UE aumenta gli aiuti umanitari a 156 milioni di € in 2015 per soddisfare le crescenti esigenze della regione del Sahel

| Febbraio 16, 2015 | Commenti

A_malnourished_child_in_an_MSF_treatment_tent_in_Dolo_AdoL'Unione europea darà 156 milioni di € di finanziamenti umanitari in 2015 alla regione del Sahel, dove vicino a 20 milione di persone non sanno dove il loro prossimo pasto verrà da e più di 5 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta. Il Regno Unito sta contribuendo al finanziamento dell'Unione europea per il Sahel con € 45 milioni di euro per rispondere alle sfide umanitarie nella regione.

Questo nuovo aiuto è stato annunciato dal commissario Ue per gli aiuti umanitari e gestione delle crisi Christos Stylianides, che è attualmente in Senegal e in procinto di visitare Mali.

"Sahel è la regione più povera del mondo e deve continuare ad essere la nostra priorità. Dobbiamo prevenire la malnutrizione acuta e l'insicurezza alimentare di diventare una norma in Africa occidentale ", ha dichiarato il commissario Stylianides. "Salvare vite è la prima priorità. Allo stesso tempo, dobbiamo affrontare le cause alla base della malnutrizione e di investire in politiche di sviluppo sostenibile per raggiungere l'obiettivo "Fame Zero" entro i prossimi anni 20. Rafforzare la resilienza delle comunità locali a shock futuri resta una priorità fondamentale ".

aiuti umanitari dell'UE per il Sahel andrà a diverse priorità di quest'anno:

  • € 32m aiuterà assistere le vittime della malnutrizione e della crisi della sicurezza in Mali;
  • € 8m verrà utilizzato per contribuire a contenere la crisi alimentare e la sicurezza in Nigeria;
  • € 35m andrà in Ciad per affrontare la malnutrizione e aiutare il crescente numero di rifugiati provenienti dalla Repubblica Centrafricana (CAR);
  • € 4.4m supporto integrato per le persone malnutrite e rifugiati provenienti da CAR in Camerun;
  • € 20.6m sarà utilizzato per supportare i partner che operano a livello regionale in Africa occidentale per combattere l'insicurezza alimentare e la malnutrizione;
  • Il resto dei fondi (€ 56m) coprirà la malnutrizione e assistenza alimentare nel resto dei paesi del Sahel (Senegal, Mauritania, Burkina Faso, Niger, Gambia).

sfondo

Quest'anno sarà molto difficile per molte persone nella regione del Sahel. Siccità nella seconda metà del 2014 ha compromesso i raccolti e può aumentare la volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari, il che rende ancora più difficile per i più poveri per comprare il cibo. Questo è complicata da conflitti nel nord del Mali e Nigeria, nonché con la minaccia di epidemie come l'Ebola, il morbillo e colera.

Nel frattempo, la regione del Sahel si sta ancora riprendendo da quattro crisi alimentare e della nutrizione consecutivi (2005, 2008, 2010 e 2012). I bisogni umanitari crescenti richiedono sia l'aiuto sollievo massiccia e misure per affrontare le cause alla base dell'insicurezza alimentare e della malnutrizione e aumentare la resilienza delle persone più povere. L'Unione europea ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione di AGIR, un'alleanza globale per rafforzare la capacità di ripresa in Africa occidentale che si è posta un obiettivo 'Fame Zero' di 2032.

Dall'inizio del 2014, la Commissione europea ha fornito più di 350 milioni di € per assistere le persone colpite dalla crisi del Sahel. Inoltre, la Commissione e gli Stati membri stanno coordinando le loro azioni in termini di sicurezza e lo sviluppo nel Sahel attraverso un nuovo piano d'azione, che dovrebbe essere presentata entro la fine di marzo 2015. Il piano d'azione rafforzerà gli sforzi dell'UE per promuovere il buon governo, i diritti umani e la democrazia, l'educazione, per prevenire la radicalizzazione, per la gestione delle frontiere e le questioni relative alla migrazione e per sostenere le iniziative a favore della responsabilizzazione dei giovani.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, EU, Commissione europea, Assistenza umanitaria, Finanziamenti umanitari, Sahel

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *