I vecchi modi persistono: si può fare affari in Europa nel modo #Russia?

| Settembre 9, 2019

Verso la fine di 2018, sono arrivate cattive notizie per DIA Group, una catena di supermercati spagnola e il terzo franchising del settore alimentare in Europa. Come riportato dall'FT, a dicembre le dimissioni della presidente e dell'amministratore delegato erano state licenziate, il capo delle finanze era stato licenziato, le azioni della società erano scese dello 80% da poco più di un anno e i dividendi erano precipitati.

In quel drammatico contesto, l'azionista della DIA e all'epoca proprietario del 29% dell'azienda magnate russo Mikhail Fridman ha fatto un'offerta generosa di un'iniezione di € 500m e un acquisto di una parte significativa delle azioni.

L'offerta volontaria di offerta è stata integrata con un "piano di salvataggio per garantire il futuro della DIA". L1 Retail (la società che gestisce le attività di Fridman) ha annunciato che "sotto la giusta leadership e governance, la DIA potrebbe ristabilire la sua posizione di leader in Spagna a beneficio dell'economia spagnola". L'offerta di L1 è stata supportata dalla maggior parte degli azionisti, quindi a maggio 2019, L1 ha ottenuto il controllo di poco meno di 70% del capitale di DIA, con l'ovvio piano di ottenere la proprietà totale alla fine.

Il piano di salvataggio al dettaglio L1 è costituito da tre fasi. Con due di loro dietro (l'iniezione e il buy-out), la parte rimanente è una trasformazione, guidata da L1 Retail. 'L'idea è di salvare l'azienda. È gestito molto male e pensiamo che potrebbe essere una grande azienda ", ha detto Fridman all'FT.

La storia sembra uno scenario positivo per salvare un'azienda in difficoltà con un uomo d'affari affermato nel ruolo principale, ma al momento Fridman è probabilmente la persona meno popolare in Spagna.

Vi sono motivi particolari per cui le autorità spagnole dubitano delle buone intenzioni di Fridman, basate su un precedente sintomatico. Attualmente, il tribunale nazionale spagnolo ha Fridman sotto inchiesta ufficiale per corruzione - è stato accusato di aver progettato e organizzato il fallimento di un'altra società spagnola eseguendo "una serie di azioni che hanno portato all'insolvenza di ZED Worldwide SA ... al fine di acquistare a un prezzo ridicolmente basso, molto più basso di quello del mercato ", afferma il documento giudiziario.

L'imprenditore era azionista e creditore di ZED e secondo il Tribunale nazionale aveva "una posizione privilegiata per qualsiasi tipo di decisione nel gruppo". Ha anche controllato Vimpelcom, un grande operatore di telefonia mobile che, modificando i contratti con ZED, ha causato un calo significativo delle sue entrate, il che a sua volta ha impedito a ZED di gestire un prestito di € 140-milioni, in parte fornito da una delle banche che controlla Fridman.

Dopo che ZED ha presentato domanda di fallimento a giugno 2016, la gente di Fridman ha acquistato ZED per € 20 milioni, "molto meno del suo valore quando sono iniziate le manovre di blocco controllate dal sig. Fridman", affermano i pubblici ministeri spagnoli. Quando si riferiscono alle azioni di L1, usano la parola "raid".

DIA potrebbe ripetere il destino di ZED? Molto probabilmente, afferma la stampa spagnola.

Dopo che l'uomo d'affari russo ha ottenuto la sua quota del 29%, ha ottenuto il potere di dettare i termini. In quel momento la presidente e l'amministratore delegato lasciarono l'azienda e furono sostituiti dal personale di L1. Come riportato da El Pais, ha lanciato il periodo peggiore della storia di DIA: le vendite e la qualità delle merci sono diminuite, ci sono stati sempre più difetti nei processi di approvvigionamento e logistica, mentre i fornitori non sono stati in grado di ottenere i loro salari in tempo. Il personale è diventato così preoccupato per il loro futuro che hanno iniziato a fare scioperi, peggiorando ulteriormente la situazione.

Per quanto riguarda le azioni, al momento dell'ultimo acquisto di L1, costano meno di € 0.40 - una drastica variazione rispetto al prezzo di € 4 in cui stavano negoziando quando Fridman ha acquistato la quota 29%.

Rodrigo Fernando Perez, azionista della DIA di Radio Liberty, ha dichiarato: “Sembra che la società venga danneggiata intenzionalmente per acquistare tutte le sue azioni a un prezzo inferiore. E c'è solo una persona dietro questo, Mr. Mikhail Fridman. Ha molti soldi; è un uomo molto ricco. E a quanto pare vuole comprare DIA molto a buon mercato. Confina con la frode? Assolutamente. Per non parlare del fatto che centinaia di persone vengono rovinate. "

Eppure alcune persone dicono di averlo visto arrivare. Quando L1 ha fatto l'offerta di acquisto delle azioni di DIA, non tutti i commenti della comunità imprenditoriale sono sembrati ottimisti. In particolare, i coetanei di Fridman, di ritorno a Mosca, dissero che in Spagna il magnate sembrava eseguire il suo trucco distintivo di acquisizione ostile, quello che aveva perfezionato nel turbolento mondo degli affari russi.

L'acquisizione ostile, o per dirla in parole povere, "trattative aggressive" sono state a lungo considerate il marchio di fabbrica di Fridman. Il suo gruppo russo A1 è presente in dozzine di storie di "acquisizioni aggressive": industrie alimentari, bevande, industrie farmaceutiche, metallurgiche e minerarie, compagnie petrolifere e del gas entrerebbero tutte nella lista delle controverse attività commerciali di A1.

"Fridman e i suoi partner ... sono tutti tranne i soli miliardari russi che costruiscono grandi nuove attività in Occidente - il che è tanto più interessante in quanto le loro idee di investimento e le guerre corporative ricordano così il passato russo dell'Alfa", ha scritto Bell.

In 2013, dopo aver venduto la sua attività più impressionante (produttore di petrolio della TNK-BP), Friedman si trasferì a Londra e iniziò a stabilire la sua attività in Occidente. Le voci dicono che vuole vendere Alfa-Bank, la sua attività di bandiera, e lasciare definitivamente la Russia, cosa che nega fortemente. Il magnate afferma di aver spostato l'attenzione in Europa solo per testare le sue abilità nel nuovo parco giochi: 'Per me penso che sia un grande interesse, privilegio e sfida - provare a ripetere il nostro successo che abbiamo fatto in Russia in mercato più sofisticato e competitivo ".

Sarebbe in grado di farlo? Negli anni della sua formazione come oligarca nella caotica Russia post-sovietica, ce n'era molto che si potesse scappare. Questi "vecchi modi" potrebbero funzionare oggi per fare affari in Europa? La risposta è con il tribunale nazionale della Spagna.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, EU, Opinione, Russia, Spagna

I commenti sono chiusi.