Seguici sui social

EU

Il presidente del Kazakistan partecipa alla riunione di lavoro del Consiglio degli investitori esteri

Pubblicato

on

Sotto la presidenza del Capo di Stato, si è tenuta sotto forma di videoconferenza una riunione di lavoro del Consiglio degli investitori esteri sotto la presidenza della Repubblica del Kazakistan. Durante l'evento, suddiviso in due sessioni, sono state discusse in dettaglio le misure per ripristinare l'attività economica e di investimento in Kazakistan nel contesto della pandemia di coronavirus, nonché le questioni di sviluppo e aumento dell'attrattiva degli investimenti del settore petrolifero e del gas del Paese.

Salutando i partecipanti alla riunione, il capo dello stato ha affermato che la pandemia globale ha avuto un impatto negativo su quasi tutte le sfere della vita dei paesi e ha sottolineato l'importanza di unire gli sforzi nella lotta contro le sue conseguenze.

Kassym-Jomart Tokayev (nella foto) ha espresso gratitudine alle società del Consiglio, che non si sono fatte da parte durante questo periodo difficile per il Kazakistan, e hanno fornito un'assistenza significativa ai loro dipendenti, alla sfera sociale e ai cittadini del paese.

Secondo il presidente, durante la pandemia lo Stato ha adottato una serie di misure senza precedenti a sostegno delle imprese e della popolazione, che hanno permesso di ridurre le conseguenze negative della crisi ed evitare una grave recessione economica.

Ha inoltre sottolineato la necessità di serie trasformazioni e riforme volte ad aumentare l'attrattiva degli investimenti, garantendo trasparenza e prevedibilità delle politiche di governo. Per raggiungere questi obiettivi, Kassym-Jomart Tokayev ha presentato una serie di proposte e iniziative.

Come primo compito, il capo dello stato ha delineato la creazione di nuovi strumenti di investimento. Per questo, secondo le sue istruzioni, è già stato sviluppato il meccanismo dell'Accordo di Investimento Strategico, che garantirà la stabilità delle condizioni legislative da parte dello Stato per tutto il periodo della sua validità.

Anche Kassym-Jomart Tokayev si è concentrato sulla necessità di migliorare il clima imprenditoriale nel paese. Il governo preparerà un nuovo sistema di regolamentazione. Tutti gli strumenti di controllo e supervisione, autorizzazioni e altri strumenti di regolamentazione saranno soggetti a un audit su vasta scala.

Il presidente si è soffermato anche sul tema dell'ecologia, informando i partecipanti stranieri dell'incontro sullo sviluppo di un nuovo Codice Ambientale, redatto sulla base dell'approccio innovativo dei Paesi membri dell'OCSE.

"Le imprese che hanno implementato queste tecnologie saranno esentate dalle tasse di emissione. Vorrei sottolineare che un tale meccanismo, quando lo Stato condivide i costi ambientali con le imprese, non esiste in tutti i paesi. In realtà, questo è un progetto di partenariato pubblico-privato su larga scala. Abbiamo scelto deliberatamente questo approccio. Ci aspettiamo che le aziende rispettino pienamente la parte degli accordi ", ha affermato Kassym-Jomart Tokayev.

Il capo dello Stato ha inoltre evidenziato le possibilità del settore IT, che, a fronte delle conseguenze negative della pandemia, ha fornito un potente incentivo per lo sviluppo accelerato dell'economia digitale. Secondo lui, lo sviluppo del settore IT nazionale, dove il Kazakistan prevede di attrarre almeno 500 miliardi di tenge entro cinque anni, richiede un serio sostegno da parte delle società tecnologiche globali.

"Oggi, circa il 6% del mining digitale mondiale è concentrato in Kazakistan. Inoltre, lo sviluppo del mercato IT, dell'ingegneria e di altri servizi ad alta tecnologia apre serie opportunità di esportazione. Abbiamo in programma di attrarre investimenti dai principali attori globali nel campo del cloud computing e delle piattaforme. Sono iniziati i lavori preparatori per la costruzione di quattro mega centri di elaborazione dati: a Nur-Sultan, Almaty, Shymkent e Atyrau. Hanno una potenza di calcolo colossale che sarà collocata su una grande autostrada internazionale dell'informazione ", ha osservato il capo dello stato.

Kassym-Jomart Tokayev ha sottolineato l'importanza di sviluppare l'industria farmaceutica nazionale. Il presidente ha affermato che entro il 2025 il Kazakistan prevede di aumentare la quota della propria produzione farmaceutica nel paese al 50%. Inoltre, sarà attivamente sviluppata la produzione di apparecchiature mediche e materiali di consumo. Queste aree sono aperte agli investimenti e tali progetti, come è stato notato nel discorso, riceveranno pieno sostegno dallo Stato.

Nell'ambito dell'evento, sono state discusse separatamente le questioni di sviluppo e miglioramento del clima degli investimenti nel settore del petrolio e del gas.

Rivolgendosi ai partecipanti, il presidente ha osservato che questo settore è diventato una forza trainante nell'attrazione di investimenti stranieri in Kazakistan. Lo sviluppo di quest'area ha contribuito alla nascita di nuovi settori dell'economia, come la raffinazione del petrolio, i prodotti petrolchimici, i servizi petroliferi, gli oleodotti e il trasporto marittimo.

Kassym-Jomart Tokayev ritiene che di fronte al calo della domanda di petrolio e alla diminuzione dell'attrattiva per gli investimenti di questo settore, si prospetta un difficile adattamento alle nuove realtà e una parte significativa di questo adattamento sarà associata alla politica statale.

In questo contesto, il capo dello Stato ha chiesto sforzi comuni per affrontare una serie di compiti importanti.

Kassym-Jomart Tokayev ha sottolineato l'importanza del completamento tempestivo di grandi progetti di petrolio e gas nei giacimenti di Tengiz, Karachaganak e Kashagan. In particolare, il Presidente ha incaricato di attuare tempestivamente la transizione allo sviluppo su vasta scala di Kashagan e di accelerare l'attuazione del progetto per costruire un impianto di trattamento del gas in questo campo.

Il presidente ha inoltre richiamato l'attenzione sull'aumento dell'attrattiva degli investimenti nell'esplorazione geologica. Ha incaricato il governo, insieme alle compagnie petrolifere e del gas, di migliorare il quadro normativo settoriale, tenendo conto delle realtà attuali e della visione per il futuro sviluppo del settore.

Concentrandosi sulle prospettive dell'industria chimica del petrolio e del gas, il presidente ha espresso l'opinione che il successo nella promozione di quest'area può cambiare in modo significativo la specializzazione del Kazakistan.

"Il ministero dell'Energia dovrebbe pensare alla possibilità di fornire condizioni speciali per la produzione e l'esportazione di petrolio e gas per le aziende che desiderano investire in progetti di raffinazione ", ha detto Kassym-Jomart Tokayev.

Inoltre, il capo dello stato ha sottolineato l'importanza della protezione ambientale e lo sviluppo di un'economia a basse emissioni di carbonio. Ha ricordato che nel 2021 entrerà in vigore un nuovo Codice Ambientale in linea con gli standard internazionali avanzati. Il presidente ha esortato le parti interessate interessate a contribuire allo sviluppo di questo ampio documento politico.

Riassumendo la sua partecipazione all'evento, il presidente ha assicurato che tutte le proposte e le richieste formulate durante l'incontro saranno attentamente elaborate dal governo e saranno prese sotto il suo personale controllo.

"Il governo affronterà i problemi espressi dai partecipanti all'importante incontro di oggi. Credo che abbiamo bisogno di una svolta nel processo decisionale. In qualità di presidente del paese, seguirò da vicino il processo decisionale e lo sviluppo dell'interazione con i nostri principali partner e amici ", ha concluso Kassym-Jomart Tokayev.

Durante la prima sessione della riunione di lavoro hanno rilasciato dichiarazioni i seguenti partecipanti: il presidente della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, Ernst & Young, la Banca asiatica di sviluppo, Baker McKenzie International, Citigroup, GE, JP Morgan Chase International, Marubeni Corporation, Sberbank of Russia, Banca Mondiale, Shell Kazakhstan, Royal Dutch Shell plc, Eni SpA, Lukoil, Chevron, ExxonMobil, TOTAL, CNPC.

Coronavirus

Uscire più forti dalla pandemia: agire sulle prime lezioni apprese

Pubblicato

on

La Commissione Europea ha presentato a Comunicazione sulle prime lezioni apprese dalla pandemia di Covid-19 negli ultimi 18 mesi e basandosi su di esse per migliorare l'azione a livello dell'UE e nazionale. Ciò contribuirà ad anticipare meglio i rischi per la salute pubblica ea migliorare la pianificazione di emergenza, portando a risposte congiunte più rapide ed efficaci a tutti i livelli.

Dieci lezioni si concentrano su cosa deve essere migliorato e cosa si può fare meglio in futuro. Le dieci lezioni non sono esaustive, ma forniscono una prima istantanea di ciò su cui occorre agire ora a beneficio di tutti gli europei:   

  1. Un rilevamento più rapido e risposte migliori richiedono una solida sorveglianza sanitaria globale e un migliore sistema europeo di raccolta delle informazioni sulla pandemia. L'UE dovrebbe guidare gli sforzi per progettare un nuovo robusto sistema di sorveglianza globale sulla base di dati comparabili. Un nuovo e migliorato Sistema europeo di raccolta delle informazioni sulla pandemia sarà lanciato nel 2021.
  2. Una consulenza scientifica più chiara e coordinata faciliterebbe le decisioni politiche e la comunicazione pubblica. L'UE dovrebbe nominare un Capo epidemiologo europeo e una corrispondente struttura di governance entro la fine del 2021.
  3. Una migliore preparazione richiede investimenti, controlli e revisioni costanti. La Commissione europea dovrebbe preparare un'annuale Rapporto sullo stato di preparazione.
  4. Gli strumenti di emergenza devono essere pronti più velocemente e più facili da attivare. L'UE dovrebbe stabilire un quadro per l'attivazione di un Stato di emergenza pandemico nell'UE e una cassetta degli attrezzi per le situazioni di crisi.
  5. Le misure coordinate dovrebbero diventare un riflesso per l'Europa. Il europeo Unione della salute dovrebbero essere adottati rapidamente, entro la fine dell'anno, e il coordinamento ei metodi di lavoro dovrebbero essere rafforzati tra le istituzioni.
  6. Sono necessari partenariati pubblico-privato e catene di approvvigionamento più solide per garantire il flusso di attrezzature e medicinali critici. UN Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) dovrebbe essere operativo entro l'inizio del 2022 e a Salute Importante Progetto di Comune Interesse Europeo dovrebbe essere istituito quanto prima per consentire un'innovazione pionieristica nel settore farmaceutico. Il Struttura FAB dell'UE, dovrebbe garantire che l'UE abbia una capacità "sempre calda" sufficiente per produrre 500-700 milioni di dosi di vaccino all'anno, con metà di queste dosi per essere pronte nei primi 6 mesi di una pandemia.
  7. Un approccio paneuropeo è essenziale per rendere la ricerca clinica più rapida, ampia ed efficace. Un grande Piattaforma UE per studi clinici multicentrici dovrebbe essere stabilito.
  8. La capacità di far fronte a una pandemia dipende da continui e maggiori investimenti nei sistemi sanitari. Gli Stati membri dovrebbero essere sostenuti per rafforzare l'insieme resilienza dei sistemi sanitari come parte dei loro investimenti per il recupero e la resilienza.
  9. La prevenzione, la preparazione e la risposta alla pandemia sono una priorità globale per l'Europa. L'UE dovrebbe continuare a guidare la risposta globale, in particolare attraverso COVAX, e rafforzare l'architettura della sicurezza sanitaria globale guidando il rafforzamento dell'Organizzazione mondiale della sanità. Partenariati per la preparazione alla pandemia dovrebbe essere sviluppato anche con partner chiave.
  10. Un approccio più coordinato e sofisticato a contrastare la disinformazione e la disinformazione dovrebbe essere sviluppato.

Passi successivi

Questa relazione sulle prime lezioni della pandemia di COVID-19 alimenterà la discussione dei leader al Consiglio europeo di giugno. Sarà presentato al Parlamento europeo e al Consiglio dell'Unione europea e la Commissione darà seguito a risultati concreti nella seconda metà del 2021.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: "La risposta globale dell'UE alla pandemia è stata di portata senza precedenti ed è stata fornita in tempi record, dimostrando l'importanza di lavorare insieme in Europa. Insieme, abbiamo raggiunto ciò che nessuno Stato membro dell'UE avrebbe potuto fare da solo. Ma abbiamo anche imparato cosa ha funzionato bene e dove potremmo fare meglio nelle future pandemie. Ora dobbiamo trasformare queste lezioni in cambiamenti".

Margaritis Schinas, vicepresidente della promozione del nostro stile di vita europeo, ha dichiarato: "Nonostante il fatto che la politica sanitaria a livello europeo sia ancora agli inizi, la risposta dell'UE alla pandemia è stata ampia e ha incluso una vasta gamma di iniziative senza precedenti progettate e consegnato in tempi record. Abbiamo agito con rapidità, ambizione e coerenza. Ciò è stato ottenuto anche grazie alla solidarietà senza precedenti dimostrata tra le istituzioni dell'UE che ha garantito una risposta unitaria dell'UE. Questa è una grande lezione su cui dobbiamo continuare a costruire. Ma non c'è tempo, né spazio per l'autocompiacimento. Oggi stiamo identificando aree specifiche in cui sappiamo già che si può e si dovrebbe fare di più per garantire una risposta sanitaria più efficace in futuro. Questa crisi può essere un catalizzatore per promuovere l'integrazione europea nelle aree in cui è più necessaria".

Il commissario per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides ha dichiarato: “Una crisi sanitaria senza precedenti deve essere trasformata in un'opportunità per ricostruire più forte. La lezione chiave appresa dalla crisi COVID-19 è la necessità di trasformare le soluzioni ad hoc utilizzate per affrontare la crisi in strutture permanenti che ci consentiranno di essere meglio preparati in futuro. Dobbiamo creare un'Unione europea della sanità forte il prima possibile. Non si può perdere tempo di fronte a una minaccia per la salute pubblica o a un'altra pandemia. L'azione di emergenza deve diventare capacità strutturale. Solidarietà, responsabilità, sforzo comune a livello europeo per le minacce che ci toccano tutti allo stesso modo è ciò che ci sosterrà in questa crisi e nella prossima».

sfondo

All'inizio della crisi, l'UE ha sviluppato un'ampia gamma di risposte di politica sanitaria, esemplificate dall'approccio comune ai vaccini attraverso il Strategia dell'UE sui vaccini e iniziative in una serie di altre politiche. L'iniziativa Green Lanes ha consentito il flusso di cibo e medicinali in tutto il mercato unico. Un approccio comune per valutare i tassi di infezione in diverse regioni ha reso i test e la messa in quarantena molto più coerenti. E più recentemente, i certificati digitali COVID dell'UE sono stati concordati e implementati in tempi record, aprendo la strada alla ripresa sicura del turismo e dei viaggi quest'estate, e oltre. Allo stesso tempo, l'UE ha intrapreso un'azione decisa per affrontare le ricadute economiche della pandemia. Ciò ha attinto in larga misura all'esperienza e agli accordi costruiti per affrontare le precedenti sfide e crisi nel settore economico e finanziario.

Tuttavia, questi successi non mascherano le difficoltà incontrate, in particolare sull'aumento delle capacità produttive e produttive, in parte dovute alla mancanza di un approccio permanentemente integrato alla ricerca, allo sviluppo e alla produzione che ha rallentato la disponibilità iniziale di vaccini. Anche se da allora questo problema è stato affrontato, sono necessarie soluzioni a lungo termine per mitigare futuri eventi o crisi dannosi per la salute.

Maggiori informazioni

Comunicazione sulla base delle prime lezioni della pandemia di COVID-19

Il sito web di risposta al coronavirus della Commissione europea

Vaccini sicuri ed efficaci nell'UE

Certificato COVID digitale dell'UE

Continua a leggere

Brexit

Il Regno Unito dice all'UE sull'Irlanda del Nord: sii responsabile, sii ragionevole

Pubblicato

on

By

Il ministro del commercio britannico Liz Truss cammina dopo la cerimonia di apertura dello Stato del Parlamento al Palazzo di Westminster, in mezzo alle restrizioni sulla malattia da coronavirus (COVID-19), a Londra, Gran Bretagna, 11 maggio 2021. REUTERS/John Sibley

Mercoledì (16 giugno) il ministro del commercio britannico ha invitato l'Unione europea a essere responsabile e ragionevole in una riga sull'attuazione del protocollo dell'Irlanda del Nord dell'accordo sul divorzio Brexit, scrivere Guy Faulconbridge e Michael Holden, Reuters.

"Abbiamo bisogno che l'UE sia pragmatica riguardo ai controlli che vengono intrapresi e questo è sempre stato il modo in cui il protocollo è stato redatto", ha affermato il segretario al commercio internazionale Liz Truss (nella foto) ha detto Sky News.

"Richiede un compromesso tra le parti e l'UE deve essere ragionevole", ha affermato Truss.

Continua a leggere

EU

I conservatori tedeschi estendono il vantaggio del sondaggio prima delle elezioni di settembre September

Pubblicato

on

By

Il cancelliere tedesco Angela Merkel parla con il commissario del governo federale per la cultura e i media, Monika Gruetters, prima della riunione settimanale del gabinetto alla Cancelleria di Berlino, Germania, 16 giugno 2021. John MacDougall/Pool via REUTERS
La co-presidente del Partito Verde tedesco Annalena Baerbock assiste dopo essere stata nominata candidata alla cancelliera del partito durante una convention del partito a Berlino, Germania, 12 giugno 2021. Michael Sohn/Pool via REUTERS/File Photo

L'alleanza conservatrice del cancelliere Angela Merkel (nella foto) ha esteso il suo vantaggio sui Verdi, come hanno mostrato due sondaggi mercoledì, mentre la campagna degli ecologisti per prendere la cancelleria per la prima volta inciampa in vista delle elezioni federali di settembre, scrive Paul Carrel, Reuters.

I Verdi hanno superato i conservatori nei sondaggi alla fine di aprile dopo aver scelto Annalena Baerbock come candidata per la carica di cancelliere, con il suo passo per un "nuovo inizio" che ha catturato l'immaginazione degli elettori. Per saperne di più.

Ma una battuta d'arresto delle elezioni regionali, uno scandalo sul pagamento dei bonus e un controverso suggerimento che la Germania dovrebbe armare l'Ucraina da allora hanno danneggiato gli ecologisti, che ora hanno i socialdemocratici di sinistra (SPD) che si avvicinano a loro nei sondaggi. Per saperne di più.

Un sondaggio del sondaggista Forsa per le emittenti RTL e NTV ha portato il sostegno ai conservatori in aumento di un punto rispetto a una settimana fa al 28%, con i Verdi che sono scesi di un punto al 21%. L'SPD e i Liberi Democratici (FDP) favorevoli alle imprese erano al 14%, l'Alternativa di estrema destra per la Germania al 9% e la Linke di sinistra al 7%.

Un sondaggio Allensbach ha dato il sostegno ai conservatori al 29.5%, ai Verdi al 21.5% e all'SPD al 17%.

In gioco c'è la direzione futura della Germania, la più grande economia europea e perno dei suoi legami con la Russia. Con la Merkel pronta a ritirarsi dopo le elezioni del 26 settembre, il percorso politico della Germania dipende dalla vittoria dei Verdi o dei conservatori.

L'alleanza conservatrice dei Democratici Cristiani (CDU) della Merkel e dell'Unione Cristiano Sociale Bavarese (CSU) intende utilizzare la presentazione del suo manifesto lunedì prossimo (21 giugno) per rinfrescare la propria immagine e ampliare il proprio vantaggio sui Verdi. Per saperne di più.

Gli ultimi sondaggi non darebbero alla CDU/CSU un sostegno sufficiente per formare una coalizione con l'FDP, il loro partner preferito. Ma i sondaggi indicano un sostegno appena sufficiente per una coalizione CDU/CSU con i Verdi, o un legame guidato dai Verdi con SPD e FDP.

I leader dei Verdi ammettono di aver sopportato un momento difficile. Durante una conferenza del fine settimana per concordare il loro manifesto elettorale, Baerbock ha perso il filo durante un discorso e, lasciando il palco, ha borbottato una parolaccia quando il suo microfono era ancora attivo. Leggi di più.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending