Seguici sui social

Coronavirus

Il Kirghizistan verrà fornito con 400 ventilatori medici e 2 milioni di maschere

Pubblicato

on

Il Kazakistan fornirà al Kirghizistan 400 set di ventilatori medici mobili per unità di terapia intensiva e due milioni di maschere mediche prodotte nelle imprese kazake, ha riferito il servizio stampa del primo ministro. scrive Aidana Yergaliyeva.

Il governo kazako fornirà assistenza umanitaria per conto del presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev come parte della lotta contro il coronavirus, ha detto il servizio stampa nella dichiarazione del 17 novembre.

Questa decisione è una risposta all'appello ufficiale del Kirghizistan per l'assistenza. Il 29 ottobre il ministro degli Esteri kirghiso Ruslan Kazakbayev si è rivolto a diversi paesi, tra cui il Kazakistan, con un appello per assistenza nella lotta contro la diffusione del COVID-19, nell'organizzazione delle elezioni presidenziali e parlamentari, nella riforma costituzionale e nell'eliminazione del suo bilancio disavanzo.

Il 12 novembre i capi di Kazakistan e Uzbekistan hanno convenuto di fornire assistenza economica e umanitaria al popolo kirghiso e di garantire stabilità e sicurezza nella regione.

Quando sono comparsi i primi casi in primavera, il Kazakistan riaffermato l'impegno a fornire aiuti umanitari ai paesi limitrofi dell'Asia centrale. A maggio, il Kazakistan ha fornito un totale di 10 tonnellate di farina al Kirghizistan e al Tagikistan.

In Luglio   Settembre, il governo kazako ha fornito assistenza umanitaria all'Afghanistan. Il Kazakistan ha inviato migliaia di tonnellate di farina, pasta, olio di girasole e latte condensato.

Il Kazakistan ha anche inviato in Cina maschere usa e getta, tute protettive mediche e occhiali di protezione all'inizio della pandemia di febbraio.

COVID-19

Il tribunale belga ritiene che AstraZeneca avrebbe dovuto utilizzare la produzione britannica per rispettare il contratto dell'UE

Pubblicato

on

Oggi (18 giugno) il Tribunale di primo grado del Belgio ha pubblicato la sua giudizio sulla causa intentata contro AstraZeneca (AZ) dalla Commissione Europea e dai suoi Stati membri per misure cautelari. La corte ha ritenuto che l'AZ non fosse riuscita a soddisfare i "migliori sforzi ragionevoli" delineati nella sua contratto di acquisto anticipato (APA) con l'UE, soprattutto la corte ha rilevato che l'impianto di produzione di Oxford era stato monopolizzato per rispettare gli impegni del Regno Unito nonostante i riferimenti espliciti ad esso nell'APA.

Le azioni dell'AZ hanno indotto l'Unione europea a mettere in atto restrizioni commerciali circoscritte con molta attenzione, mirate ad affrontare questo problema.

AstraZeneca dovrà erogare 80.2 milioni di dosi entro la fine di settembre o sostenere un costo di 10 euro per ogni dose che non riesce a erogare. Siamo lontani dalla richiesta della Commissione Europea di 120 milioni di dosi di vaccino entro la fine di giugno 2021 e di un totale di 300 milioni di dosi entro la fine di settembre 2021. La nostra lettura della sentenza suggerisce che con il riconoscimento che la produzione britannica dovrebbe essere utilizzato per soddisfare i requisiti dell'UE e altre produzioni in altri paesi non UE che stanno arrivando online queste dosi sono probabilmente ora a portata di mano.

La decisione è stata accolta con favore da AstraZeneca e dalla Commissione europea, ma i costi sono stati ripartiti su base 7:3 con AZ che copre il 70%.

Nel suo comunicato stampa, il consigliere generale di AstraZeneca, Jeffrey Pott, ha dichiarato: “Siamo soddisfatti dell'ordine della Corte. AstraZeneca ha pienamente rispettato il suo accordo con la Commissione Europea e continueremo a concentrarci sull'urgente compito di fornire un vaccino efficace”.

Tuttavia, nella sua dichiarazione, la Commissione europea accoglie con favore i giudici che ritengono che AstraZeneca abbia commesso una grave violazione ("faute lourde") dei suoi obblighi contrattuali con l'UE.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: "Questa decisione conferma la posizione della Commissione: AstraZeneca non ha rispettato gli impegni assunti nel contratto". La Commissione afferma inoltre che la "sana base giuridica" della Commissione - che alcuni avevano messo in discussione - era stata confermata. 

Nel loro comunicato stampa AstraZeneca ha dichiarato: "La Corte ha rilevato che la Commissione europea non ha esclusività o diritto di priorità su tutte le altre parti contraenti". Tuttavia, questo non era in discussione, il tribunale ha chiesto la proporzionalità quando ci sono contratti in conflitto.

Continua a leggere

Coronavirus

L'UE redige un elenco di quali paesi dovrebbero avere le restrizioni di viaggio revocate - Regno Unito escluso

Pubblicato

on

A seguito di una revisione nell'ambito della raccomandazione sulla graduale revoca delle restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali nell'UE, il Consiglio ha aggiornato l'elenco dei paesi, delle regioni amministrative speciali e di altri enti e autorità territoriali per i quali le restrizioni ai viaggi dovrebbero essere revocate. Come previsto nella raccomandazione del Consiglio, questo elenco continuerà a essere riesaminato ogni due settimane e, se del caso, aggiornato.

Sulla base dei criteri e delle condizioni stabiliti nella raccomandazione, a partire dal 18 giugno 2021 gli Stati membri dovrebbero revocare gradualmente le restrizioni di viaggio alle frontiere esterne per i residenti dei seguenti paesi terzi:

  • Albania
  • Australia
  • Israele
  • Giappone
  • Libano
  • Nuova Zelanda
  • Repubblica del Nord Macedonia
  • Ruanda
  • Serbia
  • Singapore
  • Corea del Sud
  • Tailandia
  • Stati Uniti d'America
  • Cina, previa conferma di reciprocità

Le restrizioni ai viaggi dovrebbero essere gradualmente revocate anche per le regioni amministrative speciali della Cina Hong Kong    macao. La condizione di reciprocità per queste regioni amministrative speciali è stata revocata.

Nella categoria degli enti e delle autorità territoriali non riconosciuti come Stati da almeno uno Stato membro, le restrizioni di viaggio per travel Taiwan dovrebbe anche essere gradualmente sollevato.

I residenti di Andorra, Monaco, San Marino e Vaticano dovrebbero essere considerati residenti nell'UE ai fini della presente raccomandazione.

Il progetto criteri per determinare i paesi terzi per i quali l'attuale restrizione di viaggio dovrebbe essere revocata sono stati aggiornati il ​​20 maggio 2021. Coprono la situazione epidemiologica e la risposta complessiva a COVID-19, nonché l'affidabilità delle informazioni e delle fonti di dati disponibili. Anche la reciprocità dovrebbe essere presa in considerazione caso per caso.

Anche i paesi associati a Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera) prendono parte a questa raccomandazione.

sfondo

Il 30 giugno 2020 il Consiglio ha adottato una raccomandazione sulla graduale revoca delle restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali nell'UE. Questa raccomandazione includeva un elenco iniziale di paesi per i quali gli Stati membri dovrebbero iniziare a revocare le restrizioni di viaggio alle frontiere esterne. L'elenco viene rivisto ogni due settimane e, se del caso, aggiornato.

Il 20 maggio il Consiglio ha adottato una raccomandazione di modifica per rispondere alle campagne di vaccinazione in corso introducendo alcune deroghe per le persone vaccinate e allentando i criteri per eliminare le restrizioni per i paesi terzi. Allo stesso tempo, gli emendamenti tengono conto dei possibili rischi posti dalle nuove varianti stabilendo un meccanismo di freno di emergenza per reagire rapidamente all'emergere di una variante interessante o preoccupante in un paese terzo.

La raccomandazione del Consiglio non è uno strumento giuridicamente vincolante. Le autorità degli Stati membri rimangono responsabili dell'attuazione del contenuto della raccomandazione. Possono, in piena trasparenza, revocare solo progressivamente le restrizioni di viaggio verso i paesi elencati.

Uno Stato membro non dovrebbe decidere di revocare le restrizioni di viaggio per i paesi terzi non elencati prima che ciò sia stato deciso in modo coordinato.

Continua a leggere

Cina

L'esperto di malattie cinesi afferma che la sonda sulle origini di COVID-19 dovrebbe spostarsi negli Stati Uniti - Global Times

Pubblicato

on

By

Un anziano epidemiologo cinese ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero essere la priorità nella prossima fase delle indagini sull'origine del COVID-19 dopo che uno studio ha mostrato che la malattia avrebbe potuto circolare lì già a dicembre 2019, hanno detto i media statali giovedì (17 giugno). ), scrivere David Stanway e Samuel Shen, Reuters.

Il progetto studio, pubblicato questa settimana dal National Institutes for Health (NIH) degli Stati Uniti, ha mostrato che almeno sette persone in cinque stati degli Stati Uniti sono state infettate da SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, settimane prima che gli Stati Uniti ne segnalassero la prima casi ufficiali.

Uno studio congiunto Cina-Organizzazione mondiale della sanità (OMS) pubblicato a marzo ha affermato che il COVID-19 molto probabilmente ha avuto origine nel commercio di fauna selvatica del paese, con il virus che passa negli esseri umani dai pipistrelli tramite una specie intermedia.

Ma Pechino ha promosso la teoria secondo cui il COVID-19 è entrato in Cina dall'estero attraverso cibi surgelati contaminati, mentre diversi politici stranieri chiedono anche ulteriori indagini sulla possibilità che sia trapelato da un laboratorio.

Zeng Guang, capo epidemiologo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato al tabloid statale Global Times che l'attenzione dovrebbe spostarsi sugli Stati Uniti, che hanno tardato a testare le persone nelle prime fasi dell'epidemia, ed è anche il sede di numerosi laboratori biologici.

"Tutti gli argomenti relativi alle armi biologiche che il paese ha dovrebbero essere soggetti a controllo", ha affermato.

Commentando lo studio statunitense mercoledì (16 giugno), il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha affermato che ora è "ovvio" che l'epidemia di COVID-19 abbia "origine multiple" e che altri paesi dovrebbero cooperare con l'OMS.

L'origine della pandemia è diventata una fonte di tensione politica tra Cina e Stati Uniti, con gran parte della recente attenzione al Wuhan Institute of Virology (WIV), situato a Wuhan, dove l'epidemia è stata identificata per la prima volta alla fine del 2019.

La Cina è stata criticata per la sua mancanza di trasparenza quando si tratta di divulgare dati sui primi casi e sui virus studiati al WIV.

A rapporto da un laboratorio nazionale del governo degli Stati Uniti ha concluso che era plausibile che il virus fosse trapelato dal laboratorio di Wuhan, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal all'inizio di questo mese.

Uno studio precedente ha sollevato la possibilità che SARS-CoV-2 potesse circolare in Europa già a settembre, ma gli esperti hanno affermato che ciò non significava necessariamente che non fosse originario della Cina, dove sono stati trovati molti coronavirus simili alla SARS. la selvaggia.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending