Seguici sui social

occupazione

Una visione più inclusiva di istruzione e formazione fino a 2020

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Tibor NavracsicsUn progetto di relazione congiunta della Commissione pubblicato oggi (1 settembre) invita a rafforzare la cooperazione in materia di istruzione e formazione fino a 2020 e soprattutto a promuovere l'inclusione sociale.

La Commissione propone oggi di rafforzare la cooperazione a livello europeo nel campo dell'istruzione e della formazione fino a 2020. La sua stesura di una relazione congiunta della Commissione e degli Stati membri pubblicata oggi invita a rendere i sistemi di istruzione e formazione europei più socialmente inclusivi, come parte degli sforzi più ampi per combattere la radicalizzazione a seguito degli attacchi 2015 a Parigi e Copenaghen.

La relazione propone una maggiore attenzione politica per affrontare meglio le sfide più urgenti che la nostra società deve affrontare. Le sei nuove priorità individuate nella relazione includono il miglioramento delle competenze e delle prospettive occupazionali delle persone e la creazione di ambienti di apprendimento aperti, innovativi e digitali, coltivando allo stesso tempo i valori fondamentali di uguaglianza, non discriminazione e cittadinanza attiva.

Istruzione, Cultura, Gioventù e Sport Commissario Tibor Navracsics (nella foto) ha dichiarato: “I giovani europei devono affrontare sfide comuni che richiedono risposte comuni. La minaccia della radicalizzazione mostra quanto sia urgente migliorare le prospettive di istruzione in tutte le nostre comunità. Insieme ai ministri dell'istruzione, rafforzeremo il nostro lavoro comune per ridurre l'abbandono scolastico, contrastare l'esclusione sociale e sostenere classi diversificate in tutta Europa ".

Il commissario per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori Marianne Thyssen ha aggiunto: “L'occupazione giovanile è una priorità assoluta per questa Commissione. Oggi più che mai sono necessarie competenze pertinenti e di alta qualità per trovare un lavoro. Una migliore cooperazione nell'istruzione e nella formazione contribuirà ad aumentare le capacità e i livelli di competenza per affrontare le discrepanze di competenze e quindi sosterrà i giovani europei ad entrare con successo nel mercato del lavoro ".

Il Consiglio dovrebbe adottare la relazione entro la fine dell'anno. Il rapporto propone inoltre di stabilire le nuove priorità per gli anni 5, sostituendo i precedenti cicli 3, per consentire un impatto a più lungo termine. Le sei nuove priorità proposte dalla Commissione sono:

  • Capacità e competenze pertinenti e di alta qualità, incentrate sui risultati, per l'occupabilità, l'innovazione e la cittadinanza attiva;
  • educazione inclusiva, uguaglianza, non discriminazione e promozione delle competenze civiche;
  • istruzione e formazione aperte e innovative, anche abbracciando pienamente l'era digitale;
  • forte supporto per gli educatori;
  • trasparenza e riconoscimento delle competenze e delle qualifiche per facilitare l'apprendimento e la mobilità del lavoro, e;
  • investimenti sostenibili, prestazioni ed efficienza dei sistemi di istruzione e formazione.

sfondo

pubblicità

Istituito a maggio 2009, Istruzione e formazione 2020 (ET 2020) offre agli Stati membri, alla Commissione e agli istituti di istruzione un forum per lo scambio delle migliori pratiche, informazioni e consulenza per le riforme politiche. La Commissione coordina questo strumento di cooperazione.

Il quadro strategico ET 2020 copre l'apprendimento di tutte le forme e a tutti i livelli del processo di apprendimento permanente, compresi l'istruzione e la scuola dell'infanzia fino all'istruzione superiore, all'istruzione e formazione professionale e all'apprendimento degli adulti.

In 2014, la Commissione e gli Stati membri hanno avviato un esercizio di valutazione intermedia per valutare i progressi compiuti da 2012 e per aiutare a preparare le prossime priorità per la cooperazione in materia di istruzione e formazione a livello europeo. Nell'ambito di questo esercizio, durante 2014 sono state condotte una valutazione indipendente, diverse relazioni nazionali e consultazioni con funzionari nazionali, parti sociali europee e altre parti interessate dell'istruzione e della formazione. Le conclusioni di questa analisi si riflettono nel progetto di relazione congiunta ET 2020, presentato oggi dalla Commissione.

A novembre, la Commissione presenterà anche 2015 Education and Training Monitor, un'analisi annuale dei progressi verso gli obiettivi di istruzione stabiliti nell'ambito della strategia Europa 2020. Gli obiettivi principali includono l'abbandono scolastico e il completamento dei livelli di istruzione terziaria.

A breve la Commissione presenterà anche il progetto di relazione dell'UE sulla gioventù, che riferisce sulla cooperazione europea nel settore della gioventù nel periodo 2013-2015. La presente relazione affronterà questioni prioritarie quali la disoccupazione giovanile, l'inclusione sociale e la partecipazione dei giovani.

Maggiori informazioni

Relazione congiunta ET 2020

ET 2020 Documento di lavoro dello staff

ET 2020 Conclusioni del Consiglio di maggio 2009

Scheda informativa post parigina

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending