Seguici sui social

Istruzione

Il presidente von der Leyen riceve il premio Empress Theophano per il programma Erasmus

Pubblicato

on

Il 7 ottobre, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (nella foto) ha accettato il Premio Empress Theophano, assegnato al programma Erasmus, nel corso di una cerimonia tenutasi al Monumento della Rotonda a Salonicco, in Grecia, alla quale ha partecipato in videoconferenza. Il Premio premia individui o organizzazioni che danno un contributo eccezionale all'approfondimento della cooperazione europea e al miglioramento della comprensione delle diverse interdipendenze storiche in Europa.

Ricevuto il Premio, la presidente si è detta onorata di ricevere il Premio “per i dieci milioni di europei che hanno preso parte al programma Erasmus sin dal suo inizio” e lo ha dedicato “agli studenti, agli insegnanti, ai sognatori che l'hanno realizzato Il miracolo europeo si avvera ”.

Nel suo discorso di accettazione, il presidente von der Leyen ha anche tracciato parallelismi tra il piano di ripresa europeo ed Erasmus +: “Proprio come Erasmus era allora, NextGenerationEU è ora. È un programma di portata e portata senza precedenti. E può diventare il prossimo grande progetto unificatore per la nostra Unione. Stiamo investendo insieme non solo in una ripresa collettiva, ma anche nel nostro futuro comune. Solidarietà, fiducia e unità devono essere costruite e ricostruite più e più volte. Non so se NextGenerationEU possa cambiare l'Europa così profondamente come ha fatto il programma Erasmus. Ma so che ancora una volta l'Europa ha scelto di dominare e plasmare il suo futuro - insieme ".

Leggi il discorso completo del Presidente online in Inglese or Francesee guardalo indietro qui. Oltre 4 milioni di persone avranno avuto l'opportunità di studiare, formarsi e fare esperienza all'estero tra il 2014 e il 2020 grazie al programma Erasmus +. Ulteriori informazioni sull'Erasmus qui

Coronavirus

La Commissione approva il programma tedesco per risarcire i fornitori di alloggi nel campo dell'educazione dei bambini e dei giovani per i danni subiti a causa dell'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato, in base alle norme sugli aiuti di Stato dell'UE, un programma tedesco per compensare i fornitori di alloggi per l'educazione di bambini e giovani per la perdita di entrate causata dall'epidemia di coronavirus. Il sostegno pubblico assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Il regime compenserà fino al 60% della perdita di entrate sostenuta dai beneficiari ammissibili nel periodo compreso tra l'inizio del blocco (iniziato in date diverse negli stati regionali) e il 31 luglio 2020, quando le loro strutture ricettive dovevano essere chiuse a causa alle misure restrittive attuate in Germania.

Nel calcolare la perdita di entrate, eventuali riduzioni dei costi derivanti dal reddito generato durante il blocco e qualsiasi possibile aiuto finanziario concesso o effettivamente pagato dallo Stato (e in particolare concesso nell'ambito del regime SA.58464) o terze parti per far fronte alle conseguenze dell'epidemia di coronavirus verranno detratte. A livello di governo centrale, le strutture che possono presentare domanda avranno a loro disposizione un budget fino a 75 milioni di euro.

Tuttavia, questi fondi non sono destinati esclusivamente a questo programma. Inoltre, le autorità regionali (a Länder oa livello locale) possono anche utilizzare questo schema dai bilanci locali. In ogni caso, il regime garantisce che gli stessi costi ammissibili non possano essere compensati due volte da livelli amministrativi diversi. La Commissione ha valutato la misura in base al Articolo 107 (2) (b) del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea, che consente alla Commissione di approvare misure di aiuti di Stato concesse dagli Stati membri per risarcire specifiche aziende o specifici settori per i danni causati da eventi eccezionali, come l'epidemia di coronavirus.

La Commissione ha scoperto che il regime tedesco risarcirà i danni direttamente collegati all'epidemia di coronavirus. Ha inoltre rilevato che la misura è proporzionata, poiché il risarcimento previsto non supera quanto necessario per risarcire i danni. La Commissione ha pertanto concluso che il regime è in linea con le norme dell'UE sugli aiuti di Stato.

È possibile trovare ulteriori informazioni sulle azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus qui. La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.59228 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza di LPI.

Continua a leggere

Affari

Ricerca e innovazione scientifica essenziali per la ripresa economica in Europa

Pubblicato

on

Il prossimo bilancio dell'UE per il periodo 2021-2027 aprirà la strada a un forte sostegno dell'UE ai settori della ricerca, dell'innovazione e della scienza, di vitale importanza per la realizzazione della ripresa economica in Europa, scrive David Harmon.

Il Parlamento europeo voterà il prossimo 23 novembre sulle disposizioni del quadro di bilancio dell'UE rivisto per il periodo 2021-2027.

Attualmente vengono stanziati 94 miliardi di euro per finanziare Orizzonte Europa, NextGenerationEU ed Europa digitale. Si tratta di iniziative chiave dell'UE che garantiranno che l'UE rimanga in prima linea nello sviluppo di nuove tecnologie digitali. Questo è ora più importante che mai. La trasformazione digitale è al centro della scena in termini di come la tecnologia svilupperà le industrie verticali chiave e le future reti intelligenti in Europa.

L'Europa ha il know-how per raggiungere i suoi obiettivi strategici chiave nell'ambito di questi importanti programmi faro dell'UE e per farlo in modo ambientale.

La conclusione è che ora viviamo nell'era del 5G. Ciò significa che nuovi prodotti come video ad alta definizione e veicoli a guida autonoma diventeranno una realtà nella vita di tutti i giorni. Il 5G sta guidando questo processo di innovazione ICT. Ma gli Stati membri dell'UE devono lavorare insieme per rendere il 5G un successo in modo da sviluppare economicamente l'Europa e affrontare in modo completo le più ampie esigenze della società.

Gli standard ICT devono operare in modo strutturato e interconnesso. I governi devono garantire che le politiche sullo spettro siano gestite in modo da garantire che le auto a guida autonoma possano viaggiare senza problemi attraverso i confini.

Le politiche a livello dell'UE che promuovono l'eccellenza nella scienza attraverso il Consiglio europeo della ricerca e il Consiglio europeo per l'innovazione stanno ora assicurando che prodotti TIC altamente innovativi entrino con successo nel mercato dell'UE.

Ma i settori pubblico e privato devono continuare a lavorare a stretto contatto nella realizzazione degli obiettivi politici dell'UE che incorporano e integrano pienamente i settori della ricerca, dell'innovazione e della scienza.

Già nell'ambito di Orizzonte Europa vengono istituiti numerosi partenariati pubblico privato che copriranno lo sviluppo sia delle tecnologie digitali chiave che delle reti e dei servizi intelligenti. Il processo di innovazione funziona al meglio quando le comunità private, pubbliche, educative e di ricerca collaborano e cooperano insieme per il perseguimento di obiettivi politici comuni.

Infatti, anche in un contesto più ampio, i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite possono essere raggiunti tramite scienziati e ricercatori di tutto il mondo che si impegnano in progetti comuni.

L'Europa sta sfruttando i suoi punti di forza nell'ambito del programma Horizon Europe.

L'Europa ospita alcuni dei migliori sviluppatori di software al mondo. Oltre un quarto di tutto il mondo [email protected] si svolge in Europa.

Horizon Europe e il suo programma predecessore Horizon 2020 sono riconosciuti come le principali iniziative di ricerca globale. Ma l'industria deve farsi avanti se vuole che Orizzonte Europa abbia successo.

Horizon Europe deve e sosterrà il processo di innovazione.

Questa è la chiave se le industrie tradizionali come l'energia, i trasporti, la salute e i settori manifatturiero saranno adatte all'era digitale.

La collaborazione e la cooperazione internazionale possono e sosterranno l'attuazione degli obiettivi strategici di politica autonoma dell'UE.

Stiamo vivendo una rivoluzione digitale. Dobbiamo lavorare tutti insieme per rendere questa rivoluzione un successo positivo per tutti e questo include il superamento del divario digitale.

David Harmon è direttore degli affari del governo dell'UE presso Huawei Technologies

Ora che l'Europa è sul punto di assicurarsi l'accordo sui termini del nuovo bilancio dell'UE 20210-2027, le parti interessate possono prepararsi per il primo invito a presentare proposte nell'ambito di Orizzonte Europa. La pubblicazione di tali inviti avverrà entro il primo trimestre del 2021. I progressi nei settori dell'IA, dei big data, del cloud computing e del calcolo ad alte prestazioni giocheranno tutti un ruolo fondamentale nel portare nuovi prodotti e servizi TIC innovativi sul mercato. Quest'anno abbiamo assistito in prima persona al ruolo molto positivo che le nuove tecnologie possono svolgere nel supportare piattaforme online ad alta velocità e nel migliorare le connessioni per aziende, amici e famiglie.

Ovviamente dovranno essere predisposti quadri politici per far fronte alle tecnologie in evoluzione che stanno entrando in funzione. La società civile, l'industria, i settori dell'istruzione e dei ricercatori devono essere pienamente coinvolti nello sviluppo di questa tabella di marcia legislativa.

Conosciamo le sfide che ci attendono. Quindi affrontiamo attivamente queste sfide in uno spirito di determinazione, amicizia e cooperazione internazionale.

David Harmon è direttore degli affari del governo dell'UE presso Huawei Technologies ed è un ex membro del gabinetto del Commissario europeo per la ricerca, l'innovazione e la scienza durante il periodo 2010-2014.

Continua a leggere

Educazione degli adulti

#Coronavirus - Le università britanniche non dovrebbero riaprire a settembre, afferma il sindacato

Pubblicato

on

By

Le università britanniche dovrebbero abolire i piani di riapertura a settembre per impedire agli studenti in viaggio di alimentare la pandemia di coronavirus nel paese, ha detto un sindacato, chiedendo che i corsi vengano tenuti online. Il governo del primo ministro Boris Johnson è stato criticato per le sue mosse per riavviare l'istruzione, soprattutto dopo una discussione sui risultati degli esami per gli studenti delle scuole e un tentativo fallito di riportare tutti gli alunni nelle loro classi all'inizio di quest'anno, scrive Elizabeth Piper.

Johnson ha invitato i britannici a tornare a qualcosa di più simile alla normalità dopo il blocco del coronavirus, invitando i lavoratori a tornare negli uffici per aiutare l'economia a riprendersi da una contrazione del 20% nel periodo aprile-giugno.

Ma l'University and College Union (UCU) ha detto che era troppo presto per rimandare gli studenti alle università, avvertendo che potrebbero essere incolpati se i casi di COVID-19 aumentassero. "Spostare oltre un milione di studenti in tutto il paese è una ricetta per il disastro e rischia di lasciare le università mal preparate come le case di cura di una seconda ondata", ha detto in una nota il segretario generale della UCU Jo Grady. "È ora che il governo intraprenda finalmente un'azione decisiva e responsabile in questa crisi e dica alle università di abbandonare i piani per l'insegnamento faccia a faccia", ha detto, esortando il governo a spostare tutti gli insegnamenti online per il primo trimestre.

Stephen Barclay, segretario capo al Tesoro (ministero delle finanze), ha detto di non essere d'accordo con l'argomento. "Penso che le università come il resto dell'economia debbano tornare e gli studenti debbano essere in grado di farlo", ha detto Times Radio. Diverse università affermano di essere pronte a riaprire il mese prossimo dopo settimane di preparazione e alcuni studenti affermano di aver già speso soldi per cose come l'alloggio in preparazione per il nuovo trimestre.

Continua a leggere
pubblicità

Facebook

Twitter

Trending