Seguici sui social

Difesa

La nuova forza rotazionale marina si schiera in Norvegia

Pubblicato

on

Circa 350 marines e marinai del 3 ° Battaglione, 6 ° Reggimento Marine, si sono schierati in Norvegia per un addestramento di due mesi. I marines e marinai del "Battaglione Teufelhunden" sono il prossimo schieramento rotazionale della Marine Rotational Force-Europe. Dopo un periodo di quarantena nella loro sede di addestramento in Norvegia, per mitigare il rischio di esposizione e trasmissione a COVID, i marines condurranno addestramento bilaterale sulla guerra artica, miglioreranno l'interoperabilità e rafforzeranno le capacità di difesa insieme agli alleati norvegesi.

Questa è la prima rotazione di dispiegamenti MRF-E più brevi, annunciata dal Corpo dei Marines nell'agosto 2020. Il dispiegamento della Marine Rotational Force-Europe sarà sincronizzato con l'addestramento artico delle forze armate norvegesi e consentirà una maggiore flessibilità operativa per il Corpo dei Marines.

"La Norvegia offre terreni impegnativi e opportunità di addestramento uniche per migliorare le nostre capacità di guerra in montagna e contro il freddo, consentendo alla nostra forza di combattere e vincere in condizioni artiche", ha detto il tenente colonnello Ryan Gordinier, comandante del 3 ° battaglione, 6 ° reggimento marine. "Il 'Battaglione Teufelhunden' attende con impazienza di continuare il nostro rapporto storico e rafforzare la nostra alleanza con l'esercito norvegese".

Durante il loro spiegamento, il nuovo MRF-E parteciperà alla guerra contro il freddo e all'addestramento alla sopravvivenza, guidati da istruttori dell'esercito norvegese; partecipare a una serie di eventi di addestramento sul campo nelle aspre condizioni artiche insieme agli alleati dell'esercito norvegese; e partecipa all'esercitazione Reindeer II, un'importante esercitazione sul campo guidata dall'esercito norvegese nella Norvegia settentrionale.

Marine Rotational Force-Europe 21.1 dovrebbe operare in Norvegia più volte nel prossimo anno, con una rotazione di follow-on più ampia prevista all'inizio del 2021. La Marine Rotational Force prevede di condurre varie esercitazioni insieme alle forze alleate per la continua inoperabilità e l'addestramento artico.

Segui le forze del corpo dei marine statunitensi in Europa e Africa:

Qui

Qui 

Qui 

Qui 

Coronavirus

Biden G7 e la lista delle cose da fare della NATO: unire gli alleati, combattere l'autocrazia, attaccare COVID-19

Pubblicato

on

By

L'incontro del presidente Joe Biden con i leader delle principali economie industriali del G7 in un villaggio sul mare inglese questa settimana inaugurerà una nuova attenzione per radunare gli alleati degli Stati Uniti contro avversari comuni: la pandemia di COVID-19, Russia e Cina, Reuters.

Le nuove varianti di COVID-19 e l'aumento del numero di morti in alcuni paesi incomberanno durante l'incontro da venerdì a domenica (11-13 giugno), insieme ai cambiamenti climatici, al rafforzamento delle catene di approvvigionamento globali e alla garanzia che l'Occidente mantenga il suo vantaggio tecnologico sulla Cina, il mondo seconda economia.

Biden, un democratico, ha promesso di ricostruire le relazioni con gli alleati dopo quattro anni difficili sotto l'ex presidente Donald Trump, che ha tirato fuori Washington da diverse istituzioni multilaterali e ha minacciato a un certo punto di lasciare la NATO.

"In questo momento di incertezza globale, mentre il mondo è ancora alle prese con una pandemia che capita una volta ogni secolo, questo viaggio riguarda la realizzazione del rinnovato impegno dell'America nei confronti dei nostri alleati e partner", ha scritto Biden in un articolo pubblicato dal Washington Post di sabato.

L'incontro metterà alla prova il motto "America is back" di Biden, con gli alleati disillusi durante gli anni di Trump alla ricerca di azioni tangibili e durature.

È un momento cruciale per gli Stati Uniti e il mondo, ha detto domenica alla CNN l'ex primo ministro britannico Gordon Brown.

"La cooperazione internazionale verrà ripristinata o siamo ancora in questo mondo in cui dominano nazionalismo, protezionismo e in una certa misura isolazionismo?" chiese Brown.

La Russia sarà in prima linea al vertice del G7 in Cornovaglia, in Inghilterra, e nei giorni successivi, quando Biden incontrerà i leader europei e gli alleati della NATO a Bruxelles, prima di recarsi a Ginevra per incontrare il presidente russo Vladimir Putin.

La recente attacco ransomware su JBS (JBSS3.SA), il più grande confezionatore di carne del mondo, da un gruppo criminale probabilmente con sede in Russia, e il sostegno finanziario di Putin per la Bielorussia dopo aver costretto un Ryanair (RYA.I) volo per atterrare in modo da poter arrestare un giornalista dissidente a bordo, stanno spingendo i funzionari statunitensi a prendere in considerazione un'azione più acuta.

A margine del vertice della NATO, Biden dovrebbe anche incontrare il presidente turco Tayyip Erdogan, una sessione cruciale tra gli alleati della NATO dopo che l'acquisto da parte di Ankara dei sistemi di difesa russi ha fatto arrabbiare Washington e ha rischiato di creare un cuneo all'interno dell'alleanza.

Raggiunti i ministri delle finanze del G7 un affare globale di riferimento sabato (5 giugno per fissare un'aliquota minima globale dell'imposta sulle società di almeno il 15%, colpendo potenzialmente le società tecnologiche giganti come Alphabet Inc's (GOOGL.O) Google, Facebook Inc (FB.O) e Amazon.com Inc. (AMZN.O) Biden e le sue controparti daranno la loro benedizione finale all'accordo in Cornovaglia. L'amministrazione Biden, che giovedì (3 giugno) ha dettagliato i suoi piani per dona 80 milioni di dosi di vaccini COVID-19 a livello globale entro la fine di giugno, si appoggia pesantemente agli alleati affinché seguano l'esempio mentre il bilancio delle vittime della pandemia globale si avvicina a 4 milioni, affermano fonti diplomatiche e statunitensi.

Washington ha invertito la rotta il mese scorso e ha sostenuto i negoziati sulle deroghe per le protezioni della proprietà intellettuale presso l'Organizzazione mondiale del commercio per accelerare la produzione di vaccini nei paesi in via di sviluppo, con grande dispiacere di Germania e Gran Bretagna.

I diplomatici europei affermano di vedere poco terreno comune sulla questione e sostengono che qualsiasi compromesso dell'OMC richiederebbe mesi per essere finalizzato e attuato. Ciò potrebbe rivelarsi un punto controverso se si condividessero dosi di vaccino sufficienti con i paesi in via di sviluppo per rallentare - e alla fine arrestare - la pandemia.

Biden ha annunciato piani a maggio per richiedere agli appaltatori del governo degli Stati Uniti e alle istituzioni finanziarie di essere più trasparenti sui rischi del cambiamento climatico affrontati dai loro investimenti, e i funzionari dell'amministrazione stanno spingendo altri paesi ad adottare piani simili.

Il Regno Unito vuole anche che i governi richiedano alle imprese di segnalare tali rischi come un modo per aumentare gli investimenti in progetti verdi. Ma è improbabile che un accordo su una via da seguire arrivi a giugno. Un accordo potrebbe emergere in un vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia, a novembre.

I paesi del G7 hanno anche opinioni diverse sul prezzo del carbonio, che il Fondo monetario internazionale considera un modo chiave per ridurre le emissioni di anidride carbonica e raggiungere le emissioni nette a zero entro il 2050.

L'amministrazione Biden solleciterà gli alleati a unitevi contro la Cina per le accuse di lavoro forzato nella provincia dello Xinjiang, sede della minoranza musulmana uigura, anche se cerca di mantenere Pechino come alleata nella lotta al cambiamento climatico.

Fonti che seguono le discussioni affermano di aspettarsi che i leader del G7 adottino un linguaggio forte sulla questione del lavoro forzato. La Cina nega tutte le accuse di abusi nello Xinjiang.

Continua a leggere

crimine

Unione della sicurezza: entrano in vigore le norme dell'UE sulla rimozione dei contenuti terroristici online

Pubblicato

on

Punto di riferimento Norme UE sulla lotta alla diffusione di contenuti terroristici online è entrata in vigore il 7 giugno. Le piattaforme dovranno rimuovere i contenuti terroristici segnalati dalle autorità degli Stati membri entro un'ora. Le regole aiuteranno anche a contrastare la diffusione di ideologie estremiste online, una parte vitale della prevenzione degli attacchi e della lotta alla radicalizzazione. Le regole includono forti garanzie per garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali come la libertà di espressione e di informazione. Il regolamento stabilirà inoltre obblighi di trasparenza per le piattaforme online e per le autorità nazionali di riferire sulla quantità di contenuti terroristici rimossi, le misure utilizzate per identificare e rimuovere i contenuti, gli esiti di denunce e ricorsi, nonché il numero e il tipo di sanzioni imposte su piattaforme online.

Gli Stati membri potranno sanzionare il mancato rispetto e decidere il livello delle sanzioni, che sarà proporzionato alla natura dell'infrazione. Verranno prese in considerazione anche le dimensioni della piattaforma, in modo da non imporre sanzioni eccessivamente elevate rispetto alle dimensioni della piattaforma. Gli Stati membri e le piattaforme online che offrono servizi nell'UE hanno ora un anno per adattare i propri processi.

Il regolamento si applica a partire dal 7 giugno 2022. Margaritis Schinas, vicepresidente del nostro stile di vita europeo, ha dichiarato: “Con queste nuove regole fondamentali, stiamo reprimendo la proliferazione di contenuti terroristici online e stiamo rendendo l'Unione della sicurezza dell'UE una realtà. D'ora in poi, le piattaforme online avranno un'ora per rimuovere i contenuti terroristici dal web, garantendo che attacchi come quello di Christchurch non possano essere usati per inquinare schermi e menti. Questa è una pietra miliare nella risposta europea all'antiterrorismo e alla radicalizzazione".

Il commissario per gli affari interni Ylva Johansson ha dichiarato: "La rimozione immediata dei contenuti terroristici è fondamentale per impedire ai terroristi di sfruttare Internet per reclutare e incoraggiare attacchi e per glorificare i loro crimini. È altrettanto fondamentale proteggere le vittime e le loro famiglie dall'affrontare un secondo i crimini tempo online. Il regolamento stabilisce regole e responsabilità chiare per gli Stati membri e per le piattaforme online, proteggendo la libertà di parola ove giustificata."

Questa factsheet fornisce ulteriori informazioni sulle nuove regole. Le regole sono una parte essenziale dell'operato della Commissione Agenda antiterrorismo.

Continua a leggere

crimine

Unione doganale: l'UE rafforza le norme sui controlli del contante per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo

Pubblicato

on

Nuove regole entrata in vigore il 3 giugno, che migliorerà il sistema di controllo dell'UE sul contante in entrata e in uscita dall'UE. Nell'ambito degli sforzi dell'UE per affrontare riciclaggio di denaro e tagliare le fonti di il finanziamento del terrorismo, tutti i viaggiatori che entrano o escono dal territorio dell'UE sono già obbligati a compilare una dichiarazione in contanti quando trasportano 10,000 euro o più in valuta, o il suo equivalente in altre valute, o altri mezzi di pagamento, come assegni di viaggio, cambiali, ecc.

A partire dal 3 giugno, tuttavia, verranno implementate una serie di modifiche che inaspriranno ulteriormente le regole e renderanno ancora più difficile spostare grandi quantità di denaro non rilevato. In primo luogo, la definizione di "contanti" secondo le nuove regole sarà estesa e ora riguarderà le monete d'oro e alcuni altri oggetti d'oro. In secondo luogo, le autorità doganali potranno agire su importi inferiori a 10,000 euro quando vi sono indicazioni che il contante sia collegato ad attività criminali. Infine, le autorità doganali possono anche ora richiedere la presentazione di una dichiarazione di divulgazione di contanti quando rilevano 10,000 € o più in contanti inviati senza accompagnamento tramite posta, merci o corriere.

Le nuove regole garantiranno inoltre che le autorità competenti e l'Unità nazionale di informazione finanziaria in ciascuno Stato membro dispongano delle informazioni necessarie per monitorare e contrastare i movimenti di denaro che potrebbero essere utilizzati per finanziare attività illegali. L'attuazione delle norme aggiornate significa che gli ultimi sviluppi degli standard internazionali del Gruppo di azione finanziaria (GAFI) sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo si riflettono nella legislazione dell'UE. Sono disponibili tutti i dettagli e una scheda informativa sul nuovo sistema qui.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending