Le organizzazioni che rappresentano persone con #disabilities presentano reclamo contro la Francia

| Maggio 16, 2018
Persone istituzionalizzate in un altro paese lontano dalla loro famiglia e comunità. Famiglie che aspettano più di 15 anni per un alloggio adeguato. Mancanza di accesso all'assistenza sanitaria. Queste violazioni delle convenzioni internazionali ed europee sono denunciate in una denuncia collettiva contro la Francia presentata al Consiglio d'Europa dall'European Disability Forum e Inclusion Europe, con il sostegno delle organizzazioni di difesa francesi 5 (APF France Handicap, CLAPEAHA, FNATH, Unafam, Unapei) .

La denuncia contro la Francia è stata presentata dalle due associazioni europee nel tentativo di sostenere i diritti umani delle persone con disabilità. La denuncia afferma che la Francia sta violando gli obblighi giuridici a cui si è impegnata nel Carta sociale europea e il Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

La denuncia collettiva riguarda i fallimenti dello stato francese, quali:

Mancanza di un accesso equo ed efficace ai servizi di supporto sociale

Non solo molte persone con disabilità non sono in grado di accedere ai servizi di supporto, ma la Francia sta effettivamente utilizzando la libertà di movimento per esiliare le persone. Oggi la Francia non offre il diritto a tutte le persone con disabilità di vivere con le loro famiglie e nelle loro comunità: a dicembre 2015, 5385 adulti e 1451 bambini sono stati collocati in servizi sociali e istituzioni in Belgio (Rapport d'informazioni fait au nome della commissione affari sociale su il premio en charge des persone handicapées en dehors du territoire français, pagina 20). In alcuni casi, più di 200 a chilometri di distanza dalle loro famiglie.

Mancanza di un accesso equo ed efficace all'assistenza sanitaria

Vi è una mancanza di coordinamento tra servizi sociali e sanitari e alcuni servizi sanitari non sono accessibili. Ciò significa che alcune persone non sono in grado di accedere ai servizi sanitari essenziali.

Mancanza di un accesso uguale ed efficace all'alloggio

La mancanza di alloggi accessibili e adeguati impedisce alle persone con disabilità di accedere all'alloggio. Crea lunghe liste d'attesa: a volte più di 15 anni.

Mancanza di supporto essenziale per una vita indipendente

Spesso manca un adeguato supporto e soluzioni di assistenza personale per le persone con disabilità. Ciò rende impossibile per loro lavorare, vivere e partecipare in modo indipendente nella società.

Fallimento nel suo dovere di proteggere le famiglie

La mancanza di supporto per le persone con disabilità sta interessando i membri della famiglia, in quanto devono essere responsabili del supporto stesso, con conseguenze sulla loro salute e il loro benessere. Altre famiglie vedono i propri cari collocati in istituti lontani dalle loro case (in particolare in Belgio, in alcuni casi più di 200 km lontano da casa).

Mancato rispetto del dovere di proteggere l'equilibrio tra vita lavorativa e vita privata

La mancanza di supporto per le persone con disabilità sta interessando i membri della famiglia, in quanto devono essere responsabili del supporto stesso. Quando le famiglie sono obbligate a sostenere i loro parenti con disabilità, questo può portare alla mancanza di sicurezza del posto di lavoro in quanto, in alcuni casi, i membri della famiglia devono ridurre l'orario di lavoro o smettere di lavorare.

Questi insuccessi nel sostenere i diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie spesso li mettono in una posizione molto difficile. La situazione è tanto più preoccupante in quanto gli accordi bilaterali tra Belgio e Francia evidenziano come la libertà di movimento possa essere utilizzata per minare i diritti delle persone con disabilità a vivere in modo indipendente nella comunità. Sono stati esiliati in un paese diverso, lontano dalle loro famiglie, senza che fosse una scelta. La Francia sta inoltre violando gli impegni presi quando si è unita al Carta sociale europea e il Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UN CRPD).

Inclusion Europe e European Disability Forum hanno accettato di presentare la denuncia considerando che una denuncia di successo potrebbe costituire un precedente per i casi di altri paesi europei che violano anche la Carta sociale europea e la CRPD delle Nazioni Unite. Le persone con disabilità in Francia e altrove in Europa stanno ancora aspettando che i loro diritti sanciti da questi trattati diventino realtà.

Yannis Vardakastanis, presidente del Forum europeo sulla disabilità, ha dichiarato: "La Francia non sta rispettando i diritti umani fondamentali delle persone con disabilità, il che è inaccettabile. È soprattutto per vedere come la Francia stia effettivamente esiliare le persone. I paesi devono fare meglio e sostenere i diritti umani di tutte le persone con disabilità, e useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione per garantire che lo facciano ".

Maureen Piggot, presidente di Inclusion Europe, ha dichiarato: "Un numero elevato di coloro che hanno le conseguenze dell'inattività dello stato francese sono le persone con disabilità intellettive e le loro famiglie. Le persone con disabilità intellettuali hanno lo stesso diritto degli altri di vivere una vita sana, indipendente e dignitosa. Quando lo stato non riesce a fornire un sostegno adeguato, la persona disabile soffre e tutta la famiglia paga il prezzo quando i genitori e i fratelli entrano per colmare le lacune. La Francia e altri paesi europei dovrebbero adempiere ai loro obblighi, e continueremo ad agire se non lo faranno. "

Albert Prévos, membro del comitato esecutivo del Forum europeo sulle disabilità, ha dichiarato: "La mancanza di sostegno da parte del governo francese per l'attuazione dei requisiti della Convenzione ONU, in particolare per quanto riguarda l'esercizio della capacità giuridica su base di uguaglianza con gli altri, ha un impatto molto negativo nella vita delle persone con disabilità. Non si tratta solo di violare trattati e convenzioni, si tratta di rispettare i nostri diritti umani ".

Puoi trovare il comunicato stampa completo con testimonianze e informazioni di base in questo pacchetto stampa. Comunicato stampa sul sito web

European Disability Forum

Il Forum europeo sulla disabilità è una ONG indipendente che difende gli interessi di 80 milioni di europei con disabilità. EDF è una piattaforma unica che riunisce l'organizzazione rappresentativa delle persone con disabilità provenienti da tutta Europa. È gestito da persone con disabilità e le loro famiglie. EDF è una voce forte e unita di persone con disabilità in Europa.

Inclusion Europe

Inclusion Europe è un'associazione di persone con disabilità intellettive e le loro famiglie in Europa. Da quando 1988, Inclusion Europe lotta per la parità di diritti e la piena inclusione delle persone con disabilità intellettive e delle loro famiglie in tutti gli aspetti della vita. L'associazione ha membri in quasi tutti i paesi europei 40. Inclusion Europe si concentra su una serie di settori chiave, principalmente: istruzione, capacità giuridica, non discriminazione, vita indipendente, inclusione sociale e accessibilità e salute. L'associazione ha sede a Bruxelles, in Belgio.

tag: ,

Categoria: Un Frontpage, Disabilità, Invalidità, EU, Articolo in primo piano, Salute