#MFF - "Senza progressi concreti rischiamo di arrivare al peggior bilancio di sempre": il presidente del Comitato economico e sociale europeo Luca Jahier

| Febbraio 13, 2020

"Per settimane sono stato seriamente preoccupato per il filtraggio delle notizie sulla preparazione del Consiglio europeo straordinario, che dovrebbe discutere del quadro finanziario pluriennale il 20 febbraio. Oggi il dibattito in Aula del Parlamento europeo a Strasburgo ha confermato pienamente le mie preoccupazioni di vecchia data.

"Sostengo pienamente l'azione e l'approccio del Parlamento europeo, che sta combattendo ferocemente per un ambizioso bilancio europeo e sollecito il Consiglio ad allineare la sua posizione futura su quella votata dagli eurodeputati e su quella del Comitato economico e sociale europeo.

“Il Consiglio non ha compiuto buoni progressi su questo fascicolo, il che è assolutamente cruciale. La questione è ora nelle mani del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, che avrà il difficile compito di proporre un nuovo testo, sulla base degli incontri bilaterali che ha condotto nelle ultime settimane.

“La mancanza di opinioni convergenti è a dir poco preoccupante. La nuova Commissione, a partire dal discorso del presidente von der Leyen a luglio, ha mostrato impegno e ambizione.

“L'adozione del Green Deal europeo a dicembre 2019 è stato il primo atto importante che ha confermato un nuovo slancio politico. Allo stesso modo, il programma di lavoro della Commissione per il 2020 è altrettanto ambizioso.

“Ma - e c'è un ma - se vogliamo realizzare un'ambiziosa agenda europea, allora non c'è segreto: l'UE ha bisogno di risorse adeguate. Se gli Stati membri non sono disponibili a pagare di più per soddisfare priorità ambiziose che hanno già concordato, devono consentire risorse proprie coerenti.

"Già il 2 maggio 2018, in qualità di presidente del CESE, ho elogiato la proposta della Commissione sul QFP per alcuni elementi di novità, ma ho avvertito che un bilancio dell'UE basato sull'1,13% del PNL non era sufficiente. Dobbiamo andare almeno fino all'1.3%.

"Per quanto riguarda le dimensioni del bilancio, vorrei sottolineare che la posizione del CESE è in linea con quella del Parlamento europeo e del Comitato delle regioni, che ovviamente è consapevole quanto le sfide che ci attendono richiedono mezzi finanziari adeguati .

"Se l'UE non sarà nemmeno nella posizione - fin dall'inizio - di consegnare, allora tradiremo gli elettori europei che, entro lo scorso maggio, hanno dato, attraverso il loro voto, un messaggio clamoroso:" Noi (ancora) credere in Europa, i suoi valori e le sue politiche ”.

“Allo stato attuale, rischiamo di arrivare al peggior budget di sempre. Adottare un bilancio dell'UE, le cui dimensioni sarebbero vicine all'1%, o appena sopra - non solo invierebbe un messaggio politico sbagliato, ma indebolirebbe la capacità della Commissione europea di realizzare.

“La Commissione, in particolare sulla base della relazione Monti, ha insistito, nella sua proposta sulle risorse proprie. È giunto il momento che l'UE prenda in seria considerazione questa e altre opzioni finanziarie o rischiamo di disporre di un bilancio che diminuirà.

"Agli Stati membri che sono tentati di tagliare il bilancio dell'UE e in particolare le" vecchie "politiche come la politica agricola comune e la politica di coesione, dico: queste politiche non sono politiche del passato, sono il volto stesso dell'Europa per molti cittadini europei! Rappresentano più che mai il punto di partenza su cui basare il futuro dell'Europa: sostengono la crescita economica, l'occupazione e sostengono l'accordo verde europeo! Indicano il futuro, non il passato.

"Il tempo sta finendo. Siamo già molto in ritardo. Una buona conclusione potrebbe essere concordata in brevissimo tempo, purché vi sia una chiara volontà politica. È tempo di essere coerenti, è tempo di sfidare il Consiglio e muoversi per raggiungere un accordo.

“Abbiamo bisogno di un budget per il futuro, un budget in linea con una visione chiara per l'Europa, i suoi cittadini e le generazioni future!

"I cittadini europei meritano rispetto e il loro voto dovrebbe essere ascoltato, non ignorato!"

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, EU, Bilancio UE, Comitato economico e sociale europeo, Comitato economico e sociale europeo (CESE)

I commenti sono chiusi.