Le condiscendenti osservazioni di Vladimir Putin sull'attivismo di Greta Thunberg parlano più dell'atteggiamento del Cremlino nei confronti della gioventù russa che dei cambiamenti climatici.
Senior Research Fellow, Russia ed Eurasia Program, Chatham House
Ekaterina Aleynikova
Analista indipendente
Vladimir Putin incontra i rappresentanti delle Brigate studentesche russe al Cremlino. Foto: Getty Images.

Vladimir Putin incontra i rappresentanti delle Brigate studentesche russe al Cremlino. Foto: Getty Images.

I dibattiti sul cambiamento climatico non hanno messo radici in Russia. Eppure, mentre parlava a un forum sull'energia a Mosca, Vladimir Putin ha scelto di commentare Greta Thunberg, l'importante eco-attivista svedese di 16 anni. Adottando la sua solita persona sarcasticamente condiscendente, Putin ha espresso rammarico per il fatto che la ragazza "gentile" e "molto sincera" sia stata usata dagli adulti per i propri interessi politici in un modo così "crudele ed emotivo".

Queste osservazioni potrebbero sembrare intese a respingere le preoccupazioni ambientali di Thunberg. Tuttavia, tra il pubblico russo, la preoccupazione per i cambiamenti climatici non è diffusa.

Venerdì per il futuro, il movimento avviato da Thunberg, ha ricevuto scarsa diffusione in Russia, ispirando meno di 100 persone a scendere in piazza a settembre. Questo non è paragonabile alle 50,000 o più persone che sono uscite per protestare contro le elezioni sleali e la brutalità della polizia a Mosca ad agosto. In effetti, la stessa Thunberg è ampiamente percepita negativamente tra il pubblico russo.

Pertanto, non era necessario che Putin avvertisse il suo pubblico domestico della causa "sbagliata" di Thunberg. In effetti, il messaggio chiave di Putin non era rivolto al giovane attivista o al dibattito sui cambiamenti climatici. Sebbene presentato come spontaneo, le sue parole hanno rivelato una narrazione attentamente costruita. È stato espresso in termini generali.

"Gli adulti devono fare di tutto per non portare adolescenti e bambini in situazioni estreme", ha insistito Putin, "quando qualcuno usa bambini e adolescenti nei propri interessi, merita solo di essere condannato". In effetti, queste dichiarazioni miravano a delegittimare qualsiasi tipo di impegno politico da parte dei giovani.

Coloro che hanno familiarità con la propaganda del Cremlino avrebbero riconosciuto questa narrazione dalle dichiarazioni che sono state fatte sui sostenitori di Alexey Navalny negli ultimi anni, che sono state ritratte come "ingenue" e "manipolate". Secondo lo stato, i giovani dovrebbero essere apolitici, e quindi qualsiasi coinvolgimento che hanno in politica deve derivare dalla manipolazione da parte di adulti "malintenzionati".

Lo stesso atteggiamento viene sfruttato per imporre restrizioni alle libertà individuali, come nel caso della famigerata legge sulla propaganda gay, che nasconde la discriminazione nella lingua di protezione dei bambini. Ritrarre i giovani come innatamente dipendenti legittima gli interventi paternalistici dallo stato, definendo le norme di condotta.

Questa narrativa fa parte di una più ampia strategia impiegata dal governo russo per promuovere l'apatia politica tra i giovani del paese. Sono stati compiuti sforzi per scoraggiare i giovani dal partecipare alle proteste politiche, come ad esempio gli avvertimenti di espulsione nelle scuole e nelle università e le minacce di multe e azioni penali contro i genitori i cui figli partecipano alle manifestazioni.

Un vivido esempio di questi sforzi è la recente convinzione di Yegor Zhukov, uno studente di 21 anni della Higher School of Economics di Mosca che ha discusso del cambio di regime sul suo blog. Invece dei quattro anni di carcere per estremismo richiesti dal procuratore, è stato condannato a tre anni di libertà vigilata, con il divieto di pubblicare post online come condizione. La sua condanna invia un messaggio a Zhukov ea tutti i giovani interessati alla politica: è libero di andare forse, ma non di parlare apertamente.

Non è tutto "fedele" all'approccio del governo verso i giovani. C'è anche un po 'di "carota". Il Cremlino presta molta attenzione ai giovani sin dalle proteste del 2011-12, che hanno dimostrato in modo conclusivo che crescere sotto Putin non ha impedito ai giovani di immaginare alternative al suo regime. Da allora, Putin ha preso l'abitudine di incontri regolari con i giovani e sono state lanciate una serie di iniziative per selezionare e premiare i "migliori artisti".

Attraverso sovvenzioni presidenziali, come il programma educativo Sirius a Sochi, il governo seleziona e forma studenti di successo nelle materie STEM. Ciò avviene sotto l'egida della promozione dell'innovazione tecnologica.

Pertanto, esistono confini chiari su dove è consentito il pensiero creativo: è incoraggiato nelle scienze tecniche, ma non nelle scienze sociali o umanistiche. Al tipo "giusto" di bambini di talento che partecipano ai programmi del governo, l'immagine "sbagliata" di Zhukov si pone come un netto contrasto.

Per la maggior parte dei giovani, il sistema educativo della Russia non supporta lo sviluppo di un pensiero critico indipendente. Nel 2016 Putin ha approvato personalmente un'iniziativa volta a creare un unico libro di testo ufficiale di storia che escluda "contraddizioni interne e doppie interpretazioni". Ciò dimostra il desiderio del regime di promuovere il pensiero convergente tra la popolazione più ampia.

Questa strategia nei confronti dei giovani russi riflette le paure del regime di Putin, che vede i giovani avere un potenziale dirompente. Ci sono state false alba per l'opposizione liberale della Russia prima (più recentemente nel 2012) e, sebbene le proteste dell'estate siano state significative, non è chiaro se le nuove generazioni siano davvero più progressiste di quelle che hanno preceduto.

Tuttavia, l'insoddisfazione per lo status quo è evidente tra i giovani russi. Non vedono la Russia offrire loro buone opportunità. Oltre il 50% delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni ha dichiarato di voler emigrare, in un recente recente sondaggio di Levada Center. Se questo malcontento fornisca l'impulso al cambiamento politico in Russia potrebbe dipendere dal successo degli sforzi del Cremlino per depoliticizzare i giovani russi.