Seguici sui social

Brexit

Dichiarazione del gruppo di coordinamento del Regno Unito e dei leader dei gruppi politici del # Parlamento europeo

Pubblicato

on

L'UKCG e i leader dei gruppi politici del Parlamento europeo hanno rilasciato la seguente dichiarazione dopo l'incontro con il capo negoziatore dell'UE Michel Barnier (Nella foto, al centro) e il copresidente della commissione mista Maroš Šefčovič, oggi (11 settembre).

Il gruppo di coordinamento del Regno Unito del Parlamento europeo (UKCG) si è riunito oggi per valutare l'impatto della legge sul mercato interno del Regno Unito sull'attuazione dell'accordo di recesso con il copresidente della commissione mista UE-Regno Unito Maroš Šefčovič e per valutare i negoziati in corso sulla futura UE -Rapporto del Regno Unito con il capo negoziatore dell'UE Michel Barnier.

I leader dei gruppi politici del Parlamento europeo e i membri dell'UKCG sono profondamente preoccupati e delusi dal fatto che il governo britannico abbia pubblicato un disegno di legge sul mercato interno che rappresenta chiaramente una violazione grave e inaccettabile del diritto internazionale. Viola l'accordo di recesso che è stato firmato e ratificato dall'attuale governo e parlamento del Regno Unito meno di un anno fa. Il disegno di legge sul mercato interno danneggia gravemente la fiducia e la credibilità che il Parlamento europeo ha già detto è “un elemento essenziale di qualsiasi negoziazione”, mettendo così a rischio le trattative in corso sul rapporto futuro.

Il Parlamento europeo sostiene il capo negoziatore dell'UE Michel Barnier e il vicepresidente della Commissione Maroš Šefčovič nel chiedere al governo britannico di ritirare immediatamente queste misure dal disegno di legge; entro la fine di settembre, al più tardi. Il gruppo di coordinamento britannico del Parlamento europeo sottolinea che:

  1. L'accordo di recesso, compreso il protocollo sull'Irlanda / Irlanda del Nord, ha valore legalmente vincolante indipendentemente dal fatto che l'UE e il Regno Unito concludano o meno un nuovo trattato che disciplina le loro future relazioni, e;
  2. qualsiasi questione riguardante l'attuazione delle sue disposizioni dovrebbe essere affrontata dal Comitato misto e in nessun caso unilateralmente da una delle parti dell'accordo.

Il Parlamento europeo si aspetta che il governo del Regno Unito sostenga lo stato di diritto e chiede nientemeno che la piena attuazione di tutte le disposizioni dell'accordo di recesso, compreso il protocollo sull'Irlanda / Irlanda del Nord, che è essenziale per proteggere l'accordo del Venerdì Santo e la pace e stabilità nell'isola d'Irlanda.

Se le autorità del Regno Unito violano - o minacciano di violare - l'accordo di recesso, tramite il disegno di legge sul mercato interno del Regno Unito nella sua forma attuale o in qualsiasi altro modo, il Parlamento europeo non ratificherà in nessun caso alcun accordo tra l'UE e il Regno Unito .

Per quanto riguarda l'esito dell'ottavo ciclo di negoziati, il Parlamento europeo resta impegnato in un ambizioso partenariato con il Regno Unito. Siamo delusi dalla continua mancanza di impegno reciproco da parte del Regno Unito sui principi e gli interessi fondamentali dell'UE.

Il Parlamento europeo invita il Regno Unito a collaborare in modo costruttivo con l'UE e a trovare compromessi che siano nell'interesse dei nostri cittadini e delle aziende di entrambe le parti. Qualsiasi potenziale accordo non dovrebbe solo preservare i nostri interessi, ma anche rispettare l'integrità dell'Unione europea e del suo mercato unico.

Affinché qualsiasi accordo abbia effetto, le istituzioni di controllo democratico su entrambe le sponde della Manica devono essere in grado di effettuare una valutazione significativa, come stabilito nell'accordo di recesso. Il Parlamento europeo ricorda che la sua approvazione a qualsiasi accordo sarà concessa solo dopo un esame approfondito delle disposizioni legali. Il Parlamento europeo non accetterà che il suo controllo democratico venga frenato da un accordo dell'ultimo minuto oltre la fine di ottobre.

Firmato dai capigruppo del Parlamento europeo:

Manfred WEBER (PPE, DE)

Iratxe GARCÍA PEREZ (S&D, ES)

Dacian CIOLOŞ (Rinnova, RO)

Philippe Lamberts (Verdi / ALE, BE) copresidente

Ska KELLER (Verdi / ALE, DE) copresidente

Raffaele FITTO (ECR, IT) copresidente

Ryszard LEGUTKO (ECR, PL) copresidente

Martin SCHIRDEWAN (GUE, DE) copresidente

Manon AUBRY (GUE, FR) copresidente

e dal gruppo di coordinamento del Regno Unito:

David McALLISTER (PPE, DE), presidente

Bernd LANGE (S & D, DE)

Nathalie LOISEAU (Rinnova, FR)

Christophe HANSEN (PPE, LU)

Kati PIRI (S & D, NL)

Kris PEETERS (PPE, BE)

Pedro SILVA PEREIRA (S & D, PT)

Morten PETERSEN (Rinnova, DK)

Gunnar BECK (ID, DE)

Brexit

Non rimangono molte questioni per garantire un accordo commerciale "sottile" UE-Regno Unito - Ministro degli esteri irlandese

Pubblicato

on

By

There are not that many outstanding issues in the way of securing a “thin” free-trade deal between the European Union and Britain, which is the best-case scenario at this stage, Irish Foreign Minister Simon Coveney said on Monday (14 September), scrive Conor Humphries.

“We need to also focus on how do we get this deal done... to deal with the outstanding issues. There aren’t many of them. There are a few that are needed in terms of getting a basic and thin free-trade (deal), which is all that is possible at this stage to avoid tariffs and quotas,” Coveney said in an interview with Newstalk Radio.

He said the key issues relate to Northern Ireland: state aid in the British region; the risk of goods leaking into the EU single market via Northern Ireland; and export declarations for the movement of goods from Northern Ireland to the rest of the United Kingdom.

Continua a leggere

Brexit

L'ex primo ministro Cameron dice di avere dubbi sulla mossa di #Brexit

Pubblicato

on

By

L'ex primo ministro britannico David Cameron (nella foto) joined other ex-leaders of the country to express concern at Boris Johnson’s plan to break international law by overriding parts of the Brexit divorce treaty with the European Union, scrive Michael Holden.

“Passing an act of parliament and then going on to break an international treaty obligation is the very, very last thing you should contemplate. It should be an absolute final resort,” Cameron, from Johnson’s Conservative Party, told reporters on Monday.

“So I do have misgivings about what is being proposed.”

Former prime ministers Tony Blair and John Major said on Sunday that Britain must drop its “shocking” plan.

However, Cameron did not go that far, saying a proposed bill that lawmakers voted on on Monday (14 September) - and which the government has said would breach international law - had to be seen in the context of tough trade talks with the EU.

“So far what’s happened is the government has proposed a law that it might pass or might not pass, might use or might not use, depending on whether certain circumstances do or do not appear,” he said.

“The bigger picture here is we are in a vital negotiation with the European Union to get a deal and I think we have to keep that context, that big prize in mind.”

Continua a leggere

Brexit

Johnson faces rebellion over plan to break #Brexit treaty

Pubblicato

on

By

Il primo ministro britannico Boris Johnson (nella foto) will try to persuade rebellious lawmakers in his party to vote today (14 September) for a bill that will break international law by breaching parts of the Brexit divorce deal and which has enraged Brussels, scrivere , Kate Holton, , William James and Michael Holden.

La Camera dei Comuni discuterà il disegno di legge sul mercato interno, che l'UE ha chiesto a Johnson di rottamare entro la fine di settembre nell'ultimo rischio di una saga di quattro anni da quando la Gran Bretagna ha votato in modo restrittivo per lasciare il blocco.

After the debate, in a vote that may come late, lawmakers will decide if the bill should go to the next stage.

Johnson’s plan to explicitly break international law has plunged Brexit back into crisis less than four months before Britain is finally due to leave the EU’s orbit at the end of a transition period, and put trade talks with the bloc in peril.

EU diplomats and officials said the bloc could take legal action against Britain, though there would be no resolution before the end-of-year deadline for Britain’s full exit.

The EU has ramped up preparations for a no-deal Brexit, which would be chaotic for business, markets and nearly $1 trillion in annual trade.

Il governo ha respinto un ultimatum da Bruxelles per eliminare le parti principali del disegno di legge entro la fine di questo mese.

Johnson, who has a majority of 80 in the lower house of parliament, faces a growing revolt from some of his own lawmakers. All of Britain’s living former prime ministers have expressed concern about his plan as have many senior figures in his Conservative Party.

"Quando il ministro della regina dà la sua parola, a nome suo, dovrebbe essere assiomatico che la manterrà, anche se le conseguenze sono sgradevoli", ha detto l'ex procuratore generale di Johnson Geoffrey Cox nel quotidiano The Times.

Cox, who was sacked by Johnson in February, remains an influential figure with colleagues.

La sterlina è scesa del 3% la scorsa settimana per i timori di una Brexit senza accordo, ma Goldman Sachs ha affermato che le probabilità di un tale scenario erano in realtà inferiori a quanto il mercato implica, quindi gli attuali livelli della sterlina potrebbero essere interessanti per alcuni investitori.

British ministers say the bill, which explicitly states that it could be inconsistent with a host of international laws, is intended to clarify ambiguities - particularly over Northern Ireland - and act as a safeguard in case trade talks fall.

Ma alcuni diplomatici dell'UE dicono di pensare che Londra stia giocando una partita al pollo, invitando il fallimento dei colloqui commerciali o per ottenere l'accordo che vuole o andarsene senza un accordo.

After former prime ministers John Major, Tony Blair, Gordon Brown and Theresa May scolded Johnson for considering breaking the law, another ex-premier David Cameron also weighed in saying he had “misgivings”.

L'UE afferma di non potersi fidare di coloro che infrangono gli accordi e che se il disegno di legge non verrà effettivamente scartato non ci sarà alcun accordo commerciale per coprire tutto, dalle parti di automobili al cibo.

Irish Foreign Minister Simon Coveney said Johnson’s bill was most likely a negotiating tactic and a “thin” free-trade deal was still possible as there were just a few outstanding issues.

If, as expected, it is passed in its second reading on Monday, there will be four more days of debate on the bill’s fine print - lasting into Tuesday of next week.

Dopo il voto di lunedì, ci saranno ulteriori votazioni sui tentativi di cambiare la formulazione e il significato della legge, e una votazione finale per decidere se si passa alla fase successiva. La votazione più cruciale si terrà probabilmente la prossima settimana.

Se il disegno di legge poi passerà alla Camera bassa, sarà sottoposto a esame alla Camera dei Lord, dove si prevede che l'opposizione dei membri conservatori sarà ancora più forte.

Continua a leggere
pubblicità

Facebook

Twitter

Trending