#OLAF - La cooperazione doganale tra Asia e UE costituisce un'enorme quantità di prodotti contraffatti

| 9 Ottobre 2019

Operazione HYGIEA: circa 200,000 pezzi contraffatti di profumi, dentifrici, cosmetici, tonnellate 120 di detergenti contraffatti, shampoo, pannolini e oltre 4.2 milioni di altre merci contraffatte (batterie, calzature, giocattoli, palline da tennis, rasoi, dispositivi elettronici, ecc.), 77 milioni di sigarette e 44 tonnellate di tabacco contraffatto per pipe ad acqua sono state sequestrate dalle autorità doganali asiatiche e dell'UE in un'operazione guidata dall'ASEM coordinata dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF).

L'operazione doganale comune HYGIEA è stata condotta nell'ambito dell'Assemblea Asia-Europa (ASEM) nell'ambito degli sforzi congiunti dei paesi partecipanti nella lotta contro le merci contraffatte. I risultati di questa operazione coordinata dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) sono stati condivisi all'13th Riunione dei direttori generali e dei commissari doganali dell'ASEM tenutasi a Ha Long Bay, in Vietnam, su 9-10 ottobre 2019.

A nome dei direttori generali e dei commissari doganali ASEM e della Commissione europea, Nguyen Van Can, direttore generale delle dogane e del presidente del Vietnam, ha annunciato che i risultati dell'operazione denominata in codice "HYGIEA" mirano a contraffare le merci utilizzate nella vita quotidiana dei cittadini (detti anche beni di largo consumo o FMCG), includono:

Un totale di pezzi 194,498 di profumi contraffatti, dentifricio, cosmetici e 120,833.69kg di detersivo contraffatto, shampoo, pannolini trattenuti e sequestrati come risultati diretti dell'operazione mirata ai prodotti FMCG contraffatti.

Oltre alle merci contraffatte sequestrate sopra, diverse spedizioni di prodotti del tabacco - che sono state trovate contraffatte o destinate al contrabbando - contenenti 44,062 kg di tabacco da pipa ad acqua e sigarette 77,811,800 in totale sono state arrestate durante l'operazione.

- Pezzi 4,202,432 di altri articoli contraffatti (pile a batteria, calzature, giocattoli, palline da tennis, rasoi, dispositivi elettronici, ecc.), Anche non conformi alle norme di sicurezza o contrabbandati.

Durante questa operazione, le autorità doganali hanno effettuato controlli fisici o radiografici mirati su diverse centinaia di spedizioni selezionate trasportate da container marittimi. Questi controlli hanno scoperto una vasta gamma di prodotti contraffatti tra cui cosmetici contraffatti, profumi, saponi, shampoo, detergenti, pile a batteria, calzature, giocattoli, palline da tennis, rasoi, dispositivi elettronici.

Durante la fase operativa di HYGIEA, l'OLAF ha facilitato la cooperazione tra i paesi partecipanti con il sostegno di una squadra di dieci ufficiali di collegamento provenienti da Bangladesh, Cina, Giappone, Malesia, Vietnam, Lituania, Malta, Portogallo, Spagna ed EUROPOL, tutti che lavorano insieme in Bruxelles. Un'unità di coordinamento operativo virtuale (VOCU) - un canale di comunicazione sicuro per tali operazioni doganali congiunte è stato utilizzato per canalizzare il flusso di informazioni in entrata. Questo scambio di informazioni in tempo reale ha permesso a tutti gli esperti coinvolti di identificare i flussi sospetti di merci contraffatte dalle normali transazioni commerciali.

Il direttore generale dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) Ville Itala ha dichiarato: “L'operazione HYGIEA mostra cosa si può ottenere quando autorità doganali, partner internazionali e industria lavorano insieme per combattere i falsi. Le merci contraffatte truffano i consumatori, danneggiano le aziende legittime e causano enormi perdite per le entrate pubbliche. Le merci contraffatte compromettono anche le politiche di sanità pubblica. Quando i falsi invadono i nostri mercati, gli unici a beneficiarne sono truffatori e criminali. Mi congratulo vivamente con tutti coloro che hanno partecipato all'operazione HYGIEA per i risultati eccellenti. ”

[*] Stati membri dell'UE, Australia, Bangladesh, Brunei Darussalam, Cambogia, Cina, India, Indonesia, Giappone, Kazakistan, Rep. Corea, Laos, Malesia, Mongolia, Myanmar, Nuova Zelanda, Norvegia, Pakistan, Filippine, Russia, Singapore , Svizzera, Tailandia e Vietnam

Missione, mandato e competenze dell'OLAF:

La missione dell'OLAF è di individuare, indagare e fermare le frodi con i fondi dell'UE.

L'OLAF svolge la sua missione:

  • Realizzare indagini indipendenti su frodi e corruzione che coinvolgono fondi dell'UE, in modo da garantire che tutti i soldi dei contribuenti dell'UE raggiungano progetti in grado di creare posti di lavoro e crescita in Europa;
  • contribuire a rafforzare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni dell'UE indagando su una grave condotta scorretta da parte del personale dell'UE e dei membri delle istituzioni dell'UE, e;
  • sviluppare una solida politica antifrode dell'UE.

Nella sua funzione investigativa indipendente, l'OLAF può indagare su questioni relative a frodi, corruzione e altri reati che ledono gli interessi finanziari dell'UE riguardanti:

  • Tutte le spese dell'UE: le principali categorie di spesa sono i fondi strutturali, la politica agricola e le zone rurali.

fondi di sviluppo, spese dirette e aiuti esterni;

  • Alcune aree delle entrate dell'UE, principalmente dazi doganali e;
  • sospetti di gravi mancanze da parte del personale dell'UE e dei membri delle istituzioni dell'UE.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, crimine, EU, Europeo per la lotta antifrode (OLAF), Commissione europea, Parlamento europeo

I commenti sono chiusi.