Nikolai Petrov (sotto) parla a Jason Naselli (sotto) su una nuova ondata di proteste contro il governo di Vladimir Putin e cosa significa per il futuro del sistema russo.
Senior Research Fellow, Russia ed Eurasia Program, Chatham House
Senior Digital Editor
Manifestanti durante una manifestazione nel centro di Mosca l'10 di agosto. Foto: Getty Images.

Manifestanti durante una manifestazione nel centro di Mosca l'10 di agosto. Foto: Getty Images.

La squalifica dei candidati dell'opposizione in vista di un'elezione alla duma della città di Mosca su 8 settembre ha stimolato le più grandi proteste viste in città da 2011-12. L'ondata crescente di proteste di massa ha raggiunto i partecipanti di 50,000 in 10 agosto e non vi è alcun segno che si fermino. Nikolai Petrov spiega le implicazioni di queste proteste e la risposta del Cremlino.

Perché queste proteste sono emerse ora?

Dall'annuncio della riforma delle pensioni dell'anno scorso [quando il governo ha alzato l'età pensionabile senza discussioni pubbliche o spiegazioni, con proteste diffuse], c'è stata un'enorme delusione per il governo in generale e Putin in particolare, che ha portato a un calo di Putin valutazioni di approvazione.

Ciò ha creato un nuovo ambiente politico e, in questo contesto, qualsiasi ragione locale può servire come una rottura della schiena di un cammello, un fattore scatenante per gravi disordini. Ci sono stati diversi casi come questo nella regione di Mosca legati al problema della raccolta di rifiuti, nella regione di Arkhangelsk per lo stoccaggio di rifiuti da Mosca, e a Ekaterinburg collegati alla costruzione di una cattedrale in un parco locale.

Ora è arrivato a Mosca e l'innesco è stata la campagna per le elezioni della duma della città di Mosca. È importante capire che la duma cittadina non ha alcun potere reale, quindi queste proteste riguardano davvero il rapporto tra società e governo.

La macchina politica che Putin ha costruito e che ha funzionato in passato non ha tenuto conto di questa nuova relazione. Quindi ha fatto un errore.

Per essere registrato come candidato per la duma della città, è necessario raccogliere attorno alle firme 5,000, che è un numero abbastanza significativo, soprattutto in estate quando le persone sono in vacanza. Questo è stato progettato per impedire ai candidati indesiderati di partecipare alle elezioni.

Ma questa volta ha funzionato contro di loro, perché i candidati dell'opposizione erano molto attivi e sono riusciti a raccogliere abbastanza firme, mentre i candidati del governo - che avevano già abbandonato l'affiliazione con il partito al governo sempre più impopolare, la Russia Unita - per lo più non raccoglievano affatto firme. Questo è abbastanza chiaro per la gente locale da vedere; Mosca è divisa in collegi elettorali 45, quindi puoi vedere chi sta sondando nel tuo quartiere e chi no.

Quando la commissione elettorale ha deciso di invalidare molte delle firme dell'opposizione per impedire loro di registrarsi come candidati, questo ha scatenato la rabbia di persone che erano già state mobilitate politicamente per partecipare alle elezioni.

L'atteggiamento generale a Mosca è a favore dei manifestanti. Un nuovo sondaggio mostra che approvare più che disapprovare le proteste e che quasi 1 in 10 prenderebbe in considerazione la partecipazione.

Chi sono le persone che protestano?

È interessante - in molti casi il modo in cui descrivi gli eventi significa più di quello che è successo. Il governo sta cercando di descrivere i partecipanti come quelli che non sono moscoviti, che sono stati portati lì dall'esterno. Ma in realtà ci sono molti giovani moscoviti lì, il che è importante notare, perché mentre queste proteste hanno raggiunto la scala di 2011-12, quelli che oggi partecipano sono più giovani e diversi da quelli che hanno partecipato quasi 10 anni fa.

Questo significa che c'è un nuova generazione di manifestanti - ma non solo i giovani. Secondo i numeri che vediamo, è una buona diffusione di moscoviti medi coinvolti.

E per te, il momento chiave che ha portato a questo è stato il furore della riforma delle pensioni dell'anno scorso.

Sì, assolutamente.

In 2011, c'è stata una generale delusione per l'annuncio di Putin che avrebbe cercato di tornare alla presidenza, e le elezioni di dicembre 2011 hanno avuto il ruolo di innesco per le proteste che seguirono. Ciò che è andato storto per le autorità di 2011 è stato il fatto che migliaia di moscoviti erano osservatori elettorali e si sono confrontati in prima persona con imbrogli e negligenza.

Questa volta è simile, in quanto c'erano migliaia di moscoviti che si radunavano e davano firme che ora si sentono personalmente umiliati dalle azioni del governo.

Come si svolge questa situazione in vista delle elezioni di 8 di settembre e oltre?

Se è giusto dire che non si tratta delle elezioni della duma della città di Mosca, ma è una tendenza più importante, allora 8 settembre non sarà la fine della storia. Per non parlare del fatto che a settembre ci saranno elezioni in quasi la metà delle regioni della Russia, tra cui le elezioni governative 16. Mosca non è stato considerato il campo di battaglia più importante: la duma cittadina non ha un ruolo reale. A San Pietroburgo ci sono elezioni governative che sono molto più importanti.

Penso che il problema più grande sia che il governo non ha imparato lezioni dai suoi fallimenti alle elezioni dell'anno scorso. In 2018, per la prima volta sotto Putin, i candidati sostenuti dal Cremlino hanno fallito in diverse regioni. Ciò avrebbe dovuto spingere il Cremlino a cambiare il loro atteggiamento nei confronti delle elezioni. Ciò non è accaduto e ciò che sta accadendo ora a Mosca è solo un segno di ciò. Vedremo molti più gravi problemi in altre regioni, poiché le perdite del governo su 8 settembre hanno il potenziale per creare di nuovo una nuova atmosfera politica. Nel frattempo, il Cremlino sta incolpando l'Occidente.

Non si tratta di particolari politici che salgono al potere. Si tratta del governo che non riesce a mantenere a galla il suo sistema. Potrebbe essere in una certa misura simile alle recenti elezioni presidenziali ucraine, in cui qualcuno dall'esterno potrebbe venire e cambiare il sistema politico, passo dopo passo. E il Cremlino, consapevole di questo, stringe le viti.