La Francia sarà vigile sui freeport britannici #Brexit - ministro

| Febbraio 14, 2020
La Francia vigilerà attentamente per qualsiasi segno di concorrenza sleale dalla Gran Bretagna se proseguirà con i piani per istituire porti liberi dopo la Brexit, ha detto il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, scrive Marine Pennetier.

La Gran Bretagna ha ufficialmente lasciato l'UE il 31 gennaio, ma rimane soggetta alle leggi e ai regolamenti dell'UE durante un periodo di transizione che dovrebbe durare fino alla fine di quest'anno.

Il governo britannico ha dichiarato di voler annunciare l'ubicazione di un massimo di 10 porti liberi post-Brexit, o zone di libero scambio, entro la fine di quest'anno con la speranza che possano iniziare a funzionare nel 2021.

"Saremo estremamente vigili per prevenire qualsiasi forma di concorrenza sleale (dai porti liberi), qualunque sia la questione, e se avremo bisogno di tempo per negoziare, la prenderemo", Le Drian ha detto al parlamento francese in risposta alla domanda di un legislatore.

Gli sportelli sono aree in cui le merci importate possono essere detenute o trasformate in esenzione da dazi doganali prima di essere nuovamente esportate. Possono anche essere utilizzati per importare materie prime e produrre prodotti finiti per l'esportazione.

Le Drian ha affermato che la Francia lavorerà a stretto contatto con la Commissione europea in materia.

La Gran Bretagna vuole negoziare un accordo di libero scambio con l'UE prima della fine del periodo di transizione, ma i negoziati dovrebbero essere difficili e complessi.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Brexit, EU, Francia, UK

I commenti sono chiusi.