Seguici sui social

EU

Il BNP francese smetterà di finanziare le aziende che coltivano i terreni deforestati in Amazzonia

SHARE:

Pubblicato il

on

La più grande banca francese, BNP Paribas, si è impegnata lunedì (15 febbraio) a smettere di finanziare le imprese che producono o acquistano carne di manzo o soia coltivata su terreni in Amazzonia sdoganati o convertiti dopo il 2008, scrivere Sudip Kar-Gupta e Matthieu Protard.

L'istituto di credito ha anche affermato che incoraggerebbe i clienti a non acquistare o produrre carne di manzo o soia coltivata nel Cerrado, una vasta eco-regione della savana tropicale che copre il 20% del Brasile, finanziando solo quelli che adottano una strategia di deforestazione zero entro il 2025.

I gruppi di campagne ambientali hanno affermato che la mossa di BNP Paribas ha inviato un segnale forte alle società che commerciano materie prime nella regione, ma hanno insistito per un'azione più rapida.

“Le istituzioni finanziarie esposte al settore agricolo in Brasile devono contribuire a questa lotta contro la deforestazione. Questo è il caso di BNP Paribas ”, ha affermato la banca in una nota.

La soia e la carne bovina sono due dei maggiori motori della deforestazione globale. La crescita della popolazione e la rapida espansione delle classi medie in paesi come la Cina hanno alimentato un'esplosione della domanda di soia e un aumento del consumo di carne e latticini.

Alcuni scienziati avvertono che la foresta amazzonica, che si estende su nove paesi, sta precipitando verso una spirale mortale mentre la deforestazione continua a ritmo sostenuto. Un'area della foresta pluviale amazzonica delle dimensioni di Israele è stata abbattuta l'anno scorso, secondo Amazon Conservation.

La metà del Cerrado è già stata bonificata ed è uno degli ecosistemi più minacciati del pianeta, hanno affermato in una dichiarazione congiunta quattro ONG ambientali.

"BNP Paribas concede ai commercianti altri cinque anni per disboscare impunemente le foreste", ha affermato Klervi Le Guenic di Canopee Forets Vivantes.

pubblicità

BNP e altri istituti di credito europei, tra cui Credit Suisse e la banca olandese ING, si sono impegnati il ​​mese scorso a interrompere il finanziamento del commercio di petrolio greggio dall'Ecuador dopo le pressioni degli attivisti che mirano a proteggere l'Amazzonia.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending