#HumanRights: H. Hichilema in Zambia, il dottor Gudina in Etiopia, Sudan del Sud

Il Parlamento europeo esprime preoccupazione per gli arresti dei leader dell'opposizione in Zambia ed Etiopia e chiede la fine della guerra nel Sudan meridionale, in tre risoluzioni votate il Giovedi (18 maggio).

  • Giusto processo necessario per la leader dell'opposizione Hichilema in Zambia
  • autorità etiopi dovrebbero rilasciare Dr merera gudina
  • UE dovrebbe intensificare gli aiuti umanitari nel Sudan meridionale

Zambia: i deputati preoccupati per l'arresto del leader dell'opposizione Hakainde Hichilema

Il Parlamento esprime preoccupazione per l'arresto del leader partito di opposizione Hakainde Hichilema, che è considerato essere politicamente motivato dall'opposizione e ha provocato un'ondata di proteste in Zambia. Mr Hichilema è stato arrestato nel mese di aprile dopo aver presumibilmente il blocco corteo del presidente Edgar Lungu e accusato di tradimento, un reato punibile con una pena massima di pena di morte.

Il caso Hichilema si svolge in un contesto di crescenti tensioni e atti di repressione contro l'opposizione politica a seguito delle elezioni di agosto 2016 politica, i deputati notano. Essi insistono sulla necessità di applicare la legge in modo equo e in un processo di giustizia equa ed ulteriormente sollecitare il governo dello Zambia per garantire la piena libertà dei media e di adottare misure per prevenire la violenza politica.

Etiopia: Il Parlamento chiede la liberazione del dottor merera gudina

I deputati chiedono l'immediato rilascio su cauzione e caduta di tutte le accuse contro il dottor merera gudina, il presidente del partito di opposizione Oromo Federalista Congresso etiope. E 'stato arrestato al suo ritorno da una visita al Parlamento europeo il 9 novembre 2016, dove si unì un pannello con altri leader dell'opposizione ed è stato successivamente accusato di, tra l'altro, 'creando una pressione contro il governo' e 'società minacciosa attraverso i mezzi di violenza'.

Parlamento ulteriori ribadisce il suo appello per un'indagine credibile, trasparente e indipendente sulle uccisioni di centinaia di manifestanti in 2015 e sulle violazioni dei diritti umani contro i membri della comunità Oromo e gli altri gruppi etnici percepiti di essere in opposizione al governo.

I deputati sollecitano il governo etiope di astenersi da “usando legislazione anti-terrorismo per reprimere legittima protesta pacifica” e per eliminare le restrizioni alla libera espressione e di associazione.

Sud Sudan: deputati chiedono il cessate il fuoco e per gli aiuti umanitari

Il Parlamento chiede un cessate il fuoco nella guerra civile in Sudan meridionale, scoppiata nel 2013 dopo che il presidente Salva Kiir ha accusato l'ex vice-presidente Riek Machar di aver pianificato un colpo di Stato, e ha causato la carestia e costretto oltre 3,6 milioni di persone a fuggire dal loro le case. La risoluzione afferma un “totale disprezzo per i diritti umani internazionali e del diritto umanitario e la mancanza di responsabilità per le violazioni” nel conflitto. Condanna l'uso dello stupro come arma di guerra, il reclutamento di bambini da parte di tutte le parti e gli attacchi contro gli operatori umanitari.

La missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (UNMISS) dovrebbe essere rafforzata con capacità europee e il SEAE dovrebbe lanciare un nuovo processo politico verso la piena attuazione di un accordo di pace 2015, sollecitare i deputati. Essi chiedono inoltre l'UE e gli Stati membri ad aumentare gli aiuti umanitari e contribuire a fornire la riabilitazione di istruzione e lungo termine di base.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Sudan del Sud

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *