I candidati britannici per il PM puntano al favorito #BorisJohnson

| Giugno 12, 2019

Una schiera di candidati in sostituzione di Theresa May mentre il primo ministro britannico ha lanciato le sue campagne il Lunedi promettendo di risolvere il tumulto della Brexit e di aver sparato al front-runner Boris Johnson, scrivere William James e Elizabeth Piper.

May si è dimesso come leader del partito conservatore al potere venerdì, avendo fallito tre volte per ottenere il sostegno del Parlamento per un accordo di divorzio dell'Unione europea che avrebbe dovuto guidare il paese senza problemi e affrontare la più grande crisi politica della Gran Bretagna in una generazione.

Le nomine per sostituirla dovevano essere presentate lunedì (10 giugno), e il comitato 1922 del partito, che sta conducendo il concorso, ha detto che i candidati 10 hanno ottenuto il sostegno richiesto di almeno otto dei parlamentari 300-plus dei conservatori eletti.

Un 11th, Sam Gyimah, si ritirò poco prima dell'annuncio dicendo che non era stato in grado di costruire un supporto sufficiente. È stato l'unico a sostenere un secondo referendum sulla Brexit.

I legislatori conservatori terranno il loro primo turno di votazioni giovedì per iniziare a restringere il campo.

La campagna pubblica che ha lanciato lunedì ha esposto tutti gli ordini del giorno, ma è stata la Brexit a dominare, con sciamenti palesi e sottilmente velati all'ex ministro degli Esteri Johnson.

"Se riuscirò a superare, e sono sicuro che lo farò, agli ultimi due contro il signor Johnson, questo è quello che gli dirò: 'Mr Johnson, qualunque cosa tu faccia, non tirarti fuori'", ha detto il ministro dell'ambiente Michael Gove, che ha criticato l'offerta di leadership di 2016 di Johnson, tirando il suo sostegno all'ultimo momento per correre se stesso.

"So che hai già fatto e so che potresti non credere nel tuo cuore che puoi farlo, ma l'appartenenza al partito conservatore merita una scelta".

Quasi tutte le promesse hanno promesso che potrebbero risolvere l'enigma della Brexit - che è sfuggito a maggio in tre anni di colloqui UE - in soli tre mesi, tra il nuovo leader scelto a fine luglio e l'attuale data di uscita di 31 ottobre.

"Dalle mie conversazioni con i leader europei, mi è chiaro che c'è un accordo da fare; vogliono che presentiamo proposte ", ha affermato l'attuale ministro degli Esteri Jeremy Hunt.

Se la questione non fosse risolta, ha detto, il partito sarebbe stato annientato in un'elezione e il leader socialista laburista Jeremy Corbyn avrebbe preso il potere.

Dominic Raab, che ha lasciato il ministero della Brexit per l'accordo di divorzio di maggio, ha detto che anche lui potrebbe ottenere un nuovo accordo, ma ha promesso che il Regno Unito lascerà l'UE a 31 ottobre, anche se ciò significa tornare alle condizioni commerciali fondamentali dell'Organizzazione mondiale del commercio.

"Sono il Brexiteer su cui puoi fare affidamento", ha detto.

Altri, tra cui Johnson, hanno fatto la stessa promessa di andarsene in tempo anche se significasse rinunciare a un accordo con l'UE per facilitare la transizione.

Il leader del partito laburista dell'opposizione, Jeremy Corbyn, ha riferito lunedì a una riunione dei suoi legislatori che il Labour non accetterà mai un'uscita "senza accordo". "Lavoreremo su una base interpartitica per bloccare un esito 'senza contratto'", ha affermato.

Le differenze tra i candidati riflettono la divergenza conservativa sulla questione, il che significa che, tre anni dopo che il Regno Unito ha votato 52% a 48% per dimettersi dall'UE, non è chiaro come, quando e se effettivamente se ne andrà.

L'incertezza ha colpito l'economia britannica, che si è ridotta del 0.4% ad aprile, hanno mostrato dati ufficiali lunedì - un calo maggiore di quello che qualsiasi economista aveva previsto in un sondaggio Reuters la scorsa settimana.

Johnson non è solo il chiaro favorito dei bookmaker ma, secondo i sondaggi, è il più popolare tra i membri del partito 160,000 che alla fine faranno la scelta.

Lunedì non ha tenuto un lancio di campagna di alto profilo, ma i suoi rivali si sono schierati per fare un tiro a segno su di lui e il suo impegno di aumentare il punto in cui i lavoratori iniziano a pagare una tassa sul reddito 40 a 80,000 sterline ($ 102,000) 50,000 sterline.

"Una cosa che non farò mai come primo ministro è usare il nostro sistema fiscale e previdenziale per dare al già ricco un'altra riduzione delle tasse", ha detto Gove, un altro favorito che stava cercando di riportare la sua campagna in pista dopo aver ammesso di aver assunto cocaina quando lui era un giovane giornalista.

I critici lo accusarono di ipocrisia, notando che, in un precedente ruolo di ministro dell'educazione, aveva firmato le regole per vietare gli insegnanti a vita per aver preso la cocaina.

Altri hanno preso di mira Johnson, un esuberante ex sindaco di Londra, alludendo alle passate critiche secondo cui preferiva lo stile alla sostanza e non riusciva a cogliere i dettagli.

"Non otterremo un buon affare con bluff e bluster", ha detto Raab, uno dei sostenitori della Brexit più intransigenti.

Hunt, un altro dei favoriti, ha dichiarato che "un momento importante richiede un leader serio". "Abbiamo bisogno di negoziati difficili", ha detto, "non retorica vuota".

La campagna di Hunt ha ricevuto un significativo impulso lunedì quando due ministri con posizioni contrarie sulla Brexit - il ministro delle pensioni Amber Rudd e il ministro della Difesa Penny Mordaunt - lo hanno appoggiato.

Mentre la battaglia si svolge, May rimane primo ministro. La sua sostituzione è prevista entro la fine di luglio.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Brexit, Partito Conservatore, EU, UK

I commenti sono chiusi.