Si applicano rispettivamente 100,000 e 120,000 € per azienda.

(Ii) Garanzie statali per prestiti concessi da società per garantire che le banche continuino a fornire prestiti ai clienti che ne hanno bisogno. Queste garanzie statali possono coprire fino al 90% del rischio sui prestiti per aiutare le imprese a coprire il capitale circolante immediato e le esigenze di investimento.

(III) Prestiti pubblici sovvenzionati a imprese (debito senior e subordinato) con tassi di interesse favorevoli alle imprese. Questi prestiti possono aiutare le imprese a coprire il capitale circolante immediato e le esigenze di investimento.

(Iv) Salvaguardie per le banche che convogliano gli aiuti di Stato verso l'economia reale che tale aiuto è considerato un aiuto diretto ai clienti delle banche, non alle banche stesse, e fornisce indicazioni su come garantire una distorsione minima della concorrenza tra le banche.

(V) Assicurazione pubblica del credito all'esportazione a breve termine per tutti i paesi, senza che lo Stato membro in questione debba dimostrare che il rispettivo paese è temporaneamente "non commerciabile".

(Vi) Supporto per ricerca e sviluppo (R&S) correlato al coronavirus affrontare l'attuale crisi sanitaria sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali. Un bonus può essere concesso per progetti di cooperazione transfrontaliera tra Stati membri.

(Vii) Supporto per la costruzione e l'upscaling di strutture di collaudo sviluppare e testare prodotti (inclusi vaccini, ventilatori e indumenti protettivi) utili per combattere l'epidemia di coronavirus, fino al primo impiego industriale. Ciò può assumere la forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie senza perdita. Le società possono beneficiare di un bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l'investimento è concluso entro due mesi dalla concessione dell'aiuto.

(Viii) Supporto alla produzione di prodotti rilevanti per combattere l'epidemia di coronavirus sotto forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie senza perdita. Le società possono beneficiare di un bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l'investimento è concluso entro due mesi dalla concessione dell'aiuto.

(Ix) Sostegno mirato sotto forma di differimento dei pagamenti fiscali e / o sospensioni dei contributi previdenziali per quei settori, regioni o per i tipi di aziende più colpite dall'epidemia.

(X) Sostegno mirato sotto forma di sussidi salariali per i dipendenti per quelle aziende in settori o regioni che hanno sofferto maggiormente dell'epidemia di coronavirus e che altrimenti avrebbero dovuto licenziare personale.

(Xi) Aiuto mirato alla ricapitalizzazione alle società non finanziarie, se non è disponibile un'altra soluzione appropriata. Sono in atto misure di salvaguardia per evitare indebite distorsioni della concorrenza nel mercato unico: condizioni relative alla necessità, all'adeguatezza e all'entità dell'intervento; condizioni di ingresso dello Stato nel capitale delle società e remunerazione; condizioni relative all'uscita dello Stato dal capitale delle società interessate; le condizioni relative alla governance, compresi il divieto di dividendi e i massimali di remunerazione per l'alta dirigenza; divieto di sovvenzioni incrociate e divieto di acquisizione e misure aggiuntive per limitare le distorsioni della concorrenza; obblighi di trasparenza e rendicontazione.

(Xii) Supporto per costi fissi scoperti per le aziende che affrontano un calo del fatturato durante il periodo ammissibile di almeno il 30% rispetto allo stesso periodo del 2019 nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Il sostegno contribuirà a una parte dei costi fissi dei beneficiari che non sono coperti dalle loro entrate, fino a un importo massimo di 3 milioni di euro per impresa.

Il quadro temporaneo consente agli Stati membri di combinare tra loro tutte le misure di sostegno, ad eccezione dei prestiti e delle garanzie per lo stesso prestito e superando le soglie previste dal quadro temporaneo. Consente inoltre agli Stati membri di combinare tutte le misure di sostegno concesse nell'ambito del quadro temporaneo con le possibilità esistenti di concessione de minimis a una società fino a € 25,000 in tre anni fiscali per le società attive nel settore agricolo primario, € 30,000 in tre anni fiscali per le società attive nel settore della pesca e dell'acquacoltura e € 200,000 in tre anni fiscali per le società attive in tutti gli altri settori . Allo stesso tempo, gli Stati membri devono impegnarsi a evitare il cumulo indebito di misure di sostegno per le stesse società al fine di limitare il sostegno per soddisfare le loro effettive esigenze.

Inoltre, il quadro temporaneo completa le molte altre possibilità già disponibili per gli Stati membri per mitigare l'impatto socioeconomico dell'epidemia di coronavirus, in linea con le norme dell'UE in materia di aiuti di Stato. Il 13 marzo 2020 la Commissione ha adottato a Comunicazione su una risposta economica coordinata allo scoppio di COVID-19 illustrando queste possibilità. Ad esempio, gli Stati membri possono apportare modifiche generalmente applicabili a favore delle imprese (ad esempio differire le tasse o sovvenzionare il lavoro a orario ridotto in tutti i settori), che non rientrano nelle norme sugli aiuti di Stato. Possono anche concedere un risarcimento alle aziende per i danni subiti a causa e direttamente causati dall'epidemia di coronavirus.

Il quadro temporaneo sarà in vigore fino alla fine di giugno 2021. Poiché le questioni di solvibilità possono concretizzarsi solo in una fase successiva all'evolversi della crisi, per le misure di ricapitalizzazione solo la Commissione ha prorogato questo periodo fino alla fine di settembre 2021. Al fine di garantendo la certezza del diritto, la Commissione valuterà prima di tali date se è necessario prorogarlo.

La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.59322 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza. Nuove pubblicazioni di decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate nel State Aid Weekly e-News.

Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus qui.

 

Coronavirus

L'OMS afferma che l'accordo Pfizer potrebbe consentire ai paesi poveri di iniziare la vaccinazione a febbraio

Pubblicato

on

By

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato venerdì (22 gennaio) di aver raggiunto un accordo con Pfizer / BioNTech per 40 milioni di dosi del suo vaccino COVID-19 e dovrebbe essere in grado di iniziare a fornire vaccini a paesi poveri e a reddito medio-basso il mese prossimo sotto il suo Programma COVAX, scrivere e

Lo schema COVAX, guidato dall'OMS e dall'alleanza per i vaccini GAVI, ha firmato accordi per centinaia di milioni di dosi per vaccinare le persone nei paesi poveri e a reddito medio-basso, ma le vaccinazioni devono ancora iniziare. Il vaccino della Pfizer è finora l'unico che ha l'approvazione di emergenza dell'OMS.

"In questo mondo siamo protetti come il nostro vicino", ha affermato Albert Bourla, CEO di Pfizer, annunciando ufficialmente l'accordo che Reuters ha riportato giovedì.

Bourla ha affermato che i 40 milioni di dosi, una frazione della stima di produzione totale della società per il 2021 di 2 miliardi, sarebbero stati venduti senza scopo di lucro. Lo ha descritto come un accordo iniziale e ha detto che più dosi potrebbero essere fornite attraverso il programma COVAX in futuro.

L'accordo arriva in mezzo alle crescenti critiche sull'ineguaglianza dei vaccini da parte sia dell'OMS che di altri, poiché i paesi ricchi vaccinano milioni di persone utilizzando iniezioni ottenute tramite accordi bilaterali.

Il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che il nuovo accordo con Pfizer dovrebbe consentire l'inizio delle vaccinazioni a febbraio per gli operatori sanitari, sebbene i dettagli degli accordi di fornitura siano ancora in fase di definizione.

Ha detto che sperava che l'accordo incoraggiasse anche altri paesi a donare più dei loro colpi Pfizer per supportare un rapido lancio, come ha fatto la Norvegia.

"L'impegno degli (Stati Uniti) ad aderire a COVAX, insieme a questo nuovo accordo con Pfizer / BioNTech, significa che siamo più vicini a mantenere la promessa di COVAX", ha affermato.

Il consigliere medico capo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Anthony Fauci, ha detto giovedì che gli Stati Uniti intendevano unirsi alla struttura. Il predecessore di Biden, Donald Trump, aveva interrotto i finanziamenti all'organismo con sede a Ginevra e aveva annunciato un processo di ritiro.

L'OMS ha affermato all'inizio di questa settimana che prevede di fornire 135 milioni di vaccini nel primo trimestre del 2021, senza fornire una ripartizione per fornitore.

L'amministratore delegato di GAVI Seth Berkley ha dichiarato nella stessa conferenza che i paesi riceveranno stime sulla dose per la prima parte di quest'anno tra circa una settimana.

Continua a leggere

Coronavirus

Vaccinazioni COVID-19: più solidarietà e trasparenza necessarie 

Pubblicato

on

I deputati hanno sostenuto l'approccio comune dell'UE alla lotta contro il COVID-19 e hanno chiesto maggiore unità e chiarezza durante un dibattito sull'introduzione dei vaccini e sulla strategia dell'UE sui vaccini.

Durante un dibattito in plenaria il 19 gennaio sulla strategia dell'UE sulle vaccinazioni contro il Covid-19, la maggior parte dei deputati ha espresso sostegno all'approccio comune dell'UE, che ha garantito il rapido sviluppo e l'accesso a vaccini sicuri. Tuttavia, hanno chiesto ancora più solidarietà quando si tratta di vaccinazioni e trasparenza riguardo ai contratti con le aziende farmaceutiche.

Esther de Lange (PPE, Paesi Bassi) ha affermato: "Solo una maggiore trasparenza può eliminare la percezione diffusa - che sia giustificata o meno - che spesso, troppo spesso, il profitto viene anteposto alle persone in questo settore (farmaceutico)". Ha elogiato l'acquisto congiunto di vaccini da parte dell'UE, che ha portato a una posizione negoziale più forte di quella che avrebbero avuto i singoli paesi dell'UE: “Ciò significa più vaccini a un prezzo migliore e in condizioni migliori. Mostra cosa può fare l'Europa quando restiamo uniti. Possiamo aiutare a salvare vite umane ".

Iratxe García Pérez (S&D, Spagna) ha messo in guardia contro il "nazionalismo sanitario" che potrebbe danneggiare la cooperazione sui vaccini in Europa. Secondo lei, solidarietà e unità sono la risposta: “Se riusciamo a mantenere l'unità e ad avere un'equa distribuzione dei vaccini negli Stati membri, abbiamo motivo di credere che 380 milioni di cittadini europei saranno vaccinati entro l'estate. Questa è un'impresa scientifica e sanitaria che non può essere rovinata da contratti paralleli e acquisti diretti ". Ha aggiunto:" Parliamo con una sola voce in modo che la più grande campagna di vaccinazione della storia ci riporti speranza nel 2021 ".

"Cosa stiamo facendo esattamente per aumentare la velocità di somministrazione dei vaccini in tutta l'UE?" chiesto Dacian Cioloş (Rinnova, Romania). “So che questa è una corsa contro il tempo, ma in questa corsa non possiamo dimenticare che abbiamo la responsabilità di fare le cose in piena trasparenza, una responsabilità verso i nostri cittadini per ottenere la loro fiducia. Questa fiducia è in gran parte ciò da cui dipende la campagna di vaccinazione ".

Joëlle Mélin (ID, Francia) ha detto che la negoziazione dei contratti sui vaccini mancava di trasparenza. "Siamo ora nella fase di distribuzione e scopriamo che ci sono carenze e promesse non mantenute da parte delle aziende farmaceutiche", ha aggiunto.

Philippe Lamberts (Verdi / ALE) ha parlato anche della necessità di trasparenza e del fatto che la Commissione Europea ha tenuto segreti i contratti con i laboratori: “Questa opacità è un insulto alla democrazia. In ogni singolo contratto l'acquirente deve sapere cosa sta acquistando a quali condizioni ea quale prezzo ". Ha anche parlato di potenziali problemi di responsabilità: “È fondamentale sapere chi avrà la responsabilità se dovessero esserci effetti collaterali negativi della vaccinazione - sarebbero i decisori pubblici o i produttori di farmaci? Non ne abbiamo idea. "

Joanna Kopcińska (ECR, Polonia) ha affermato che la decisione per la strategia di vaccinazione comune era giusta: "Abbiamo bisogno di una strategia globale e, naturalmente, lo scetticismo ha molto a che fare con la paura che la vaccinazione stia procedendo lentamente, la consegna è forse in ritardo e non trasparente ". Ha chiesto l'aggiornamento sistematico delle strategie di trattamento e appropriate campagne di informazione che raggiungano tutti.

Marc Botenga (The Left, Belgio) ha chiesto maggiore trasparenza dei contratti e responsabilità da parte delle società farmaceutiche. Ha criticato l'accesso diseguale ai vaccini a livello globale, sottolineando che le regioni più povere hanno difficoltà a ottenere un numero sufficiente di vaccini. "Non è necessario realizzare profitti su questa pandemia e di certo non vogliamo la segregazione alle vaccinazioni".

Dibattito in plenaria sulla strategia globale dell'UE sulle vaccinazioni contro il Covid-19 Alcuni dei relatori durante il dibattito sulle vaccinazioni COVID-19  

Il commissario per la salute Stella Kyriakides ha assicurato ai deputati che le loro richieste di trasparenza sono state ascoltate. Ha accolto con favore il fatto che il primo dei fornitori di vaccini avesse acconsentito a rendere disponibile il testo del loro contratto e ha affermato che la Commissione stava lavorando per convincere altri produttori a fare lo stesso.

Kyriakides ha detto che si aspetta di vedere più domande per l'autorizzazione dei vaccini nei prossimi mesi. Ha sottolineato l'importanza di un approccio globale: "Nessun paese sarà al sicuro e nessuna economia si riprenderà veramente fino a quando il virus non sarà sotto controllo in tutti i continenti". Ha anche parlato di Covax, la struttura globale per garantire un accesso equo e universale a Covid- 19 vaccini che l'UE ha contribuito a creare, che mira ad acquistare due miliardi di dosi entro la fine del 2021, di cui oltre 1.3 miliardi per i paesi a reddito medio e basso.

Ana Paula Zacarias, il Segretario di Stato portoghese per gli affari europei che ha parlato a nome del Consiglio, ha affermato che l'approccio comune dell'UE, che ha accelerato il processo di sviluppo, autorizzazione e garanzia dell'accesso ai vaccini, deve continuare a garantire la disponibilità e l'efficienza introduzione dei vaccini in tutti gli Stati membri.

Zacarias ha affermato che una serie di problemi devono ancora essere risolti, tra cui il formato e il ruolo del certificato di vaccinazione, un approccio comune sull'uso e la convalida dei test rapidi dell'antigene e il riconoscimento reciproco dei risultati del test COVID-19.

Sfondo: corsa ai vaccini

Fin dall'inizio dell'epidemia di coronavirus, il Parlamento europeo ha seguito da vicino il processo di ricerca e sviluppo del vaccino. L'UE ha coordinato uno sforzo congiunto per garantire la rapida diffusione di vaccini contro la malattia, attraverso il mobilitazione di centinaia di milioni di euro per progetti di ricerca e procedure più flessibili. Il Parlamento ha approvato una deroga temporanea a determinate norme per le sperimentazioni cliniche consentire uno sviluppo più rapido dei vaccini.

I deputati al comitato per la salute hanno ripetutamente sottolineato la necessità di una fiducia pubblica nei vaccini e l'importanza di combattere la disinformazione e hanno chiesto di più trasparenza sui contratti sui vaccini, autorizzazione e spiegamento nell'UE.

Sotto il Strategia dell'UE sui vaccini lanciato nel giugno 2020, la Commissione ha negoziato e concluso accordi di acquisto anticipato con sviluppatori di vaccini per conto dei paesi dell'UE; l'UE copre parte dei costi sostenuti dai produttori in cambio del diritto di acquistare una determinata quantità di dosi di vaccino in un determinato periodo di tempo e a un determinato prezzo, una volta ottenuta l'autorizzazione all'immissione in commercio. Finora sono stati conclusi sei contratti con aziende farmaceutiche.

Dopo la valutazione scientifica e la raccomandazione positiva del Agenzia europea dei medicinali, il 19 dicembre 21 la Commissione europea ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata al primo vaccino contro il Covid-2020, sviluppato da BioNTech e Pfizer. Le vaccinazioni in tutta l'UE sono iniziate poco dopo, il 27 dicembre. Il 6 gennaio 2021, il vaccino di Moderna ha ottenuto l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata. Il vaccino sviluppato da AstraZeneca potrebbe essere autorizzato entro la fine di gennaio.

Continua a leggere

Coronavirus

I leader dell'UE valutano i limiti dei viaggi sulle paure delle varianti del virus

Pubblicato

on

By

I leader dell'Unione europea hanno cercato giovedì (21 gennaio) di affrontare le crescenti sfide della pandemia di coronavirus, tra cui l'aumento delle richieste per limitare i viaggi e rafforzare i controlli alle frontiere per contenere più varianti infettive della malattia, scrive .

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto prima di una videoconferenza dei leader serali che i paesi europei dovevano prendere sul serio la nuova mutazione trovata in Gran Bretagna per evitare una terza ondata.

"Non possiamo escludere la chiusura delle frontiere, ma vogliamo impedirle attraverso la cooperazione all'interno dell'Unione europea", ha detto in una conferenza stampa a Berlino.

I leader, che hanno il pieno controllo dei propri confini, stavano discutendo dei protocolli di test per i pendolari transfrontalieri, ha aggiunto.

Alexander De Croo, primo ministro del Belgio, dove i casi pro capite sono inferiori a quelli dei paesi vicini, ha detto che chiederà ai colleghi leader dell'UE di interrompere i viaggi non essenziali, come il turismo.

“La minima scintilla potrebbe spingere di nuovo le cifre. Dobbiamo proteggere la nostra buona posizione ", ha detto all'emittente VRT.

I capi delle istituzioni dell'UE hanno esortato i leader a mantenere l'unità e a intensificare i test e le vaccinazioni, anche se la Merkel ha affermato di non aspettarsi decisioni formali da prendere all'incontro delle 6:1700 (XNUMX GMT), il nono del genere dall'inizio della pandemia. .

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato mercoledì che le chiusure globali delle frontiere non hanno senso e non sono efficaci quanto le misure mirate.

Il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn, il cui paese fa affidamento sui pendolari dei suoi vicini, ha detto alla radio Deutschlandfunk che le chiusure delle frontiere erano sbagliate nel 2020 e ancora sbagliate nel 2021.

L'esecutivo dell'UE vuole anche che gli Stati membri concordino un approccio comune ai certificati di vaccinazione entro la fine di gennaio. Quindi un certificato dall'Estonia sarebbe accettato in Portogallo, ad esempio.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha lanciato l'idea la scorsa settimana che potrebbero aiutare a ripristinare i viaggi transfrontalieri. La Spagna sta spingendo l'idea all'interno dell'UE e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), ha detto giovedì il suo ministro degli esteri.

I diplomatici dell'UE hanno affermato che ciò era prematuro in quanto non era ancora chiaro se le persone vaccinate potessero ancora trasmettere il virus ad altri.

"Per quanto riguarda i paesi terzi (non UE), dovresti esaminare se accettare vaccini russi o cinesi", ha aggiunto uno.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending