#WesternMediterranean: piano di gestione per rafforzare il settore della pesca nella regione

| 13 Marzo 2018

La Commissione ha proposto un piano pluriennale per gli stock ittici nel Mediterraneo occidentale. La proposta riguarda gli stock ittici demersali, ossia i pesci che vivono e si nutrono sul fondo dei fondali marini, e apportano un reddito significativo al settore della pesca nella regione. Le catture di questi stock sono diminuite significativamente di circa il 23% dai primi 2000.

A questo tasso più di 90% degli stock valutati sarebbe sovrasfruttato da 2025. Senza la condivisione collettiva dello sforzo previsto da questo piano, intorno alle navi 1,500 sarebbe a rischio finanziario 2025. La proposta mira a riportare questi stock a livelli che possano garantire la redditività sociale ed economica per i pescatori e gli oltre 16,000 di posti di lavoro che dipendono da questo.

Il commissario per gli Affari marittimi e la pesca Karmenu Vella ha dichiarato: "La proposta di un piano pluriennale è un seguito diretto alla dichiarazione MedFish4Ever di 2017. Mira a raggiungere un livello sano di stock ittici necessari per prevenire la perdita di posti di lavoro e per sostenere importanti settori economici che dipendono dalla pesca. Ci avvicina ancora di più alla sostenibilità della pesca nel Mediterraneo. Dobbiamo agire e dobbiamo agire con urgenza. Solo così potremo garantire il nostro obiettivo comune di consentire alle attività di pesca di sostenere i pescatori e l'economia negli anni a venire ".

La proposta della Commissione è ora sottoposta a discussione al Parlamento europeo e al Consiglio dell'UE. UN comunicato stampa è disponibile online.

tag: ,

Categoria: Un Frontpage, Conferenza delle regioni periferiche marittime d'Europa (CRPM), EU, Commissione europea, Marittimo, Oceana