Seguici sui social

Frontpage

Vincitore, Student Journalism Awards - Cosa significa per me frequentare una scuola internazionale? - Grace Roberts

Pubblicato

on

Domande come queste sono caricate, mai semplici o dirette. Ti richiede di scavare e trovare la tua verità. Pensala come una cipolla, hai gli strati che circondano l'esterno e per arrivare al centro, devi togliere ogni strato. Tutto ha aspetti positivi e negativi, compresa questa domanda, quindi iniziamo a passare, vero? La British School of Brussels è la prima scuola internazionale in cui sono stato, prima di essere qui ero nel sistema scolastico militare. Le scuole militari sono normali scuole del Regno Unito, ma queste sono gestite all'estero per studenti britannici come me! Quando vivevo in Germania, frequentavo più scuole del sistema specifico: dall'inizio alla fine. Mentirei se non dicessi che li amo, ho incontrato tanti amici fantastici essendo in quelle scuole ma c'erano alcuni problemi. Vedi, quando eri in una di queste scuole, passavi alla scuola successiva con queste stesse persone e qualche extra che può essere adorabile. A volte, però, ti sembrava di essere in qualche modo intrappolato. Le persone avevano queste idee e rappresentazioni di te nelle loro teste da quando avevi 8 anni e si aspetterebbero che tu restassi allo stesso modo. Ci si aspetterebbe che tu restassi negli stessi gruppi di amici, rimani la stessa persona che eri quando eri piccolo, ma non sarebbe mai rimasto costante. Gli amici discuteranno, le persone cambieranno, è solo il modo in cui funziona il mondo.

Gli alti e bassi, gli alti e bassi

Uno dei miei amici più cari e io siamo amici da oltre 7 anni ed eravamo conosciuti per essere i migliori amici. Tranne per una volta in cui siamo caduti in una meschina discussione su un arco che indossavo tra i capelli. È stata una discussione durata quasi due mesi, non ci siamo detti una parola, ma io la vedevo sempre a scuola, avevamo anche lo stesso gruppo di amici che peggiorava la situazione. Tutti sono stati coinvolti, cercando di rimetterci insieme come due pezzi di puzzle rotti. Era come se la gente disprezzasse il cambiamento; a loro non era familiare. Fortunatamente, ci siamo riusciti e siamo diventati più vicini che mai. Ma mi è rimasta impressa quanto le persone odiassero il disagio, non riuscivano a far fronte al cambiamento.

Ma venire qui, è stata davvero una boccata d'aria fresca.

Potrei essere chi volevo essere senza che nessuno mi conoscesse prima di arrivare. Potevo indossare quello che volevo; Potevo pettinarmi i capelli come volevo. Potrei essere me. Certo, c'erano i pochi giudizi da parte delle persone come ci saranno sempre, ma andava bene perché ero felice e bello essere me. Ho trovato un sistema di supporto stabile: amici che si prendevano cura di me, insegnanti che mi davano aiuto quando ne avevo bisogno, un sistema scolastico che puntava su gentilezza e positività. Ho trovato alcune delle persone migliori che potrò mai incontrare, alcune delle persone più vicine a me, non importa quanto lontano si muovano.

Ma in ogni percorso c'è una pozzanghera. Arriva al punto in cui deve finire, tutti devono andare avanti. È triste ma è vero. Ogni ciao è arrivato con un arrivederci. Ho dovuto dire addio a uno dei miei amici più cari, la prima persona con cui ero diventato amico a scuola ed è stato doloroso. È sempre così. Nessuno pensa a quanto fa male dire addio a qualcuno fino al momento in cui le lacrime ricominciano a rotolare e vengono pronunciati i duri addii. Nessuno rimarrà mai nello stesso posto per sempre, questa è solo la realtà. Non importa se si tratta di trasferirsi in una nuova casa, spostare paesi, spostare continenti, ti trasferirai sempre almeno una volta. Ma quando le persone se ne vanno, vengono più persone e si creano ancora più legami. Incontrerai sempre nuove persone e nuovi amici, più persone che si prendono cura di te e sono felici di vederti prosperare.

E questa è una cosa speciale delle scuole internazionali; incontri sempre nuove persone. Sei libero di esplorare nuovi gruppi di amici, parlare con persone diverse, stringere una più ampia gamma di amici senza paura di perdere i tuoi vecchi amici. È confortante. A volte, le persone si sentono lasciate indietro o come se non avessero nessuno, ma qui non è vero. Avrai sempre qualcuno, forse non te ne rendi conto, ma avrai sempre qualcuno nel tuo angolo che ti tifa per qualsiasi cosa ed è una bella sensazione. È una sensazione confortante, calma e calda.

Quindi, la tua domanda era cosa significa per me essere in una scuola internazionale e penso di poter finalmente avere una risposta. Per me, essere in una scuola internazionale è un'esperienza unica che ho la fortuna di vivere in prima persona. Apre le porte a un mondo completamente nuovo di culture che potresti non aver mai visto, lingue che potresti non aver mai provato, persone che non avresti mai incontrato. È un'opportunità che sono così felice di aver avuto. Non tutti si sentono come me e va bene così. Ma non dimenticare mai che ci sono sempre alti e bassi, alti e bassi.

Continua a leggere

Economia

L'emissione di obbligazioni verdi rafforzerà il ruolo internazionale dell'euro

Pubblicato

on

I ministri dell'Eurogruppo hanno discusso del ruolo internazionale dell'euro (15 febbraio), a seguito della pubblicazione della comunicazione della Commissione europea del (19 gennaio), "Il sistema economico e finanziario europeo: promuovere la forza e la resilienza".

Il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe, ha dichiarato: "L'obiettivo è ridurre la nostra dipendenza da altre valute e rafforzare la nostra autonomia in varie situazioni. Allo stesso tempo, un maggiore utilizzo internazionale della nostra valuta implica anche potenziali compromessi, che continueremo a monitorare. Durante la discussione, i ministri hanno sottolineato il potenziale dell'emissione di obbligazioni verdi per migliorare l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento del nostro obiettivo di transizione climatica ".

L'Eurogruppo ha discusso la questione più volte negli ultimi anni dal Vertice euro del dicembre 2018. Klaus Regling, amministratore delegato del meccanismo europeo di stabilità, ha affermato che l'eccessivo affidamento al dollaro conteneva dei rischi, citando come esempi l'America Latina e la crisi asiatica degli anni '90. Ha anche fatto riferimento obliquamente a "episodi più recenti" in cui il predominio del dollaro significava che le aziende dell'UE non potevano continuare a lavorare con l'Iran di fronte alle sanzioni statunitensi. Regling ritiene che il sistema monetario internazionale si stia lentamente muovendo verso un sistema multipolare in cui tre o quattro valute saranno importanti, inclusi dollaro, euro e renminbi. 

Il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, ha convenuto che il ruolo dell'euro potrebbe essere rafforzato attraverso l'emissione di green bond, migliorando l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento dei nostri obiettivi climatici dei fondi dell'UE di nuova generazione.

I ministri hanno convenuto sulla necessità di un'ampia azione a sostegno del ruolo internazionale dell'euro, che comprenda progressi, tra l'altro, nell'Unione economica e monetaria, nell'Unione bancaria e nell'Unione dei mercati dei capitali per garantire il ruolo internazionale dell'euro.

Continua a leggere

EU

La corte europea dei diritti umani sostiene la Germania sul caso di attacco aereo di Kunduz

Pubblicato

on

By

Un'indagine della Germania su un attacco aereo mortale del 2009 vicino alla città afgana di Kunduz, ordinato da un comandante tedesco, ha rispettato i suoi obblighi di diritto alla vita, ha stabilito martedì (16 febbraio) la Corte europea dei diritti dell'uomo, scrive .

La sentenza del tribunale di Strasburgo respinge una denuncia del cittadino afghano Abdul Hanan, che ha perso due figli nell'attacco, secondo cui la Germania non ha adempiuto al proprio obbligo di indagare efficacemente sull'incidente.

Nel settembre 2009, il comandante tedesco delle truppe NATO a Kunduz ha chiamato un jet da combattimento statunitense per colpire due camion di carburante vicino alla città che la NATO credeva fosse stata dirottata dai ribelli talebani.

Il governo afghano ha detto che all'epoca 99 persone, tra cui 30 civili, sono state uccise. Gruppi per i diritti indipendenti stimati tra 60 e 70 civili sono stati uccisi.

Il bilancio delle vittime ha scioccato i tedeschi e alla fine ha costretto il suo ministro della Difesa a dimettersi per le accuse di aver coperto il numero di vittime civili nel periodo precedente le elezioni tedesche del 2009.

Il procuratore generale federale tedesco aveva riscontrato che il comandante non incorreva in responsabilità penale, principalmente perché era convinto quando aveva ordinato l'attacco aereo che non fossero presenti civili.

Affinché fosse responsabile ai sensi del diritto internazionale, si sarebbe dovuto ritenere che avesse agito con l'intento di causare un numero eccessivo di vittime civili.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha considerato l'efficacia delle indagini della Germania, incluso se ha stabilito una giustificazione per l'uso letale della forza. Non ha considerato la legalità dell'attacco aereo.

Di 9,600 soldati della NATO in Afghanistan, la Germania ha il secondo più grande contingente dietro gli Stati Uniti.

Un accordo di pace del 2020 tra i talebani e Washington prevede il ritiro delle truppe straniere entro il 1 ° maggio, ma l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta riesaminando l'accordo dopo un deterioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan.

La Germania si prepara a prorogare il mandato per la sua missione militare in Afghanistan dal 31 marzo fino alla fine di quest'anno, con il livello delle truppe che rimane fino a 1,300, secondo una bozza di documento visionata da Reuters.

Continua a leggere

EU

Digitalizzazione dei sistemi giudiziari dell'UE: la Commissione avvia una consultazione pubblica sulla cooperazione giudiziaria transfrontaliera

Pubblicato

on

Il 16 febbraio la Commissione Europea ha lanciato un consultazione pubblica sulla modernizzazione dei sistemi giudiziari dell'UE. L'UE mira a sostenere gli Stati membri nei loro sforzi per adattare i loro sistemi giudiziari all'era digitale e migliorarli Cooperazione giudiziaria transfrontaliera dell'UE. Il commissario alla giustizia Didier Reynders (nella foto) ha dichiarato: “La pandemia COVID-19 ha ulteriormente evidenziato l'importanza della digitalizzazione, anche nel campo della giustizia. I giudici e gli avvocati hanno bisogno di strumenti digitali per poter lavorare insieme in modo più rapido ed efficiente.

Allo stesso tempo, i cittadini e le imprese necessitano di strumenti online per un accesso più facile e trasparente alla giustizia a un costo inferiore. La Commissione si sforza di portare avanti questo processo e sostenere gli Stati membri nei loro sforzi, anche per quanto riguarda l'agevolazione della loro cooperazione nelle procedure giudiziarie transfrontaliere utilizzando i canali digitali ". Nel dicembre 2020 la Commissione ha adottato un comunicazione delineando le azioni e le iniziative intese a promuovere la digitalizzazione dei sistemi giudiziari in tutta l'UE.

La consultazione pubblica raccoglierà opinioni sulla digitalizzazione delle procedure civili, commerciali e penali transfrontaliere dell'UE. I risultati della consultazione pubblica, a cui può partecipare un'ampia gamma di gruppi e individui e che è disponibile qui fino all'8 maggio 2021, alimenterà un'iniziativa sulla digitalizzazione della cooperazione giudiziaria transfrontaliera prevista per la fine di quest'anno, come annunciato nel Programma di lavoro della Commissione 2021.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending