Seguici sui social

Brexit

Brexit: "Francamente, non posso dirti se ci sarà un accordo" von der Leyen 

Pubblicato

on

Rivolgendosi al Parlamento europeo questa mattina (25 novembre) la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato di non poter dire se l'UE sarà in grado di raggiungere un accordo con il Regno Unito sulle sue future relazioni entro la fine dell'anno. Ha detto che la parte dell'UE è disposta a essere creativa, ma che non metterebbe in discussione l'integrità del mercato unico. 

Sebbene siano stati compiuti progressi reali su una serie di questioni importanti, come l'applicazione della legge, la cooperazione giudiziaria, il coordinamento della sicurezza sociale e i trasporti, von der Leyen ha affermato che i tre temi `` cruciali '': parità di condizioni, governance e pesca essere risolto.

L'UE sta cercando meccanismi solidi per garantire che la concorrenza con il Regno Unito rimanga libera ed equa nel tempo. Questo non è qualcosa su cui l'UE può pattinare, data la sua vicinanza e l'entità dei legami commerciali esistenti e l'integrazione nelle catene di approvvigionamento dell'UE. Il Regno Unito fino ad oggi è stato ambiguo su come avrebbe deviato dalle norme europee che ha svolto un ruolo non piccolo nel plasmare, ma la logica dei sostenitori della Brexit è che il Regno Unito potrebbe diventare più competitivo attraverso la deregolamentazione; un punto di vista che ovviamente mette un po 'a disagio alcuni partner dell'UE.

'Fidarsi è bene, ma la legge è meglio'

La necessità di chiari impegni legali e rimedi è diventata più netta in seguito alla decisione del Regno Unito di introdurre un disegno di legge sul mercato interno che includa disposizioni che gli consentirebbero di deviare da parti del protocollo Irlanda / Irlanda del Nord. Von der Leyen ha affermato che una governance forte è essenziale "alla luce della recente esperienza".

Pesca

Sulla pesca, von der Leyen ha detto che nessuno metteva in dubbio la sovranità del Regno Unito sulle proprie acque, ma ha affermato che l'UE aveva bisogno di "prevedibilità e garanzie per i pescatori e le donne che navigano in queste acque da decenni, se non secoli".

Von der Leyen ha ringraziato il parlamento per il sostegno e la comprensione nelle difficoltà che si è presentato loro un accordo così tardivo. Un accordo finale sarà lungo diverse centinaia di pagine e dovrà essere cancellato legalmente e traduttori; è improbabile che ciò sia pronto entro la prossima sessione plenaria del Parlamento europeo a metà dicembre. È generalmente riconosciuto che se si vuole giungere a un accordo in una plenaria del 28 dicembre sarà necessario. Von der Leyen ha detto: "Percorreremo insieme queste ultime miglia".

Brexit

"Non è un segnale amichevole dal Regno Unito subito dopo aver lasciato l'Unione europea" Borrell

Pubblicato

on

L'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri, Josep Borrell, è stato interrogato sulla decisione del Regno Unito di rifiutare il pieno status diplomatico all'ambasciatore dell'UE nel Regno Unito Joao Vale de Almeida e alla sua squadra a Londra. Borrell ha detto che non era un segnale amichevole dal Regno Unito subito dopo aver lasciato l'Unione europea.

Borrell ha sottolineato che le 143 delegazioni dell'UE in tutto il mondo avevano tutte - senza eccezioni - concesso alle delegazioni uno status equivalente a quello previsto dalla Convenzione di Vienna. Ha detto che l'UE non accetterebbe che il Regno Unito sia l'unico paese al mondo che non darà alla delegazione dell'UE il riconoscimento equivalente a quello di una missione diplomatica. 

"La concessione di un trattamento reciproco sulla base della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche è una pratica standard tra partner alla pari e siamo fiduciosi di poter risolvere la questione con i nostri amici a Londra in modo soddisfacente", ha affermato Peter Stano, portavoce della Commissione per gli affari esteri.

Continua a leggere

Brexit

La Commissione propone di modificare il bilancio dell'UE per il 2021 per accogliere la riserva per l'adeguamento alla Brexit

Pubblicato

on

A seguito della proposta di riserva di adeguamento per la Brexit presentata dalla Commissione il 25 dicembre, la Commissione ha proposto oggi un aumento di 4.24 miliardi di euro (pari a 4 miliardi di euro ai prezzi del 2018) del bilancio 2021 dell'UE. Ciò garantirà che quest'anno siano disponibili risorse sufficienti per sostenere i paesi dell'UE nell'affrontare gli effetti immediati della Brexit. L'importo totale della Riserva di adeguamento per la Brexit è di 5 miliardi di euro a prezzi 2018, o di 5.37 miliardi di euro a prezzi correnti per il QFP 2021-27. Ciò porterebbe il bilancio a 168.5 miliardi di euro di impegni e 170.3 miliardi di euro di pagamenti.

Commentando la decisione, il commissario Hahn ha dichiarato: “Il bilancio dell'UE è sempre stato e continua a essere uno strumento per mantenere gli impegni politici dell'UE. La Brexit Adjustment Reserve è un altro esempio di solidarietà europea. La Commissione lavorerà ora con il Parlamento europeo e il Consiglio per garantire che il denaro diventi disponibile il prima possibile per imprese e società, regioni e comunità locali ".

La commissaria per la coesione e le riforme Elisa Ferreira (nella foto) ha aggiunto: “Il nostro motto nella politica di coesione è di non lasciare indietro nessuno. La Brexit Adjustment Reserve andrà a sostegno di coloro che sono stati maggiormente colpiti dalla Brexit. L'unità europea è stata fondamentale durante i negoziati e la solidarietà europea sarà fondamentale per affrontare il risultato ".

La Riserva di adeguamento per la Brexit sarà rapidamente disponibile e flessibile e coprirà le spese per contrastare le conseguenze negative della Brexit in tutti gli Stati membri per un periodo di 30 mesi. La stragrande maggioranza sarà assegnata tramite prefinanziamenti già nel 2021, calcolati sulla base dell'impatto previsto della fine del periodo di transizione sull'economia di ciascuno Stato membro, tenendo conto del relativo grado di integrazione economica con il Regno Unito. Ciò include il commercio di beni e servizi e le implicazioni negative sul settore della pesca dell'UE.

Una ripartizione iniziale per Stato membro è disponibile online qui. Il restante 1 miliardo di euro a prezzi 2018 sarà pagato nel 2024, dopo che gli Stati membri avranno notificato alla Commissione le spese effettivamente sostenute. Ciò consentirà di rispondere a eventi imprevisti e di garantire che il sostegno della Brexit Adjustment Reserve sia concentrato sugli Stati membri e sui settori più colpiti dal ritiro. Per ulteriori informazioni sulla Riserva di adeguamento per la Brexit, vedere qui e qui.

Continua a leggere

Brexit

Il governo scozzese commenta gli sforzi per rimanere in Erasmus

Pubblicato

on

I ministri hanno accolto con favore il sostegno di circa 150 eurodeputati che hanno chiesto alla Commissione europea di esplorare come la Scozia potrebbe continuare a partecipare al popolare programma di scambio Erasmus. La decisione arriva una settimana dopo che il ministro dell'Istruzione superiore e superiore Richard Lochhead ha tenuto colloqui produttivi con Mariya Gabriel, Commissario per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù per esplorare l'idea. Fino allo scorso anno, oltre 2,000 studenti, personale e discenti scozzesi hanno preso parte al programma ogni anno, con la Scozia che attrae proporzionalmente più partecipanti Erasmus da tutta Europa - e ne invia di più nella direzione opposta - rispetto a qualsiasi altro paese del Regno Unito.

Lochhead ha dichiarato: "La perdita dell'Erasmus è un duro colpo per le migliaia di studenti scozzesi, gruppi di comunità e studenti adulti - di ogni estrazione demografica - che non possono più vivere, studiare o lavorare in Europa." Chiude anche la porta per le persone a venire a La Scozia in Erasmus per sperimentare il nostro paese e la nostra cultura ed è incoraggiante vedere quella perdita di opportunità riconosciuta dai 145 eurodeputati di tutta Europa che vogliono che il posto della Scozia in Erasmus continui. Sono grato a Terry Reintke e agli altri deputati al Parlamento europeo per i loro sforzi e li ringrazio per aver teso la mano di amicizia e solidarietà ai giovani scozzesi. Spero sinceramente che possiamo avere successo.

“Ho già avuto un incontro virtuale con il Commissario Gabriel. Abbiamo convenuto che il ritiro da Erasmus è estremamente deplorevole e continueremo a esplorare con l'UE come massimizzare il continuo impegno della Scozia con il programma. Ho anche parlato con la mia controparte del governo gallese e ho accettato di restare in stretto contatto ".

Clicca qui per maggiori informazioni.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending