Seguici sui social

EU

La doppia cittadinanza europea e la diplomazia degli ostaggi iraniana

Pubblicato

on

Sin dal suo inizio, la Repubblica islamica ha trattato la doppia cittadinanza e i cittadini stranieri come merce di scambio nei suoi negoziati con l'Occidente, imprigionando individui con accuse false mentre utilizzavano la loro detenzione come leva diplomatica, scrive United Against Nuclear Iran.

Teheran rifiuta di riconoscere la doppia cittadinanza, riconoscendo invece solo l'identità iraniana degli individui in questione. Pertanto, ai cittadini con doppia cittadinanza viene regolarmente negata l'assistenza consolare dalla loro nazione di origine alternativa. In realtà, il regime iraniano non è affatto cieco di fronte alla doppia cittadinanza. Piuttosto, questi sfortunati individui sono presi di mira dal regime proprio a causa della loro doppia cittadinanza, che è vista come qualcosa che può essere utilizzato come merce di scambio nei negoziati con i paesi occidentali.

La risposta internazionale all'uso sistematico da parte dell'Iran della diplomazia degli ostaggi varia da paese a paese, anche da detenuto a detenuto.

Tuttavia, sebbene la detenzione iraniana della doppia cittadinanza non sia una novità, la decisione consapevole di alcuni governi e istituzioni europee di guardare dall'altra parte è sia nuova che preoccupante.

In quanto segue, diamo uno sguardo a come i diversi governi europei e organismi non statali hanno risposto alla prigionia dei loro concittadini e colleghi.

Laddove alcuni paesi si comportano bene, intervenendo in difesa dei propri cittadini e adottando misure proattive per garantire il loro rilascio, altri tacciono imperdonabilmente sulla questione. In alcuni casi, gli organismi non statali hanno intrapreso un'azione molto più decisiva di quella del governo dello stesso paese.

Per fortuna, ci sono alcuni segni che le potenze europee stiano perdendo la pazienza con l'Iran.

Nel settembre 2020, Francia, Germania e Regno Unito, conosciuti collettivamente come E3, hanno convocato i rispettivi ambasciatori iraniani in una protesta diplomatica coordinata contro la detenzione di doppia nazionalità da parte di Teheran e il trattamento riservato ai prigionieri politici. Come prima azione coordinata delle potenze europee contro l'abuso sistematico da parte dell'Iran della doppia nazionalità, si trattava di uno sviluppo molto promettente.

Ciò che la nostra analisi comparativa chiarisce, tuttavia, è che fino a quando gli Stati europei e l'UE non adottano un approccio comune e collettivo per trattare con la diplomazia degli ostaggi iraniana, c'è poca speranza che Teheran modifichi il suo comportamento.

Il rispetto delle norme fondamentali della diplomazia internazionale e dei diritti umani deve essere la precondizione per l'impegno europeo con l'Iran, non il suo obiettivo a lungo termine.

È tempo che i leader europei antepongano i propri valori e i propri cittadini al proprio impegno cieco a mantenere il dialogo con un regime moralmente in bancarotta.

Belgio / Svezia

Prigioniero (i): Ahmad Reza Djalali

Frase: morte

Giustificazione della reclusione: spionaggio per conto di un governo ostile (Israele) e "corruzione sulla terra".

Il dottor Ahmad Djalali, un esperto svedese-iraniano di medicina dei disastri che ha insegnato nelle università in Belgio e Svezia, è stato condannato a morte con l'accusa di "cooperazione con un governo ostile' a seguito di un processo manifestamente iniquo nell'ottobre 2017. Rimane in prigione e rischia l'esecuzione.

La differenza tra il modo in cui il Belgio e il mondo accademico svedese hanno risposto alla difficile situazione del dottor Djalali non potrebbe essere più netta.

In Belgio, ogni università nella regione di lingua olandese delle Fiandre ha cessato ogni collaborazione accademica con le università iraniane per mostrare il loro sostegno al dottor Djalali e segnalare il disgusto per i maltrattamenti dei loro colleghi. Caroline Pauwels, rettore dell'Università Libera di Bruxelles, noto che la decisione di recidere i legami con il mondo accademico iraniano ha avuto "il pieno sostegno della comunità accademica in Belgio".

Nessun simile contraccolpo morale ottenuto nelle accademie svedesi.

Nello stesso mese in cui il Consiglio fiammingo ha denunciato gli abusi del dottor Djalali, sei università svedesi (Boras, Halmstad, KTH University, Linnaeus, Lund e Malmo) hanno condotto un giro dell'Iran per discutere la cooperazione accademica. La delegazione ha "accolto con favore" la proposta iraniana di una "Giornata dell'Iran e della scienza svedese" che si terrà l'anno successivo.

Nel dicembre 2018, l'Università di Boras firmato un accordo con l'Università di Mazandaran nel nord dell'Iran. Nel gennaio 2019, l'ambasciatore svedese a Teheran avrebbe firmato un MOU con il presidente della Sharif University of Technology per Incremento "Cooperazione accademica e industriale" tra le università svedesi e iraniane.

I leader politici svedesi rispecchiano le università del paese nella loro apatica risposta al destino del dottor Djalali. In quasi cinque anni dal suo arresto iniziale, la Svezia non è riuscita a garantire il sostegno consolare al dottor Djalali. Non senza motivo, il dottor Djalali crede che il governo svedese lo abbia abbandonato. Nel frattempo, sua sorella afferma di aver ricevuto la spalla fredda dal ministero degli Esteri, un argomento sostenuto dal leader dell'opposizione Lars Adaktusson, che ha affermato che la Svezia sta abbandonando Djalali continuando a trattare il regime con i guanti.

Nel frattempo, il governo belga ha effettivamente tentato di salvare la vita del ricercatore. Nel gennaio 2018, il ministro degli Esteri belga Didier Reynders ha chiesto al suo omologo iraniano Mohammad Javad Zarif di abrogare la sentenza del dottor Djalali.

La quiete della Svezia è tanto più notevole se si considera che il calvario del dottor Djalali viene regolarmente evidenziato sui social media da importanti organizzazioni umanitarie, tra cui Amnesty International, il Comitato per gli scienziati interessati e Scholars at Risk.

Austria

Prigioniero / i: Kamran Ghaderi e Massud Mossaheb

Frase: 10 anni ciascuno

Giustificazione della reclusione: spionaggio per conto di un governo ostile

Kamran Ghaderi, CEO di una società di consulenza e gestione IT con sede in Austria, è stato arrestato durante un viaggio d'affari in Iran nel gennaio 2016. Massud Mossaheb, un anziano con doppia cittadinanza iraniano-austriaca che aveva precedentemente fondato la Società di amicizia iraniano-austriaca (ÖIG) nel 1991, è stato arrestato nel gennaio 2019 mentre viaggiava in Iran con una delegazione di MedAustron, una società di radioterapia e ricerca austriaca che cercava di stabilire un centro in Iran.

I cittadini austro-iraniani, Ghaderi e Mossaheb, sono attualmente detenuti nella famigerata prigione iraniana di Evin, dove hanno subito indicibili difficoltà e sofferenze sin dai loro primi arresti.

La salute fisica e mentale di Ghaderi è gravemente peggiorata durante la sua detenzione. Gli è stato negato un trattamento medico appropriato, nonostante avesse un tumore alla gamba. La "confessione" di Ghaderi è stata estorta attraverso torture e intimidazioni, compreso l'essere stato ingiustamente informato che anche sua madre e suo fratello erano stati imprigionati e che la sua collaborazione avrebbe assicurato il loro rilascio. In quasi mezzo decennio dal suo arresto, il governo austriaco non è riuscito a fornire a Ghaderi il sostegno consolare.

Allo stesso modo, l'età avanzata di Mossaheb ha reso il suo tempo nella prigione di Evin atroce. È stato messo in isolamento per settimane consecutive. L'Osservatorio Internazionale dei Diritti Umani, Mossaheb crede di essere piuttosto malato e di aver bisogno di cure mediche. Il governo austriaco è in contatto con la famiglia di Mossaheb e ha cercato di usare la "diplomazia silenziosa" per ottenere il rilascio di Mossaheb, senza alcun risultato. Non ha ancora ricevuto l'assistenza consolare austriaca. L'ONU ha costantemente chiesto il rilascio di entrambi gli uomini, citando la loro particolare vulnerabilità al Covid-19, che si ritiene sia diffuso nel sistema carcerario iraniano.

A differenza del governo svedese, i leader austriaci sembrano fare le mosse giuste.

Nel luglio del 2019, il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg ha contattato la sua controparte iraniana, il presumibilmente moderato Mohammad Javad Zarif, chiedendo il suo aiuto per liberare Mossaheb, mentre lo stesso mese un portavoce del ministero degli esteri austriaco disse il suo governo aveva insistito - senza successo - che Teheran liberasse Mossaheb sulla base dell'umanitarismo e della sua età. Il presidente Alexander Van der Bellen ha anche tenuto colloqui con il presidente iraniano Rohani sul rilascio di entrambi i prigionieri.

Nonostante questi importanti interventi, il governo austriaco non ha avuto più successo di altri governi nel fare pressioni sull'Iran affinché liberasse i suoi cittadini.

Francia

Paese: Francia

Prigioniero (i): Fariba Adelkhah e Roland Marchal

Sentenza: 6 anni

Giustificazione della reclusione: spionaggio

Fariba Adelkhah, un'antropologa e accademica franco-iraniana alle dipendenze di Sciences Po, è stata arrestata con accuse inventate di "propaganda contro il sistema" e "collusione per commettere atti contro la sicurezza nazionale" nel luglio 2019. Poco dopo l'arresto di Adelkhah, il suo collega e il partner Roland Marchal è stato accusato di "collusione per commettere atti contro la sicurezza nazionale" e allo stesso modo è stato arrestato.

Ricevuta la notizia degli arresti, Sciences Po ha immediatamente attuato una serie di azioni in stretta collaborazione con il Centro di Crisi e Supporto del Ministero francese per l'Europa e gli Affari Esteri (MEAE).

L'università di origine dei prigionieri ha collaborato con il ministero degli Esteri francese per fornire assistenza legale e esercitare pressioni politiche. Con l'aiuto del MEAE, l'università ha assicurato che sia Adelkhah che Marchal ricevessero l'assistenza di un avvocato iraniano di grande esperienza. L'avvocato è stato approvato dalle autorità giudiziarie iraniane, una mossa tutt'altro che usuale, che ha assicurato che entrambi i prigionieri ricevessero una difesa a tenuta stagna e ufficialmente autorizzata.

Sebbene Marchal sia stato successivamente rilasciato, Adelkhah rimane nella prigione di Evin e non ha ancora ricevuto alcuna assistenza consolare francese. Le numerose proteste che hanno avuto luogo a Science Po per la continua detenzione di Adelkhah attestano il continuo interesse per il suo caso e il diffuso disgusto dei colleghi per il suo trattamento.

Mentre Emmanuel Macron ha chiesto il rilascio di Adelkhah e ha definito la sua detenzione "intollerabile", il presidente francese rifiuta risolutamente di valutare il trattamento iraniano dei cittadini francesi sulla stessa scala di quello che impone il suo continuo sostegno al PACG.

Secondo il suo avvocato, a Fariba è stato concesso il rilascio temporaneo all'inizio di ottobre a causa delle sue condizioni mediche. Attualmente si trova a Teheran con la sua famiglia ed è obbligata a indossare un braccialetto elettronico.

United Kingdom

Prigioniero (i): Nazanin Zaghari-Ratcliffe

Condanna: 5 anni (attualmente agli arresti domiciliari)

Giustificazione della reclusione: "per presunto complotto per rovesciare il regime iraniano" e per "aver tenuto un corso di giornalismo online persiano della BBC che aveva lo scopo di reclutare e addestrare persone a diffondere propaganda contro l'Iran"

Forse la doppia prigioniera nazionale iraniana di più alto profilo, la britannica-iraniana Nazanin Zaghari-Ratcliffe è stata incarcerata per cinque anni nel 2016. Sebbene le sia stato concesso un permesso temporaneo a causa del Covid-19, rimane agli arresti domiciliari nella casa dei suoi genitori a Teheran, dove è costretta a indossare un cartellino elettronico ed è soggetta a visite non programmate da parte degli ufficiali IRC.

La famiglia di Zaghari-Ratcliffe ha fatto una campagna instancabile per ottenere la clemenza dal regime, soprattutto perché la sua salute si è rapidamente deteriorata sotto la tensione della vita nella prigione di Evin.

Nonostante le restanti meno di un anno di condanna, le crescenti preoccupazioni per la salute e le pressioni del governo britannico, la Repubblica islamica continua a rifiutarsi di consentire un rilascio anticipato per Zaghari-Ratcliffe.

Infatti, proprio mentre si avvicina alla libertà, il regime ha presentato una seconda serie di accuse contro Zaghari-Ratcliffe a settembre. Lunedì 2 novembre, è stata sottoposta a un'altra dubbia comparizione in tribunale, che ha ricevuto diffuse critiche tra i partiti nel Regno Unito. Il suo processo è stato aggiornato a tempo indeterminato e la sua libertà rimane interamente dipendente dai capricci del regime.

A seguito di ciò, il suo parlamentare, il Labour's Tulip Siddiq, ha avvertito che "seppellire le nostre teste nella sabbia sta costando la vita al mio elettore".

Il rilascio di Zaghari-Ratcliffe è presumibilmente dipendente da un debito di 450 milioni di sterline, risalente ai giorni dello Scià, per un accordo sulle armi annullato. In passato, il governo britannico ha rifiutato di riconoscere questo debito. Nel settembre 2020, tuttavia, il segretario alla Difesa Ben Wallace ha dichiarato formalmente che stava attivamente cercando di pagare il debito con l'Iran per contribuire a garantire il rilascio dei cittadini con doppia cittadinanza, tra cui Nazanin Zaghari-Ratcliffe.

Questo è uno sviluppo incredibile dal Regno Unito, che non solo ha ammesso il proprio debito nei confronti dell'Iran, ma è disposto a impegnarsi in trattative sugli ostaggi con il regime.

Tuttavia, questa settimana, il ministro degli esteri ombra del Labour ha notato che nessuno alla Camera del Parlamento ha accettato la "legittimità di qualsiasi legame diretto tra il debito e la detenzione arbitraria dei cittadini con doppia cittadinanza". Inoltre, mentre il Regno Unito continua a esaminare le opzioni per risolvere il debito sulle armi, un'udienza in tribunale sul presunto debito è stata rinviata al 2021, apparentemente su richiesta dell'Iran.

Il governo britannico ha infatti fatto una serie di mosse insolite nel tentativo di ottenere il rilascio di Zaghari-Ratcliffe, non sempre nel suo migliore interesse.

Nel novembre 2017, l'allora ministro degli Esteri, Boris Johnson, ha fatto un commento sconsiderato alla Camera dei Comuni che Nazanin stava "semplicemente insegnando alla gente giornalismo", un'affermazione manifestamente negata dai suoi datori di lavoro, la Thomson Reuters Foundation. Nazanin è stata restituita in tribunale in seguito ai commenti di Johnson e la dichiarazione è stata citata come prova contro di lei.

Mentre Johnson si è scusato per le sue osservazioni, il danno è probabilmente fatto.

In uno sviluppo più promettente, nel marzo 2019 l'ex ministro degli Esteri, Jeremy Hunt, ha compiuto il passo molto insolito di garantire la protezione diplomatica a Zaghari-Ratcliffe, una mossa che solleva il suo caso da una questione consolare al livello di una controversia tra i due stati.

A differenza di altri paesi europei, il governo del Regno Unito comprende effettivamente il pericolo che l'Iran rappresenta per i suoi doppi cittadini. Nel maggio 2019 il Regno Unito ha aggiornato i suoi consigli di viaggio ai cittadini con doppia cittadinanza britannico-iraniana, sconsigliando per la prima volta tutti i viaggi in Iran. Il consiglio ha anche esortato i cittadini iraniani che vivono nel Regno Unito a prestare attenzione se decidono di viaggiare in Iran.

Uniti contro l'Iran nucleare è un gruppo di difesa transatlantico senza scopo di lucro fondato nel 2008 che cerca di aumentare la consapevolezza del pericolo che il regime iraniano rappresenta per il mondo.

È guidato da un comitato consultivo di figure di spicco che rappresentano tutti i settori degli Stati Uniti e dell'UE, tra cui l'ex ambasciatore presso le Nazioni Unite Mark D. Wallace, l'ambasciatore esperto del Medio Oriente Dennis Ross e l'ex capo dell'MI6 del Regno Unito Sir Richard Dearlove.

UANI lavora per garantire l'isolamento economico e diplomatico del regime iraniano al fine di costringere l'Iran ad abbandonare il suo programma illegale di armi nucleari, il sostegno al terrorismo e le violazioni dei diritti umani.

EU

Il ministro chiede sanzioni tipo Magnitsky in risposta alla detenzione di Navalny da parte della Russia

Pubblicato

on

I ministri degli esteri europei riuniti oggi discuteranno della situazione in Russia. Arrivando all'incontro, il ministro degli Affari esteri lituano Gabrielius Landsbergis, ha affermato che l'UE deve inviare un messaggio chiaro e deciso che l'arresto di Navalny e le detenzioni a seguito delle manifestazioni di sabato in Russia non sono accettabili. Landsbergis chiede l'uso delle sanzioni del tipo "Magnitsky" globale. 

L'UE ha già condannato la detenzione del politico dell'opposizione russo Alexei Navalny al suo ritorno a Mosca (17 gennaio) e ha chiesto il suo rilascio immediato, nonché il rilascio di giornalisti e cittadini che sono stati arrestati al ritorno di Navalny in Russia. L'UE ha anche richiamato alla politicizzazione della magistratura in Russia. 

L'Unione Europea ha già condannato l'attentato, avvelenato con un agente nervino chimico militare del gruppo “Novichok”, ad Alexei Navalny, al quale ha risposto imponendo misure restrittive a sei individui e un'entità. L'UE ha invitato le autorità russe a indagare con urgenza sull'attentato al signor Navalny in piena trasparenza e senza ulteriori indugi, ea cooperare pienamente con l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) per garantire un'indagine internazionale imparziale.

Sembra che l'UE chiederà l'immediato rilascio di Navalny e altri, prima di una possibile visita dell'Alto rappresentante dell'UE Josep Borrel in Russia, prima di imporre sanzioni.

Continua a leggere

Cambiamento climatico

La BCE istituisce un centro sul cambiamento climatico

Pubblicato

on

La Banca centrale europea (BCE) ha deciso di creare un centro sul cambiamento climatico per riunire il lavoro sulle questioni climatiche in diverse parti della banca. Questa decisione riflette la crescente importanza del cambiamento climatico per l'economia e la politica della BCE, nonché la necessità di un approccio più strutturato alla pianificazione strategica e al coordinamento.La nuova unità, che sarà composta da una decina di dipendenti che lavoreranno con i team esistenti in tutta la banca, riferirà al presidente della BCE Christine Lagarde (nella foto), che sovrintende al lavoro della BCE sui cambiamenti climatici e la finanza sostenibile. "Il cambiamento climatico colpisce tutte le nostre aree politiche", ha affermato Lagarde. "Il centro sul cambiamento climatico fornisce la struttura di cui abbiamo bisogno per affrontare la questione con l'urgenza e la determinazione che merita".

Il centro sul cambiamento climatico modellerà e guiderà l'agenda climatica della BCE internamente ed esternamente, basandosi sulle competenze di tutti i team che già lavorano su temi legati al clima. Le sue attività saranno organizzate in flussi di lavoro, che vanno dalla politica monetaria alle funzioni prudenziali, e supportate da personale che dispone di dati e competenze in materia di cambiamenti climatici. Il centro sul cambiamento climatico inizierà i suoi lavori all'inizio del 2021.

La nuova struttura sarà riesaminata dopo tre anni, poiché l'obiettivo è infine di incorporare considerazioni sul clima nelle attività di routine della BCE.

  • I cinque flussi di lavoro del centro sul cambiamento climatico si concentrano su: 1) stabilità finanziaria e politica prudenziale; 2) analisi macroeconomica e politica monetaria; 3) operazioni e rischi sui mercati finanziari; 4) politica e regolamentazione finanziaria dell'UE; e 5) sostenibilità aziendale.

Continua a leggere

Brexit

La Commissione propone di modificare il bilancio dell'UE per il 2021 per accogliere la riserva per l'adeguamento alla Brexit

Pubblicato

on

A seguito della proposta di riserva di adeguamento per la Brexit presentata dalla Commissione il 25 dicembre, la Commissione ha proposto oggi un aumento di 4.24 miliardi di euro (pari a 4 miliardi di euro ai prezzi del 2018) del bilancio 2021 dell'UE. Ciò garantirà che quest'anno siano disponibili risorse sufficienti per sostenere i paesi dell'UE nell'affrontare gli effetti immediati della Brexit. L'importo totale della Riserva di adeguamento per la Brexit è di 5 miliardi di euro a prezzi 2018, o di 5.37 miliardi di euro a prezzi correnti per il QFP 2021-27. Ciò porterebbe il bilancio a 168.5 miliardi di euro di impegni e 170.3 miliardi di euro di pagamenti.

Commentando la decisione, il commissario Hahn ha dichiarato: “Il bilancio dell'UE è sempre stato e continua a essere uno strumento per mantenere gli impegni politici dell'UE. La Brexit Adjustment Reserve è un altro esempio di solidarietà europea. La Commissione lavorerà ora con il Parlamento europeo e il Consiglio per garantire che il denaro diventi disponibile il prima possibile per imprese e società, regioni e comunità locali ".

La commissaria per la coesione e le riforme Elisa Ferreira (nella foto) ha aggiunto: “Il nostro motto nella politica di coesione è di non lasciare indietro nessuno. La Brexit Adjustment Reserve andrà a sostegno di coloro che sono stati maggiormente colpiti dalla Brexit. L'unità europea è stata fondamentale durante i negoziati e la solidarietà europea sarà fondamentale per affrontare il risultato ".

La Riserva di adeguamento per la Brexit sarà rapidamente disponibile e flessibile e coprirà le spese per contrastare le conseguenze negative della Brexit in tutti gli Stati membri per un periodo di 30 mesi. La stragrande maggioranza sarà assegnata tramite prefinanziamenti già nel 2021, calcolati sulla base dell'impatto previsto della fine del periodo di transizione sull'economia di ciascuno Stato membro, tenendo conto del relativo grado di integrazione economica con il Regno Unito. Ciò include il commercio di beni e servizi e le implicazioni negative sul settore della pesca dell'UE.

Una ripartizione iniziale per Stato membro è disponibile online qui. Il restante 1 miliardo di euro a prezzi 2018 sarà pagato nel 2024, dopo che gli Stati membri avranno notificato alla Commissione le spese effettivamente sostenute. Ciò consentirà di rispondere a eventi imprevisti e di garantire che il sostegno della Brexit Adjustment Reserve sia concentrato sugli Stati membri e sui settori più colpiti dal ritiro. Per ulteriori informazioni sulla Riserva di adeguamento per la Brexit, vedere qui e qui.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending