#Brexit - Il mercato del lavoro nel Regno Unito brilla, ma le nuvole all'orizzonte

| 14 Agosto 2019

Il mercato del lavoro britannico ha mostrato una forza inaspettata nel secondo trimestre, in netto contrasto con i dati della scorsa settimana che hanno mostrato che l'economia si è contratta nello stesso periodo in cui il paese si prepara alla Brexit, scrivere Andy Bruce e David Milliken.

La crescita degli utili totali, inclusi i bonus, è aumentata di un 3.7% annuo nei tre mesi a giugno - il tasso più alto da giugno 2008 e in aumento rispetto allo 3.5% di maggio, e in linea con le previsioni in un sondaggio degli economisti di Reuters.

Il mercato del lavoro è stato un lato positivo per l'economia dal voto Brexit di 2016 di giugno, qualcosa che molti economisti hanno attribuito ai datori di lavoro che preferiscono assumere lavoratori che possono successivamente licenziare piuttosto che assumere impegni a lungo termine per gli investimenti.

I dati di martedì mostrano che la Gran Bretagna ha creato posti di lavoro 115,000 nel secondo trimestre, portando il livello di occupazione a un record di 32.811 milioni, ha affermato l'Office for National Statistics (ONS).

"Il mercato del lavoro rimane una fonte di forza per l'economia del Regno Unito, anche se ora potrebbe raggiungere il suo apice", ha affermato Tej Parikh, capo economista presso l'Istituto dei direttori.

La sterlina ha mostrato una scarsa reazione ai dati, che tendono a ritardare le tendenze più ampie dell'economia e si sono anche mostrate salutari in vista della crisi finanziaria.

Escludendo i bonus, la crescita dei salari annuali è salita a 3.9% da 3.6%, ha affermato l'ONS, rispetto alle previsioni del sondaggio per la crescita di 3.8%.

Un po 'della forza dei dati retributivi ha rispecchiato l'inusuale tempistica degli aumenti salariali annuali per gli operatori della sanità pubblica in 2018, quando un aumento maggiore del normale è stato rinviato a luglio.

Alcuni dettagli hanno indicato tempi ancora più difficili, dopo che i dati della scorsa settimana hanno mostrato che l'economia si è inaspettatamente ridotta del 0.2% nei tre mesi a giugno.

Il tasso di disoccupazione è salito allo 3.9%, a fronte delle aspettative per il mantenimento dello 3.8% costante, e mentre la crescita dell'occupazione ha superato di gran lunga le previsioni, i lavori a tempo parziale anziché a tempo pieno hanno rappresentato interamente l'aumento.

La produzione oraria, la misura principale della produttività, è diminuita dell'0.6% in termini annuali - il quarto trimestre di declino consecutivo e il periodo più lungo da metà 2013.

La scarsa produttività è una delle maggiori sfide economiche della Gran Bretagna e, fino a poco tempo fa, aveva contribuito a un decennio di debole crescita delle retribuzioni.

Il numero di posti di lavoro vacanti, un indicatore dell'occupazione futura, è sceso a 820,000 nei tre mesi a luglio da 824,000 nel periodo a giugno, il livello più basso in più di un anno.

Alcuni recenti sondaggi condotti sulle società hanno suggerito che i datori di lavoro stanno diventando più cauti riguardo l'assunzione poiché il nuovo Primo Ministro Boris Johnson si è impegnato a portare la Gran Bretagna fuori dall'Unione Europea il 31 di ottobre, con o senza un accordo.

La Banca d'Inghilterra ha dichiarato questo mese di aver visto segni di un allentamento degli indicatori del mercato del lavoro.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Brexit, EU, UK

I commenti sono chiusi.