#Brexit: Hammond avverte 'catastrofe' per la situazione irlandese se nessun accordo con l'UE

| Aprile 16, 2018

Cancelliere britannico Philip Hammond (nella foto) ha detto a un giornale tedesco che sarebbe stata una "catastrofe" per la situazione in Irlanda se la Gran Bretagna e l'Unione europea non riuscissero a trovare una soluzione durante i colloqui sulla Brexit, scrivere Michael Nienaber e Madeline Chambers.

L'Irlanda del Nord, che diventerà l'unica frontiera terrestre della Gran Bretagna con l'UE dopo la Brexit di marzo 2019, rimane la questione più difficile nei colloqui tra Bruxelles e Londra e una minaccia alla pace nella provincia britannica.

"Il peggior risultato per l'accordo del Venerdì Santo non sarebbe una soluzione tra l'UE e la Gran Bretagna, sarebbe una catastrofe per la situazione in Irlanda", ha detto Hammond Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) in un'intervista pubblicata la scorsa settimana.

Hammond non ha detto se si riferiva specificamente a una soluzione alla questione del confine irlandese, o ad un accordo globale per il divorzio della Gran Bretagna dall'Unione europea.

La Gran Bretagna e l'UE si sono impegnate a mantenere un flusso libero di persone e merci oltre il confine irlandese senza tornare ai posti di blocco che ricorderebbero i trent'anni di violenza in gran parte conclusi dall'accordo del Venerdì Santo di 1998.

Tuttavia, non è stata ancora trovata alcuna soluzione per eventuali controlli doganali necessari dopo Brexit e un piano di sostegno potrebbe isolare efficacemente l'economia dell'Irlanda del Nord dalla Gran Bretagna.

Hammond ha anche detto che la Gran Bretagna avrebbe onorato i suoi obblighi finanziari verso l'UE dopo la sua partenza e che i pagamenti potrebbero ammontare fino a 39 miliardi di sterline.

"I pagamenti si estendono su un periodo molto lungo perché includono anche i diritti pensionistici", ha detto la Hammond, che ha incontrato il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz questa settimana.

La Gran Bretagna e l'UE hanno concordato un periodo di transizione dei mesi 21 che seguirà la partenza della Gran Bretagna dal blocco durante il quale le imprese avranno accesso invariato ai mercati del blocco.

Hammond ha detto che la decisione del popolo britannico di lasciare l'UE non sarebbe stata annullata.

"Sarebbe meglio se rimanessimo in uno stretto rapporto con i partner europei che ci consentirebbe di continuare a creare un fronte unito nelle questioni commerciali internazionali", ha dichiarato al quotidiano tedesco.

Il libero scambio e i mercati aperti hanno portato "enormi ricchezze" per gli europei, ha detto Hammond, aggiungendo: "Dovremmo continuare a difendere questo".

Hammond ha detto che spera che i negoziati commerciali tra Washington e Bruxelles porterebbero a un accordo in cui gli Stati Uniti esentassero definitivamente l'UE dalle tariffe statunitensi in acciaio e alluminio annunciate il mese scorso.

tag: , , ,

Categoria: Un Frontpage, Brexit, EU, Irlanda del Nord, UK