#IATA preoccupata no-deal #Brexit non è sufficiente per evitare interruzioni del volo

| 11 Gennaio 2019

Le misure per consentire il proseguimento dei voli tra l'Unione europea e la Gran Bretagna in caso di Brexit disordinata non saranno sufficienti a evitare alcune interruzioni e cancellazioni, ha avvertito giovedì il capo del gruppo leader del trasporto aereo mondiale (10 gennaio), scrive Alexander Cornwell.

La Gran Bretagna è pronta a lasciare l'UE su 29 marzo, ma con meno di tre mesi di anticipo il primo ministro britannico Theresa May non è riuscito a ottenere un sostegno in patria per un accordo di uscita, aumentando le prospettive di una rottura "senza accordi" nelle relazioni.

"Siamo un po 'preoccupati perché le prime linee guida sono state emesse e, penso, rappresentino un limite al traffico", ha dichiarato il direttore generale e amministratore delegato della International Air Transport Association (IATA) Alexandre de Juniac (nella foto).

Ha detto che le misure erano basate sul traffico tra l'UE e la Gran Bretagna in 2018, e quindi non ha tenuto conto di aumenti programmati nei voli di quest'anno.

Ciò significherebbe, in caso di "no-deal", i voli dovrebbero iniziare ad essere regolati o addirittura cancellati una volta che il traffico ha raggiunto il massimale 2018 su cui si basavano le misure, ha detto.

"Spero che saremo in grado di convincere le autorità britanniche ed europee a essere più flessibili", ha detto ai giornalisti a Dubai.

De Juniac ha anche detto di non credere che i voli sarebbero immediatamente radicati se l'UE e la Gran Bretagna non riuscissero a raggiungere un accordo prima di 29 marzo.

tag: , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Strategia Aviation per l'Europa, Aviazione / linee aeree, Brexit, EU, Autorizzazione in tutta l'UE di sicurezza, Cielo unico europeo, UK