Le fabbriche britanniche più piccole prevedono un calo dell'output prima di #Brexit - #CBI

| 8 Novembre 2018

I piccoli produttori britannici si aspettano che la loro produzione diminuisca per la prima volta in sette anni nei prossimi tre mesi, feriti dal calo degli ordinativi in ​​vista della Brexit, un'indagine del settore mostrata mercoledì (7 novembre), scrive Andy Bruce.

Gli ordini interni sono stati pianificati e i produttori hanno frenato i loro piani di investimento, ha mostrato il sondaggio trimestrale sulle piccole e medie imprese (PMI) della Confederazione dell'industria britannica (CBI).

Il rapporto si aggiunge a una serie di segnali in downbeat dei produttori prima della Brexit, ora in scadenza in meno di cinque mesi.

Il primo ministro Theresa May affronta l'opposizione al suo piano Brexit dal suo stesso partito conservatore e non è riuscito finora a raggiungere un accordo con altri leader dell'UE, sollevando il timore che la Gran Bretagna potesse lasciare l'UE senza un accordo di transizione.

"I produttori di PMI sentono chiaramente la pressione: sia dal più debole momento economico globale, riflesso in una riduzione degli ordini di esportazione, sia dall'incertezza della Brexit che morde duramente i piani di investimento", ha detto l'economista del CBI Alpesh Paleja.

L'ottimismo sulle prospettive di esportazione per l'anno a venire è sceso al livello più debole da aprile 2009, durante l'ultima recessione della Gran Bretagna.

"(A) un significativo ridimensionamento delle spese di capitale pianificate è un'ulteriore prova del fatto che l'incertezza della Brexit sta prendendo un vero morso dai piani delle imprese per crescere e innovare", ha detto Paleja.

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Brexit, Affari, EU, Produzione, UK