Come l'UE migliora #WorkersRights e #WorkingConditions

| Maggio 15, 2019
Gente che cammina su una strada nelle prime ore del mattino © AP Images / European Union-EPL'UE vuole migliorare le condizioni di lavoro © AP Images / European Union-EP

Scopri come l'UE sta migliorando i diritti dei lavoratori e le condizioni di lavoro in tutta Europa, dall'orario di lavoro e il congedo parentale alla salute e alla sicurezza sul lavoro.

L'UE ha istituito una serie di norme sul lavoro per garantire una protezione sociale forte. Includono requisiti minimi sulle condizioni di lavoro - come orario di lavoro, lavoro a tempo parziale, diritti dei lavoratori - per informazioni su aspetti importanti della loro occupazione e il distacco di lavoratori. Sono diventati uno dei capisaldi di Le politiche sociali europee.

Le parti sociali - sindacati e organizzazioni di datori di lavoro - sono coinvolte nella definizione delle politiche sociali e occupazionali europee attraverso i cosiddetti dialogo sociale, attraverso consultazioni e pareri, e può anche negoziare accordi quadro su questioni specifiche.

Lavoratori'diritti e nuove forme di lavoro

L'UE ha introdotto standard minimi comuni su ore lavorative applicabile a tutti gli stati membri. La legislazione dell'UE in materia di orario di lavoro stabilisce diritti individuali per tutti i lavoratori, con una settimana lavorativa massima di 48 ore, ferie annuali retribuite di almeno quattro settimane all'anno, periodi di riposo e regole sul lavoro notturno, sul lavoro a turni e sui modelli di lavoro.

Nel corso degli anni, l'Europa ha assistito a cambiamenti significativi nel mercato del lavoro, tra cui la digitalizzazione e lo sviluppo di nuove tecnologie, la crescente flessibilità e la frammentazione del lavoro. Questi sviluppi hanno generato nuove forme di occupazione, con un aumento delle posizioni temporanee e lavori non standard.

Per proteggere tutti i lavoratori nell'UE e migliorare i diritti dei dipendenti più vulnerabili con contratti atipici, i deputati hanno adottato in 2019 nuove regole che introducono diritti minimi sulle condizioni di lavoro. La legislazione stabilisce misure protettive come la limitazione della durata del periodo di prova a sei mesi, l'introduzione di una formazione obbligatoria gratuita e il divieto di contratti restrittivi. Le regole richiedono inoltre che tutti i nuovi dipendenti ricevano informazioni chiave sulle loro responsabilità entro una settimana dall'inizio del lavoro.

L'UE vuole anche che i lavoratori siano coinvolti nel processo decisionale della loro azienda e abbia stabilito un quadro generale per i diritti dei lavoratori di essere informati e consultati.

Le norme dell'UE prevedono che, in caso di licenziamenti collettivi, i datori di lavoro debbano negoziare con i rappresentanti dei lavoratori.

A livello transnazionale, i dipendenti sono rappresentati dai comitati aziendali europei. Attraverso questi organismi, i lavoratori sono informati e consultati dalla direzione in merito a qualsiasi decisione significativa a livello UE che possa influire sull'occupazione o sulle condizioni di lavoro.

Casella di scansione per i magazzinieri © AP Images / European Union-EPL'UE ha introdotto standard minimi comuni sull'orario di lavoro © AP Images / European Union-EP

Lavoratori'mobilità all'interno dell'UE

Norme UE sul coordinamento di sistemi di sicurezza sociale degli Stati membri garantire che le persone possano beneficiare pienamente del loro diritto a trasferirsi in un altro paese dell'UE per studiare, lavorare o stabilirsi mentre ottengono i benefici sociali e sanitari a cui hanno diritto. La legislazione dell'UE riguarda le malattie, il congedo di maternità / paternità, la famiglia, la disoccupazione e benefici simili ed è attualmente in fase di revisione.

IN 2019, i deputati hanno approvato piani per creare una nuova agenzia UE, il Autorità europea del lavoro, che assiste gli Stati membri e la Commissione europea nell'applicare e applicare la legislazione dell'UE nel campo della mobilità del lavoro e nel coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale. L'agenzia sarà pienamente operativa da 2023.

I dipendenti possono essere inviati dalle loro società in un altro paese dell'UE su base temporanea per svolgere compiti specifici. In 2018, le regole dell'UE sul distacco dei lavoratori sono stati revisionati per garantire il principio della parità di retribuzione per lo stesso lavoro nello stesso luogo.

Per affrontare la disoccupazione e far corrispondere meglio l'offerta e la domanda del mercato del lavoro in tutta Europa, il Parlamento ha approvato una nuova legge per rinnovare il sistema Rete europea di posti di lavoro (Eures) con una banca dati a livello di UE di persone in cerca di lavoro e posti vacanti in 2016.

Lavoratori' salute e sicurezza

L 'UE adotta una legislazione nel settore di salute e sicurezza sul lavoro integrare e sostenere le attività degli stati membri.

L' Direttiva quadro europea sulla sicurezza e la salute sul lavoro stabilisce i principi generali relativi ai requisiti minimi di salute e sicurezza. Si applica a quasi tutti i settori dell'attività pubblica e privata e definisce gli obblighi per datori di lavoro e dipendenti.

Inoltre, vi sono norme specifiche sull'esposizione a sostanze pericolose, gruppi di lavoratori come donne incinte e giovani lavoratori, compiti specifici come la movimentazione manuale di carichi e luoghi di lavoro come i pescherecci.

Ad esempio, la direttiva sulla protezione dei lavoratori dai rischi connessi a agenti cancerogeni o mutageni al lavoro viene aggiornato regolarmente, stabilendo limiti di esposizione per sostanze specifiche.

I paesi dell'UE sono liberi di stabilire standard più stringenti al momento del recepimento delle direttive UE nella legislazione nazionale.

Con l'invecchiamento della forza lavoro, il rischio di sviluppare problemi di salute è aumentato. In 2018, i deputati hanno adottato un rapporto che propone misure per facilitare il ritorno delle persone sul posto di lavoro dopo congedi per malattia di lunga durata e per includere meglio le persone che sono malate croniche o hanno una disabilità nella forza lavoro.

Promozione dell'equilibrio tra lavoro e vita privata e uguaglianza di genere

Il Parlamento europeo è sempre stato un forte difensore di parità dei sessi. Per fornire maggiori pari opportunità per uomini e donne e incoraggiare una migliore condivisione delle responsabilità di cura, i deputati hanno adottato in 2019 una serie di nuove regole per consentire a genitori e lavoratori di prendersi cura dei parenti con condizioni mediche serie in modo da poter stabilire un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

La direttiva fissa un minimo di giorni 10 di congedo di paternità, un congedo parentale di almeno quattro mesi per genitore (di cui due non trasferibili) e cinque giorni di congedo per accompagnatori all'anno e prevede accordi di lavoro più flessibili.

I diritti di maternità sono definiti nel Direttiva sulle lavoratrici gestanti, stabilendo il periodo minimo per il congedo di maternità nelle settimane 14, con un congedo obbligatorio di due settimane prima e / o dopo il parto.

Il Parlamento sta anche spingendo continuamente per ulteriori misure per combattere il differenziale retributivo di genere, restringi il Pensione di pensionamento e ha chiesto che le norme dell'UE siano affrontate mobbing e molestie sessuali.

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, occupazione, EU, EU, Parlamento europeo, I diritti dei lavoratori