Seguici sui social

Economia

L'emissione di obbligazioni verdi rafforzerà il ruolo internazionale dell'euro

SHARE:

Pubblicato il

on

I ministri dell'Eurogruppo hanno discusso del ruolo internazionale dell'euro (15 febbraio), in seguito alla pubblicazione della comunicazione della Commissione europea (19 gennaio) "Il sistema economico e finanziario europeo: promuovere la forza e la resilienza".

Il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe, ha dichiarato: "L'obiettivo è ridurre la nostra dipendenza da altre valute e rafforzare la nostra autonomia in varie situazioni. Allo stesso tempo, un maggiore utilizzo internazionale della nostra valuta implica anche potenziali compromessi, che continueremo a monitorare. Durante la discussione, i ministri hanno sottolineato il potenziale dell'emissione di obbligazioni verdi per migliorare l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento del nostro obiettivo di transizione climatica ".

L'Eurogruppo ha discusso la questione più volte negli ultimi anni dal Vertice euro del dicembre 2018. Klaus Regling, amministratore delegato del meccanismo europeo di stabilità, ha affermato che l'eccessivo affidamento al dollaro conteneva dei rischi, citando come esempi l'America Latina e la crisi asiatica degli anni '90. Ha anche fatto riferimento obliquamente a "episodi più recenti" in cui il predominio del dollaro significava che le aziende dell'UE non potevano continuare a lavorare con l'Iran di fronte alle sanzioni statunitensi. Regling ritiene che il sistema monetario internazionale si stia lentamente muovendo verso un sistema multipolare in cui tre o quattro valute saranno importanti, inclusi dollaro, euro e renminbi. 

Il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, ha convenuto che il ruolo dell'euro potrebbe essere rafforzato attraverso l'emissione di green bond, migliorando l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento dei nostri obiettivi climatici dei fondi dell'UE di nuova generazione.

I ministri hanno convenuto sulla necessità di un'ampia azione a sostegno del ruolo internazionale dell'euro, che comprenda progressi, tra l'altro, nell'Unione economica e monetaria, nell'Unione bancaria e nell'Unione dei mercati dei capitali per garantire il ruolo internazionale dell'euro.

pubblicità

Condividi questo articolo:

Trending